News Conrad Murray | © Mario Anzuoni-Pool/Getty Images

Pubblicato il aprile 3rd, 2013 | da Chiara B

4

Conrad Murray torna a parlare di Michael Jackson: “Non l’ho ucciso io”

Non c’è pace per Michael Jackson, l’indiscusso Re del Pop scomparso improvvisamente il 25 Giugno del 2009 a causa di un sovradosaggio della medicina Propofol, a lui somministrata dal medico personale, il Dottor Conrad Murray. A stabilire ciò è stato nel 2011 il tribunale di Los Angeles, che ha condannato Murray a quattro anni di carcere per l’omicidio di Jackson. Il reato è stato definito involontario dalla Corte, ma il medico ancora oggi continua a professarsi totalmente innocente ed estraneo alla morte del proprio paziente nonché grande amico. Risale a pochi giorni fa l’ultima occasione in cui ha avuto modo di parlare della vicenda, partecipando al talk show condotto da Anderson Cooper per la CNN.

Nel corso dell’intervista che ha rilasciato, il Dottor Murray ha ribadito la propria estraneità rispetto alla morte di Michael Jackson. Nel corso del processo conclusosi mesi fa, e che lo ha ritenuto colpevole dell’omicidio involontario della pop star, l’accusa aveva dato addirittura delle dimostrazioni pratiche in aula che hanno convinto la Giuria che l’unico colpevole non poteva che essere lui, proprio il Dottor Conrad Murray.

Conrad Murray | © Mario Anzuoni-Pool/Getty Images

Conrad Murray | © Mario Anzuoni-Pool/Getty Images

Ad Anderson Cooper, che gli ha domandato nuovamente la propria versione dei fatti e la sua opinione sulla sentenza, ha risposto:

Sono innocente, torno a dire che io sono innocente. La morte di Michael mi addolora, è stata una perdita enorme per me. E’ un peso enorme che ho portato a lungo e che porterò ancora per molto tempo.

Dopo aver nuovamente ribadito la propria buona fede e di non aver mai somministrato quella dose fatale di Propofol a Michael Jackson, il Dottor Murray ha anche espresso la speranza di poter tornare ad esercitare la professione medica una volta scontati i quattro anni di carcere impostigli dalla Corte.

Nei giorni scorsi, inoltre, si è inoltre aperto a Los Angeles il processo indetto dalla famiglia di Jackson contro la AEG, l’azienda che nel 2009 si è occupata di organizzare la tournée che avrebbe  portato il Re del Pop in giro per il mondo, se solo non fosse morto. Secondo i parenti, i promoters sarebbero colpevoli di negligenza verso le condizioni di salute di Michael, posto ad eccessive pressioni e quindi spremuto di tutte le sue energie.

Per questo motivo la famiglia ha chiesto un risarcimento di 26 miliardi di sterline alla AEG per i danni da loro causati. Pare, inoltre, che a testimoniare relativamente alle condizioni di salute precarie di Jackson, non tenute in considerazione dall’azienda, saranno i figli dello stesso MJ.

Tags: , ,


Informazioni sull'Autore



4 Responses to Conrad Murray torna a parlare di Michael Jackson: “Non l’ho ucciso io”

  1. Federica Cambini says:

    Proprio ieri è cominciata la cernita dei 20 giurati che dovranno poi dare il verdetto al processo che, presumibilmente, comincerà tra una ventina di giorni.
    A questo link c’è il video – sottotitolato in italiano – con le motivazioni sulla condanna del “Dr.” Murray http://www.youtube.com/watch?v=1DqtznZHurw
    Ascoltate bene e poi ditemi come fa questo “medico” a professarsi ancora innocente!
    E comunque…ci credo che per lui la morte di Michael è stata una perdita enorme…infatti prendeva ben 150.000 dollari AL MESE per prendersi cura di lui!!!
    Nei prossimi mesi ci sarà da sopportare per l’ennesima volta lo schifo che quelli della AEG butteranno ancora su Michael pur di difendersi dalle loro nefandezze…bisogna stringere i denti e lottare per Michael, affinché Verità e Giustizia vengano finalmente servite, una volta per tutte!!!

    Chiara B.,
    permettimi due precisazioni: il medicinale si chiama Propofol, non Propol, e il verdetto è stato raggiunto il 29 novembre del 2011, non nel 2012 🙂 Grazie!

    • Chiara B says:

      Ciao Federica! Ti ringrazio innanzitutto delle precisazioni: segnalazioni come le tue sono fondamentali per correggere sviste, che purtroppo scappano, nonostante la nostra massima attenzione nel documentarci e nello scrivere. Ho provveduto personalmente a correggere le informazioni non esatte.
      Grazie ancora, alla prossima! 🙂

      • Federica Cambini says:

        Grazie a te Chiara! Proprio perché conosco la vostra professionalità e correttezza mi sono permessa e sapevo che non ve la sareste presa.
        Grazie mille ancora e alla prossima 🙂

  2. Federica Cambini says:

    Chiara, ho sbagliato io nel mio primo commento: i giurati scelti saranno 12 e non 20. Chiedo scusa 😛

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi