10 Giorni Suonati" che..." /> Brian Setzer a Vigevano, il festival prende una piega rockabilly | MelodicaMente

News brian-setzer

Pubblicato il marzo 29th, 2011 | da Massimo Volpi

0

Brian Setzer a Vigevano, il festival prende una piega rockabilly

Si sta completando il cartellone della nuova edizione del  “10 Giorni Suonati” che si terrà al castello di Vigevano ma i fuochi d’artificio non sembrano ancora essere finiti. Dopo Jeff Beck, Black Crowes, Primus, John Mayall e Black Country Communion e Jack Johnson, ecco arrivare un altro eccezionale artista nella line-up del festival. Si tratta di Brian Setzer che con i suoi “Rockabilly Riot” cercherà di riportare indietro nel tempo Vigevano e tutta l’Italia a ritmo di rock’n’roll: già perché Brian Setzer, per chi non lo sapesse, è stato leader degli indimenticabili Stray Cats, band di riferimento della scena rockabilly mondiale, apparsi  in Italia, per l’ultima volta, nel 2008, nel corso del “Summer Jamboree” di Senigallia.

Non sarà quindi un semplice concerto ma un vero e proprio evento che attirerà a Vigevano gran parte degli appassionati rockabilly di tutto il Paese. Complice, anche la straordinaria presenza dietro alla batteria di Slim Jim Phantom, drummer originale degli Stray Cats, col quale Brian terrà un intermezzo musicale ripercorrendo il repertorio proprio della mitica band di New York.  Sciolti nel 1984 e dopo mille reunion andate più o meno bene e un tour mondiale nel 2007 insieme a Pretenders e ZZ top, sembra che questa sia l’unica vera occasione per riascoltare pezzi veramenti storici a 30 anni di distanza dall’uscita del loro primo omonimo disco.

Si dice che sarà un grande raduno di rocker in jeans e gommina e di pupe in stile pin-up. Ma questo non fa che stuzzicare ulteriormente i palati; anche quelli più difficili.
L’unica, imperdibile, data italiana di Brian Setzer e del suo tour “Rockabilly Riot“, per l’occasione in uno speciale duetto con Slim Jim Phantom, è quella di

  • Sabato 2 Luglio – Castello di Vigevano (ingresso 38 euro + prevendita).

Vista da lontano potrebbe anche sembrare una semplice operazione di marketing per cavalcare l’onda della scena Rockabilly in forte ripresa negli ultimi periodi, complice anche il movimento Burlesque. Ciò non toglie che, qualsiasi sia la scusa, eventi come questo non possono che fare bene sia per chi vuole rivivere quei momenti, sia per chi, troppo giovane allora, ci si vuole anche solo avvicinare. Ma fate attenzione: il Rockabilly è roba che scotta; se iniziate a ballare, fermarvi poi sarà davvero difficile!

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi