Recensioni Andrea Di Cesare - Big Bang - Artwork

Pubblicato il novembre 14th, 2013 | da Carmen Pierri

0

Andrea Di Cesare: “Big Bang”. La recensione

Andrea Di Cesare: “Big Bang”. La recensione Carmen Pierri
Voto MelodicaMente

Summary: "Big Bang" arriva ad accorciare la discrepanza che esiste tra la musica classica e la musica elettronica

4.75

Per amanti di Musica


Voto Utenti: 4.1 (5 voti)

Più volte in diversi ambiti avrete sentito dire che nelle differenze risiede la forza delle cose, ma quando si tratta di musica forse più che differenze è adeguato fare uso della parola “contaminazioni“. L’ambientazione musicale postmoderna è piuttosto varia, e avanzando a brevi passi nella discografia attuale sono nette le distinzioni tra un genere musicale e un altro, ma ancora nessuno è riuscito a cogliere la sfumatura che risiede tra il vecchio modo di concepire la musica classica e la modernità con la quale essa può essere diffusa ai neofiti della scena musicale. Andrea Di Cesare è un violinista, arrangiatore, direttore d’orchestra, e sfrutta la sua giovinezza e la sua passione sfrenata per la musica per mettere insieme la modernità di strumenti elettronici con la delicatezza e la bellezza senza tempo della musica classica racchiusa nel suo violino.

Andrea Di Cesare - Big Bang - Artwork

Andrea Di Cesare – Big Bang – Artwork

Big Bang” è il suo album d’esordio solista ed è un tripudio di generi, di modulazioni di tonalità e di ricordi,  è un alternarsi di attimi pungenti e momenti più tranquilli. Andrea Di Cesare è la reincarnazione della giusta modernità, ha colto il modo adeguato di portare avanti un’innovazione volgendo continuamente uno sguardo al passato e alle radici della musica. Un album ricco di idee, straripante di momenti da esprimere e davvero eccezionale, “Big Bang” arriva ad accorciare la discrepanza che esiste tra la musica classica e la musica elettronica dimostrandoci che non si può parlare di differenti modi di concepire se l’ambito in cui ci troviamo appartiene alla musica, unica e sola. Completamente strumentale l’esordio solista di Andrea Di Cesare racchiude la verità, perché in fondo è la musica a non mentire mai, ed è indubbiamente concepito costruendo un’architettura melodica complessa ma che all’ascolto risulta essere facile, immediata e piacevole. Basi elettronicamente incalzanti vengono spiazzate e attenuate dalla solennità degli archi, in questo caso in solitario dal solo violino di Andrea. Controtempi, sincopi e armonizzazioni abbracciano nervose ripetizioni alternate a pause sintetiche che solo una modulazione inaspettata può riportare alla normalità, tutto questo è racchiuso nei brani di “Big Bang” tra i quali troviamo anche la splendida voce di Paola Turci e Niccolò Fabi con i brani “Stai Qui” e “Solo Un Uomo”. Perfettamente incastonate in uno scorrere di memorie sbiadite le tracce conosciute lasciano spazio alla variata espressione degli inediti come “The Sound“, “Two Voices“, “Londra“, “The Sun“, “My Memories” e “Claudia“, dalla trama tutt’altro che banale. Unire due universi paralleli è impresa impossibile, ma riportarli alla realtà per mescolarli e renderli unici è un’impresa nella quale solo la musica può riuscire.

La musica non ha limiti, niente può fermare il suo potere e nulla possono la divisione in battute o brani. Niente può annebbiare l’individualità di uno strumento come il violino, il quale riesce sempre a ritagliare un posto anche nella complessità di un insieme di archi. Sono tante le corrispondenze tra la vita e la musica, ma il suono e il tempo riescono ancora a mantenere paralleli i due universi nei quali puntualmente osserviamo le cosiddette “contaminazioni” anch’esse forza indissolubile del potere musicale.

Andrea Di Cesare: "Big Bang". La recensione, reviewed by Carmen Pierri on 2013-11-14T16:43:09+00:00 rating 9.5 out of 10

Tags: , , , ,


Informazioni sull'Autore

Lo studio del pianoforte avvicina il suo cuore alla musica in tenera età facendole sviluppare presto una passione per tutta la musica esistente. Appassionata di musica strumentale è una biologa prestata alla critica musicale. Amante dell'indierock, la sua unica certezza i Radiohead. La musica, l'evoluzione e i numeri la sue passioni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi