12 (american song book)" i..." /> Mina, in "12 (american song book)" l'omaggio ai grandi classici | MelodicaMente

Uscite Discografiche Collage copertine - 12 (american song book), Mina

Pubblicato il dicembre 4th, 2012 | da Vittoria Borgese

0

Da Elvis Presley a James Taylor, l’omaggio di Mina ai grandi classici

Esce oggi, 4 dicembre 2012, nei negozi e in digitale  “12 (american song book)” il disco in cui Mina interpreta 12 grandi classici della tradizione  americana: dodici  è un numero simbolico e rituale che oltre ad essere quello dell’anno di pubblicazione dell’album è anche il numero delle tracce (  il numero “classico” delle canzoni contenute nei dischi quando ancora uscivano su vinile a 33 giri, con sei brani per facciata) così come delle diverse copertine di Mauro Balletti e Gianni Ronco con le quali sarà disponibile la prima tiratura del Cd – copertine d’autore ispirate alla discografia jazz dagli anni ’30. E’ un lavoro con cui Mina inaugura una serie di “progetti” a tema.

Nell’album sono stati reinterpretati dalla splendida voce di Mina dodici canzoni americane, scelte dalla stessa cantante in assoluta libertà spaziando fra gli anni Trenta e gli anni Settanta (dal 1930 di “Just a gigolo” al 1970 di “Fire and rain“). Altri interpreti hanno già avuto modo di affrontare questo genere di repertorio ma l’approccio di Mina ai pezzi è stato basato sul rigore: ha cantato in studio, ma dal vivo, accompagnata da un trio jazz di impeccabile professionalità composto da Danilo Rea al pianoforte e al piano Fender, Massimo Moriconi al contrabbasso, Alfredo Golino alla batteria; una formula classica, ampliata soloin “Love me tender” e “Anyway, anywhere” dalla chitarra di Luca Meneghello. Gli archi scritti magistralmente da Gianni Ferrio, e diretti da Alvaro Piccioni, coloriscono da par loro quattro canzoni dell’album.

Collage copertine – 12 (american song book), Mina

E “12 (american song book)” risulta così un album di straordinaria coerenza e che, orgogliosamente, non fa sconti. Un lavoro affascinante in cui quello che cattura fin dal primo ascolto è la disinvoltura sorridente, ma non irridente, con la quale la voce di Mina accarezza le melodie, senza mai strafare in stucchevoli esibizioni di tecnica vocale ma dando sempre la precisa sensazione di essere perfettamente a proprio agio, totalmente padrona della situazione.

Mina mostra attraverso “12 (american song book)” ancora una volta, la sua straordinaria bravura e la sua immensa classe. L’album è il frutto dell’intelligenza, del talento e della passione di un’artista che prima di ogni altra cosa ama la musica e le canzoni, e che si è conquistata il diritto e il privilegio di infischiarsene delle mode, delle tendenze, del marketing.  Sia che canti Cole Porter sia che interpreti Kurt Weill, sia che omaggi l’Elvis Presley di “Love me tender” sia che promuova a standard “Fire and rain” di James Taylor, sia che scherzi con “Banana split for my baby” di Louis Prima sia che si conceda la tenera malinconia natalizia di “Have yourself a merry little Christmas” sia che si confronti con un ultra-evergreen come “Over the rainbow“, prima traccia del disco in rotazione radiofonica.

Sul lavoro fatto e sui pezzi scelti per entrare a far parte del disco Mina ha dichiarato:

… Con lo squisito, più che prezioso aiuto dei miei adorati Danilo Rea, Massimo Moriconi, Alfredo Golino, Gianni Ferrio che sono, senza discussione tra i migliori al  mondo, mi lascio sommergere dalla bellezza. E li canto. Con circospezione, con cautela. Non dimenticando che sono stati nella gola dei più grandi maestri del passato dai quali ho imparato tutto. 

Questa volta mi sono proprio abbandonata completamente. Senza pensare al prima o al dopo.  Mi sono messa in sala e ho liberato l’anima, il cuore e la passione ignorando l’armatura stretta che ti obbliga a dover usare i tuoi strumenti naturali in modo commerciale.

Detesto quelli che intervistati alla fine di un lavoro dicono: “Ah come mi sono divertito”. Questa volta anch’io devo dirlo. Mi sono proprio divertita. Eh, si.

Mina 12 (american song book)- Tracklist

  1. September Song
  2. Banana Split For My Baby
  3. Everything Happens To Me
  4. Fire And Rain
  5. Have Yourself A Merry Little Christmas
  6. I’ll Be Seeing You
  7. I’m Glad There Is You
  8.  I’ve Got You Under My Skin
  9. Just A Gigolo
  10. Love Me Tender
  11. Over The Rainbow
  12. Anytime, Anywhere

 

Tags: , , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore

Spirito pratico e razionale, ama la musica in tutte le sue forme come strada per lasciarsi andare alle emozioni. Condivisione e lavoro di squadra sono le sue parole d'ordine; Lenny Kravitz e Francesco De Gregori il suo debole.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi