"We know our lyrics are a bit shit", parola di Cold..." /> Coldplay: "Mylo Xyloto". La Recensione | MelodicaMente

Recensioni Coldplay - MyloXyloto-artwork

Pubblicato il ottobre 24th, 2011 | da Greta C

2

Coldplay: “Mylo Xyloto”. La Recensione

“We know our lyrics are a bit shit”, parola di Coldplay. Dopo una dichiarazione simile probabilmente questa recensione potrebbe essere anche superflua ma, a noi piace tanto discutere di musica e, ancora meglio, tentare di trovare un senso in qualsiasi disco e genere musicale. Ritorniamo ai Coldplay facendo un piccolo recap delle ultime dichiarazioni rilasciate, soprattutto dal frontman che, bisogna ammetterlo, sono apparse un tantino bizzarre.

Chris Martin è passato dalla dichiarazione di un amore passionale verso la moglie, sfociando poi nella triste notizia che questo disco potrebbe essere l’ultimo per la band, arrivando a questa perla di saggezza inerente ai testi della sua stessa formazione. Recuperiamo le energie per recensire “Mylo Xyloto” con una buon dose di oggettività. Preciso già che i fan a tutti i costi della band non ameranno per nulla questo mio parere ma, il gusto personale non si discute e, questo disco, non ha di certo conquistato il mio spirito critico. Chris Martin appare gioioso ed emozionato come un bambino nel duetto con Rihanna; la cantante fa il suo ruolo né più né meno rispetto al solito ma Martin sembra davvero essersi appassionato a “Princess of China”. Dopo averci invaso di messaggi di pseudo-innamoramento musicale verso la sexy Rihanna, dicendo che il brano era secondo il suo parere la vetta più alta dell’intero lavoro, ecco che, all’interno del cd è forse l’unico pezzo gioioso e per lo meno ascoltabile con gusto. I tempi d’oro dei Coldplay sono finiti da un pezzo e, aspettarci un brano con un livello di superficialità un attimo meno esibita, sembra essere un’aspirazione troppo alta ma, almeno in “Princess Of China” si ha un target finale ben preciso: gli adoranti fan pop, estremamente pop della formazione.

Coldplay - Mylo Xyloto

Coldplay - Mylo Xyloto | © Sito Ufficiale

I Coldplay, ultimamente, sono il gruppo che divide il popolo musicale in due grandi categorie: coloro che li difenderanno fino alla fine e che ritengono già “Mylo Xyloto” come l’estasi del momento e gli altri affezionati, probabilmente, ai primi lavori della formazione che hanno tentato di ascoltare il disco ma, puntualmente, è finito già nel dimenticatoio. A grandi linee, il disco dei Coldplay mostra diversi punti oscuri, veri e propri buchi che risucchiano tutto il potenziale del disco, perché, da qualche parte il potenziale ci sarebbe dovuto essere.

“Mylo Xyloto” è forse il disco più indicato per una bella serata rilassante sul divano mentre si ascolta questo e nient’altro, magari collassando nel sonno, con un risveglio pop nel duetto con RiRi. E’ forse il disco più ottimistico dei Coldplay, Martin sembra in preda ad un continuo atteggiamento empatico verso il mondo esterno e le ballate, molto molto frequenti nel cd, lasciano presagire questo spirito a metà fra benevolenza e malinconia.

La prima, vera, traccia “Hurts Like Heaven” lascia l’ascoltatore un tantino inebetito. Viene spontaneo chiedersi dove il disco andrà a parare e, ci si aspetta un cd tutto sommato ballabile e con non troppe pretese. Il seguito, “Paradise” prosegue su questa scia e, seppur non si possa giudicare una canzone negativa, di certo ci si aspetta altro da una delle band più considerate, non mi azzardo a scrivere sopravvalutate, degli ultimi anni.

Si passa poi a “Charlie Brown” che, è forse il pezzo migliore di tutto il disco: il brano inizia con uno dei migliori intro dell’album ed uno slancio di Chris Martin vecchia maniera; si arriva nel punto in cui ci si aspetta che finalmente, i Coldplay, dimostrino di essere la band britpop per eccellenza. Dopo questa traccia che fa ben sperare si passa a “Every Teardrop Is A Waterfall” che risulta essere un clone di altre canzoni presenti nel disco. I paragoni “alti”, nella musica, purtroppo si sprecano fin troppo nelle varie recensioni, giornalistiche e non. Da sempre, li ritengo poco opportuni e, ancor più in questo caso. Le altre canzoni dei Coldplay proseguono in un misto fra esaltazione (non dimentichiamoci per nessun motivo “Princess of China”) e malinconia da, quella che dovrebbe essere, occhi lucidi. Purtroppo, delle emozioni che i Coldplay vogliono trasmettere arriva ben poco.

Probabilmente, uno dei problemi di Chris Martin è quello di affidarsi troppo al pensiero dei fan; oggettivamente, bisogna sottolineare che nel periodo pre-uscita del disco, Martin non ha fatto altro che assumere il lato vittimistico della situazione dicendo che non ama googlare il nome della  band in quanto in rete si trovano cose davvero spiacevoli a riguardo.

Definire i Coldplay “Alternative Rock” ormai è utopia pura. I Coldplay sono mai stati Rock? Sono mai stati Alternativi? Per rispondere a queste domande bisognerebbe aprire almeno un altro articolo e relativa discussione. A mio avviso il problema degli estimatori dei Coldplay, vecchia maniera, fra i quali mi includo anche io è quello di vederli ancora come una band alternative rock; se si parte da questo presupposto “Mylo Xyloto” non piacerà; non riesce proprio a piacere anche con i nuovi tentativi di sperimentazione. Coloro che saranno in grado di analizzare il disco solo come prodotto in sé, senza ricondurlo ai Coldplay, allora, riusciranno, forse, a trovare qualcosa di buono nel disco che è un perfetto prodotto pop. Avrei voluto dare almeno la sufficienza ai Coldplay ma, riascoltando “Mylo Xyloto” ancora e ancora, mi è impossibile; la sufficienza la si potrebbe pure dare solo ed unicamente perché sono i Coldplay, perché il ricordo di dischi come “X&Y” e “A Rush of Blood to the Head” non è poi cosi lontano ma, i favoritismi non mi piacciono e questa volta, i Coldplay sono di gran lunga rimandati al prossimo esame, sempre se ci sarà.

5.5/10

Coldplay: "Mylo Xyloto". La Recensione , reviewed by Greta C on 2011-10-24T15:03:12+00:00 rating 5.5 out of 10

Tags: , , , , ,


Informazioni sull'Autore



2 Responses to Coldplay: “Mylo Xyloto”. La Recensione

  1. MArco says:

    Ciao,
    Mi sembra un commento davvero duro. Non capisco questo disprezzo per il disco
    Il bello dei Coldplay è sempre stato un continuo rinnovamento accostato alla sperimentazione di nuove sonorità. Il brano con Rhianna non mi ha entusiasmato particolarmente ma ci sono brani davvero di ottima fattura:
    Paradise
    Charlie Brown
    Us against the world
    Every teardrop is a Waterfall : non mi pare un clone

    Major Minus mi sembra una canzone composta dagli U2

    U.F.O. Canzone stile Coldplay vecchio stampo. Molto bella anche questa
    Up in Flames. Anch’essa bella, ancor di più lo sarebbe senza il sottofondo pop
    Don’t Let It Break Your Heart. Interessante
    Up With the Birds

    Il tuo mi sembra un commento simile a quello dei professori universitari quando te ne dicono di cotte e di crude e poi non si materializza nel voto che ci si aspetta. La tua recensione è pari ad un 3. Usi parole e frasi di forte disprezzo e scetticismo, non certo da quasi sufficienza.

    Lasciami dire che io ho amato TUTTI i Coldplay. La voglia di rinnovarsi e sperimentare mi è sempre piaciuto molto, tranne il duetto con Rhianna. E confermo anche io, questo non è il loro migliore lavoro, ma si tratta di preferenze melodiche. In una compilation inserirei comunque alcune tracce di questo disco.

  2. Violet says:

    Ciao Marco, innanzitutto grazie per il tuo commento – opinione. Quando si lasciano pareri in modo rispettoso sono sempre la prima ad essere felice di discuterne. Allora, sul fatto “discordanza fra ciò che ho detto e voto” è subito spiegato: ritengo che questo disco non sia neanche lontanamente avvicinabile ai migliori album dei Coldplay ma riconosco che ad alcuni possa piacere. I Coldplay, dietro, hanno una storia indipendentemente se essa sia favolosa oppure sopravvalutata, poco importa. Dare un 3 ad un gruppo che è riuscito nel tempo a produrre canzoni che in qualche modo hanno fatto la storia di questi anni mi sembrava davvero molto duro (molto più duro di quanto io non sia già stata). Nella recensione ho espresso il mio parere sui brani, non lesinando critiche, come si può leggere ma, complessivamente distruggere con un 3 questo disco mi sembrava di infierire troppo. Inoltre, i Coldplay si sono salvati, in questo disco, con “Charlie Brown” che reputo la miglior canzone di “Mylo Xyloto”; senza di essa, probabilmente il voto sarebbe stato molto vicino al 4.

    Riguardo ai professori universitari, guarda, beato tu che hai trovato professori che hanno elargito voti migliori di quanto t’aspettassi, io ho sempre trovato il contrario 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi