News no image

Pubblicato il febbraio 17th, 2010 | da cicciorigoli

13

Festival di Sanremo 2010: la ComiCronaca della prima serata

Si è da poco conclusa la prima delle cinque puntate del Festival di Sanremo 2010, e dopo avervi proposto il live blogging della kermesse insieme ad alcuni dei video delle esibizioni, come ogni Sanremo che si rispetti non poteva mancare l’atteso Dopo Festival. Per questo motivo vogliamo proporvi la ComiCronaca di MelodicaMente ad opera dell’amico nonchè grandioso comico cicciorigoli.

Buona lettura!

Sanremo 2010. Mi son perso l’inizio con Paolo Bonolis e Luca Laurenti ma, capirete, stavano i Simpson su Fox. Eppure mi dicono sia stato il momento più bello, però anche la puntata in cui Homer vuole fare il presidente dell’azienda municipale della nettezza urbana non era male.

Si comincia con Irene Grandi. Stavo ancora mangiando il risotto, quindi l’ho sentita a spizzichi e soprattutto a bocconi, mi ricordo solo che sembrava una canzone dei Baustelle, anche perchè l’ha scritta quello dei Baustelle. Ci si chiede perché non l’abbiano cantato i Baustelle bensì Simona Ventura. Voto: 6 (soprattutto per colpa del risotto).

Valerio Scanu: Il codino parla da solo. E anche la sciarpa. Mi ricordo che c’era un lago e diceva 80 volte amore. Potrebbe vincere, quindi. Voto: Televoto.

Toto Cutugno. Di sicuro andrà benissimo nell’Est Europa, dove Toto ha un gran seguito. Forse non tutti sanno che uno dei siti più cliccati di Toto Cutugno è il fan club romeno, mentre il secondo risultato in Google è il fan club spagnolo. Ecco, Toto, lasciaci un buon ricordo e parti presto per una tournée mondiale che non contempli l’Italia. Ha cantato male, anche se averlo visto più pienotto rispetto all’anno scorso fa piacere. Voto: 3 (1 punto va all’ingrassamento del Cutugno nazionale, se si presentava come l’anno scorso pigliava 2).

Arisa: Divertente mentre la ascolti, appena finita la canzone ti accorgi di aver perso momenti importanti della tua vita in cui avresti potuto aggiornare il curriculum oppure telefonare ai tuoi genitori per dire loro che gli vuoi bene. Assomiglia sempre più a un cartone animato ma comincia ad avere meno rispettabilità delle Super Chicche. Voto: 5 (che scalerà di un punto ogni volta che la ascolterò alla radio).

Nino D’Angelo: Nino si presenta con accanto le tette di Maria Nazionale, poi guardi meglio e sul palco c’è anche Maria Nazionale. La canzone è anche bella, però ho capito solo Jamme Ja (anche se si intitola “Jammo Ja”. Perché con la “o”?). Per il resto l’ho canticchiata utilizzando stereotipi quali pizza, mandolino, Vesuvio e Bassolino. Voto: 6 (2 punti dei quali vanno alle tette di Maria Nazionale).

Pupo, Emanuele Filiberto e il tenore Cacalicani: La canzone inneggiante alla nostra Patria bella è il motivo migliore per andarsene dall’Italia. Se avessero cantato questa canzone prima del referendum Monarchia/Repubblica avrebbe vinto l’astensionismo. Commento della mia fidanzata: “Pupo, il Principe e il Tenore è il prossimo film di Natale della Disney”. Voto: 12.718.641 (I voti a favore della Repubblica nel referendum).

Enrico Ruggeri: Questa canzone era evidentemente la continuazione di Mistero. Si parla tanto di plagio, non so se l’autoplagio vale lo stesso. Commento della mia fidanzata: “Sta rivelando finalmente qual era il Mistero!”. Voto: 5 (3 punti vanno però al ricordo di quando cantava Contessa).

Marco Mengoni: Vestito come lo Sheridan (il liquore, non il tenente), il trionfatore di X Factor che sa cantare, e bene, ci regala una canzone di una bruttezza devastante che però, lo sappiamo, ci dovremo sorbire in radio fino a farcela piacere. Grazie per il regalo, ma mi sa che lo riciclerò al primo compleanno disponibile. Menzione speciale per i capelli, una chiara sfida alla legge di gravità e a diverse leggi dello stato italiano. Come se non bastassero gli oltraggi di Pupo, Emanuele Filiberto e il tenore Cacalicani. Voto: 5 (ma solo perchè il ragazzo è bravo, la canzone invece si merita di tornare a Settembre. Del 2047).

Simone Cristicchi: Bella canzone, divertente, cantabile e non banale. Cosa possiamo dire? Che ha rimediato a quella canzone che aveva presentato ma che faceva schifo qualche anno fa, e che fa schifo anche adesso tra l’altro, e che non mi ricordo qual è, come fa, e che non merita di essere cercata su Youtube. Mi ricordo solo che avevo pensato fosse già passata la parabola di Simone Cristicchi, che invece risale trasformandosi in una sinusoide (la parabola, non Cristicchi). L’ho letto su Wikipedia, a memoria non lo ricordavo. Voto: 8 (qualcuno dovrà pure passarlo l’esame, no?).

Povia: Pensavo dovesse cantare con Goran Bregovic, dato l’aspetto trasandato, i capelli unti e le collane pesanti. Invece no, presenta una canzone su Eluana sulla quale avevo fatto una battuta troppo crudele da mettere qua. Se volete diventate amici miei su Facebook e ve la andate a leggere lì. Era divertente, almeno per me. E non spreco altre parole. Voto: Ooooooohhhhh (come facevano i bambini).

Sonohra: Citazione della mia fidanzata: “Sembrano i Googoo Dolls, quello biondo sembra che abbia il parrucchino, guarda come sono grandi le chitarre vicino a loro!”. Mi ricordo solo che dicevano “Baby”. Voto: 2 (nel senso che loro sono in 2, sennò era ancora più basso).

Irene Fornaciari e i Nomadi: Si, come no, ti hanno scelta perché sei brava, non perché sei la figlia di Zucchero. Certo, anche Piersilvio sta lì perchè è bravo, mica perchè è Pierfiglio. I Nomadi non si sa cosa ci stessero a fare, forse avevano 5 giorni liberi dalle loro tournée infinite. Speriamo continuino così, cioè a non fare tournée. Commento del mio amico Vincenzo: “Sembra Boldi”. A quel punto ho cominciato a ridere e non ho ascoltato più niente. Non che prima fossi stato attentissimo, a dirla tutta. Voto: Solo 2 calorie

Malika Ayane: Quando canta Malika Ayane il confine tra capolavoro e rompimento di palle è un filo sottile. Malika ci cammina bene sopra e stavolta canta una bella canzone. Però non le funzionava bene l’auricolare, e questo mi è piaciuto perché a Sanremo sembra che non cantino mai davvero. Si vocifera sia stata una reazione della Lega ai recenti fatti di Via Padova, per rappresaglia contro gli extracomunitari. Malika, mi prometti una cosa? Se vinci ti fai cacciare dai manifesti della Tim, che non ne posso più di vederti tutti i giorni nel sottopassaggio della stazione di Novara? Anche perché ogni volta devo leggere che sei tu, perché me lo dimentico. Voto: 9 (diventa 10 se scompare il manifesto della Tim dal sottopassaggio della stazione di Novara).

Noemi: Peccato. Mi aspettavo qualcosina di più, perché devo confessare che ogni volta che ascoltavo la canzone precedente di Noemi alla radio dicevo: “Bella sta canzone”, vergognandomi un po’. Avrei voluto continuare a vergognarmi. Voto: 5 (un punto in meno per i capelli, della stessa nuance di quelli di Michela Vittoria Turismo Brambilla).

Fabrizio Moro: Mi ricordo che c’era un chitarrone, e la mia fidanzata ha visto la batterista e ha detto: “Uh, una femmina”. Segno che ce ne vuole per la parità dei sessi. Io ho la stessa reazione quando vedo una donna guidare un tram. Solitamente salgo su quello dopo. Voto: 6 (ne darei uno in più per il chitarrone, vanificato però dalla maglia a maniche lunghe che io odio).

E adesso gli ospiti:

Bonolis e Laurenti: Stavo guardando i Simpson, l’ho già detto all’inizio.

Susan Boyle: La odio, non la sopporto, spero che scompaia presto. Ottima la discussione con la mia fidanzata circa la sessualità di Susan Boyle e una battuta letta su Facebook: “Sembra Calderoli con la parrucca“. Sfido chiunque a dire il contrario.

Antonio Cassano: A un certo punto ha detto: “Non si capisce altamente niente”. Mi associo a quanto detto da lui, e vorrei chiedergli perché continua a parlare in italiano come Maradona negli anni Ottanta. Da più parti consigliano inoltre una pulizia dei denti.

Dita von Teese: Quando dopo la réclame ho messo di nuovo su Rai Uno pensavo ci fosse una puntata di “Colpo Grosso”. Era vestita da ragazza portafortuna, non mi sarei stupito se avesse danzato sulle note di “Po, popo, popopopo, po po po… po po portafortuuuuna!”.

E infine… Antonellina Clerici! Riporto solo due frasi: “Bene, siamo al giro di boa, dopo 8 canzoni ne abbiamo sentite 8, ne mancano altre 8“; “Volete un po’ dei miei cartoncini? Eh, lo so che vi servirebbero!“. A fare cosa, non si sa. Ha fatto rimpiangere l’edizione con i figli d’arte, taluni suggeriscono anche quella con Edwige Fenech e Andrea Occhipinti. Pause lunghissime, nel momento in cui riattaccava a parlare rimpiangevi le pause.

Per chiudere, scambio virtuale tra Antonella Clerici e la mia fidanzata:

Antonella: “Come vi son sembrate le canzoni di stasera“?
Fidanzata: “Italiane“.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore



13 Responses to Festival di Sanremo 2010: la ComiCronaca della prima serata

  1. laura says:

    complimenti per la cronaca…. concordo quasi su tutto, ma spenderei qualche parola anche sul look della clerici e sulla sua camminata…inguardabile!! meglio abito lungo e sotto, nascoste, delle ballerine… eviterebbe l’effetto “camminata/trascinata” dovuto all’uso improprio delle scarpe col tacco…

    saluti,
    Laura

  2. MEME says:

    complimenti per i commenti…
    MEME DIMONTENEGRO

  3. ory says:

    Ma va a …… soprattutto per il commento ai NOMADI!

    E che continuino a fare tutti i concerti che fanno… Il tuo commento è davvero superficiale e un pò stupido.-…

    • Lobotomia says:

      @ory: avresti dovuto immaginare che il termine “Comico” unito a “Cronaca” avesse in se un nascosto segreto, magari il poco velato obiettivo di voler scherzare sull’evento di ieri. 🙂

  4. cicciorigoli says:

    @ory: Grazie, davvero. Era quello che voleva essere, superficiale e un po’ stupido. Come il resto del mio pezzo, tra l’altro. Anche perché io non ho nulla contro i Nomadi, anzi, una volta avevo anche l’accendino dei Nomadi a forma di camion (giuro). Comunque non credo che smetteranno di fare concerti per un mio commento;
    @meme: Grazie!
    @laura: Grazie, sulla camminata non ho detto nulla perché non mi va di infierire quando una persona evidentemente sta male. Quando l’ho vista all’inizio ho detto: “Però, che tette il Dottor House!”.

  5. laura says:

    visto il tono fra il serio ed il faceto della risposta/delle risposte mi chiedo se veramente la clerici stia male… perchè se così fosse, chiedo venia per il mio commento… so che si è sentita male in un passato più o meno recente, ma altro non so…

    aggiungo solo che al primo ascolto non mi è dispiaciuta la canzone di Noemi, ma è un punto di vista del tutto soggettivo..

    ciao ciao a tutti

  6. cicciorigoli says:

    @laura: scherzavo, tranquilla. Da quanto ne so, non credo stia male. Spero.

  7. Pute91 says:

    Anche io mi sento di dissentire riguardo ai Nomadi.. Sono dei grandi e te lo dice un diciottenne!Per il resto il tuo commento mi ha fatto proprio divertire, forse più di tutte le canzoni in gara,compresa quella dei Nomadi!

  8. TuttoFaMedia says:

    alcune già le sapevo in anteprima che ti sono amico su facebook.
    comunque il mio riferimento alle tette della Nazionale è un omaggio alla nostra hamica comune che aveva fatto un riferimento alle stesse scrivendo: madò sono grandi come la capa mia.

  9. mary-hell says:

    a me il Moro è piaciuto un casino..ha portato una botta di energia in quel mortorio!!!…e la batterista era davvero forte…

  10. Bianca says:

    Complimenti per i commenti..non concordo per i Nomadi..anche se non sono d’accordo sulla loro partecipazione a questo festival in veste di accompagnatori.

  11. Emanuela says:

    Avevo commentato la puntata di Sanremo su un altro blog, e anche io avevo accostato Mengoni allo Sheridan.
    Tu sei uomo e io son donna…
    se non è questa parità…
    no, non cambiare pullman 🙂

  12. Mark says:

    Concordo, ma ho scoperto ora di essermi perso i Simpson… Per la gag dove Laurenti fa il finto scemo e Bonolis il finto savio.

    La cosa che mi è piaciuta di più è stata la contestazione finale dell’orchestra…
    (ma non sono pagati?) “Gli esperti contro il parere del popolo sovrano” come ha sancito la Clerici ahaha. Così, (come al solito) quando i risultati non piacciono qualcuno pensa di cambiare le regole del voto… e sembra di stare in Parlamento 🙂

    L’anno scorso c’era Maria e ha vinto Marco Carta, quest’anno Costanzo e ha vinto Scanu, quelli si che sono Amici.

    Per i Nomadi… il più presente è ancora il grande Augusto, lo sanno e non mancano mai di ricordarlo… altrimenti chissà.
    Ho solo cercato di immaginare quella canzone cantata da Zucchero, invece che dall’imitazione al femminile.

    Ma perchè i “grandi” non vanno mai a Sanremo?
    Un Festival della canzone italiana senza i “grandi” non è rappresentativo quindi diventa uno spettacolo come un altro…

    E’ come un campionato di calcio senza Ronaldinho, Totti, Del Piero ecc. che vanno ogni tanto a palleggiare come ospiti… O no?

    Ora basta sennò, giustamente, mi bannate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi