A distanza di 35 anni dalla morte del leader dei Joy Division ..." /> La casa di Ian Curtis diventerà un museo | MelodicaMente

News Joy Division

Pubblicato il maggio 22nd, 2015 | da Stefano Pellone

0

La casa di Ian Curtis diventerà un museo

A distanza di 35 anni dalla morte del leader dei Joy Division Ian Curtis, la sua casa sta per essere trasformata in un museo dopo che un fan della band ha deciso di comprare la proprietà.
L’abitazione al numero 77 di Barton Street nel Macclesfield è stata comprata per complessive 190.000 sterline dal musicista e imprenditore Hadar Goldman, che ha deciso di trasformare la stessa in un museo a memoria del gruppo, decisione che ha trovato l’approvazione del bassista dei Joy Division Peter Hook ma non quella di Bernard Sumner, che si è detto dilaniato da questa scelta. La stessa casa è stata utilizzata dal regista Anton Corbijn per il suo film biografico sui Joy Division “Control”.
Ian-Curtis 2

Ian Curtis

Ecco come il 48enne Hadar Goldman ha giustificato l’acquisto: “Anche se l’ho pagata 190.000 sterliune, quasi il doppio del prezzo richiesto (115.000 di base d’asta più 75.000 di debiti pregressi e spese legali, NdR), ho sentito come se fosse una cosa da fare, specialmente dopo aver sentito il dispiacere di tutti i fans che non sono riusciti a raccogliere tutti i fondi per comprare la casa di uno degli eroi musicali della mia giovinezza. I Joy Division hanno lasciato un segno profondo che ha influenzato molte delle bands di oggi. Non è solo una questione di storia e di passato, bisogna aumentare la coscienza di quella che è stata una delle band più seminali di tutta la musica contemporanea. Ogni aiuto per preservare la memoria e l’eredità dei Joy Division sarà ben accetto.”

In questi giorni molti gruppi hanno espresso i loro sentimenti su Ian Curtis in occasione del ricordo della sua scomparsa e lo stesso Peter Hook ha affermato che “Ian era un fantastico compositore ed un frontman meraviglioso. Penso sia stato di enorme ispirazione per le persone, soprattutto per quei tempi in cui tutti cercavano di capire cosa fare della propria vita.”

Tags: ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi