Recensioni Buried Dogs

Pubblicato il gennaio 22nd, 2011 | da Nicolò Fantini

1

Buried Dogs: D Time. La recensione

Cerchiamo di mettere da parte per un attimo i pregiudizi che spesso ci assalgono quando sentiamo parlare di musica italiana. Qui non si tratta di pop melodico, o commerciale: i Buried Dogs sono una realtà appena nata che, nel primo singolo “D-Time” ricordano band di fama internazionale come Strokes e Foo Fighters.

Effettivamente il riff di apertura ricorda un po’ quella “Last Nightdi “Is this it” che ha reso famosa l’equipe guidata da Casablancas.

I Buried Dogs sono una band emiliana che, se non venissimo a sapere il nome del frontman (Mauro Buratti, bassista ne “Il nucleo”, che in molti ricorderanno per singoli come “Sospeso”) potrebbe benissimo essere assimilata alla scuola alternative rock made in Usa.

Il sound è pulito, orecchiabile e piacevole all’ascolto. Il ritornello porta allegria e il pezzo nell’insieme non ha nulla da invidiare ai successi d’oltreoceano.

Chiaramente, non si può formulare un giudizio complessivo; attualmente a disposizione si ha solo un singolo. Ci sono buonissimi presupposti perchè i Buried Dogs possano portare una ventata di freschezza nel nostro paese e -perchè no- dimostrare che siamo capaci anche noi italiani di metterci a correre di fianco ai “mostri sacri”.

Il video che accompagna la canzone non è nulla di memorabile, ma ricordiamoci pur sempre che fare musica in Italia significa – nella magggior parte dei casi – arrangiarsi.

Questi ragazzi si sono arrangiati bene. Vedremo se saranno in grado di portare avanti un progetto che sembra promettere ottime cose.

Voto:

6.5/10

Buried Dogs – D Time

Buried Dogs: D Time. La recensione , reviewed by Nicolò Fantini on 2011-01-22T09:39:24+00:00 rating 6.5 out of 10

Tags: , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore

Nicolò Fantini nasce nel 1991 a Reggio Emilia, città dove tutt'ora vive. Nel 2010 ha portato a termine gli studi superiori presso il Liceo Scentifico. Nello stesso anno è stata pubblicata la sua prima raccolta di poesie dal titolo "Oltre il confine dei sogni", nella quale è presente una sezione in cui sono rivisitati i testi dell'album di Fabrizio de Andrè "Non al denaro, non all'amore, nè al cielo". Attualmente frequenta la facoltà di Lettere Moderne presso l'Università degli studi di Bologna.



One Response to Buried Dogs: D Time. La recensione

  1. xxx says:

    Grandissimi! e il video è meraviglioso!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi