Recensioni Beth Hart & Joe Bonamassa - See Saw - Artwork

Pubblicato il maggio 14th, 2013 | da Carmen Pierri

1

Beth Hart e Joe Bonamassa: “See Saw”. La recensione

Beth Hart e Joe Bonamassa: “See Saw”. La recensione Carmen Pierri
Voto MelodicaMente

Summary: Due forze della natura che allo stesso tempo sembrano andare contro natura, e che in un modo o nell'altro sono pronte a rompere qualsiasi barriera, interpretando la potenza black con la raffinatezza musicale di un repertorio melodico d'altri tempi

4

Disco storico


Voto Utenti: 0 (0 voti)

Straordinario come due personalità della musica nate quasi alla fine degli anni 70 riescano a dare alla musica tipica degli anni 50 e degli anni 60 una nuova luce e un nuovo ritmo, quasi se quella musica l’avessero vissuta all’epoca, e poi l’avessero trasformata a distanza di 50 anni. Beth Hart e Joe Bonamassa hanno cominciato a collaborare con l’album “Don’t Explain” nel 2011, e hanno continuato a mettere insieme una graffiante potenza vocale e l’inconfondibile ricchezza melodica del talentuoso chitarrista per dare alla luce “See Saw“. Il titolo ci suggerisce già verso quali lidi andremo a finire con l’ascolto dell’album, e come da copione il soul, il blues e il rock vengono messi insieme per far rivivere successi dei generi appena nominati, i quali rimarranno eternamente immortali. Nomi come Etta James, Billie Holiday e Aretha Franklin sono inclusi nell’album uscito poco tempo fa, che rende giustizia nel migliore dei modi a dei grandi pilastri della musica di tutti i tempi.

Nato come una sfumatura dell’R&B, il soul viene reinterpretato nell’aggressiva chiave blues rock, che a dirla tutta non può essere interpretato nel migliore dei modi che da Beth Hart, cantautrice statunitense dall’inconfondibile timbro vocale. Il tutto viene condito da una buona dose di fiati, i quali avvolgono i virtuosismi da chitarra di Joe, nato con la musica classica e cresciuto con un animo blues. Titoli come ” Them There Eyes” e “Can’t Let Go” sono reinterpretati nella piena caratteristica del rock and roll alla Elvis, arricchiti dall’aggressività del graffio vocale di Beth, la quale riesce a dare sfogo a tutta la sua carica black in brani come “Nutbush City Limits” e la tendente al blues “Miss Lady“. Romantica, intima e segreta la ballata “Sunday Kind Of Love” di Etta James, e misteriosa e sensuale in “Strange Fruit” di Nina Simone, reinterpretate in maniera più morbida e tranquilla, quasi inimmaginabile per lo stile della Hart e la ritmica di Bonamassa.

Beth Hart & Joe Bonamassa - See Saw - Artwork

Beth Hart & Joe Bonamassa – See Saw – Artwork

Close To My Fire” e “I Love You More Than You’ll Ever Know” rendono giustizia anche alla sapienza musicale di Joe Bonamassa, più volte definito l’erede di grandi chitarristi, tra i quali spunta il nome di Eric Clapton. Imperdonabile sarebbe stato dimenticare un brano come “See Saw” della regina del soul Aretha Franklin, al quale, evidentemente, è dedicato tutto questo grande lavoro musicale, grazie al quale Kevin Shirley, vedendoci lungo, e mettendoci il suo zampino, con la sua produzione ha potuto regalarci una collaborazione così preziosa e così talentuosa che prima non ci era mai capitato di ascoltare. Due forze della natura che allo stesso tempo sembrano andare contro natura, e che in un modo o nell’altro sono pronte a rompere qualsiasi barriera, interpretando la potenza black con la raffinatezza musicale di un repertorio melodico d’altri tempi, a dimostrazione del fatto che la buona musica è destinata a rimanere in eterno nella memoria artistica di tutti noi, a prescindere dal periodo storico a cui fa riferimento.

 

Tags: , , , , , ,


Informazioni sull'Autore

Lo studio del pianoforte avvicina il suo cuore alla musica in tenera età facendole sviluppare presto una passione per tutta la musica esistente. Appassionata di musica strumentale è una biologa prestata alla critica musicale. Amante dell'indierock, la sua unica certezza i Radiohead. La musica, l'evoluzione e i numeri la sue passioni.



One Response to Beth Hart e Joe Bonamassa: “See Saw”. La recensione

  1. Eliodoro says:

    Leggere “misteriosa e sensuale in “Strange Fruit” di Nina Simone” è per me come sentire una bestemmia! Controllare autore ed interprete per favore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi