Video Festival di Sanremo 2010

Pubblicato il febbraio 19th, 2010 | da Mara Parlongo

22

Festival di Sanremo 2010: Pupo, Emanuele Filiberto e Luca Canonici rischiano la squalifica

Il regolamento del Festival prevede che le canzoni in gara devono essere non solo nuove, ma il testo una volta accettato a Sanremo, non può essere cambiato, regola non rispettata, stasera alla quarta puntata della kermesse dallo strano trio , Pupo, Emanuele Filiberto e Luca Canonici.

Proprio per questo motivo il trio, che stasera si è esibito con “Italia Amore Mio”, coadiuvati delle Divas, e il ct della nazionale Marcello Lippi, che prima dell’esibizione ha tentato di fare una sorta di appello per questo mostro a tre teste(Pupo-Filiberto-Canonici) rischia la squalifica.

Queste le voci che circolano al momento, ancora la conduttrice del Festival, Antonella Clerici, non ha dichiarato niente, sicuramente la “rivelazione” verrà fatta alla fine della puntata. Vi daremo conferma appena possibile.

Tags: , , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore



22 Responses to Festival di Sanremo 2010: Pupo, Emanuele Filiberto e Luca Canonici rischiano la squalifica

  1. Nonsenepuòpiù says:

    Sono lì solo perchè tutti volevano vedere Lippi e lui ha intercesso… che vergogna!
    Ora però, non si scappa: fuori!

  2. Patrizia says:

    Sono rimasta basita dal risultato delle eliminazione dei big di questa serata. non riesco a capire come possano essere passati il “trio lescano”; dopo poi la performance di Lippi… (lui non canta ma a chiacchere ci sa fare….pigliate un sonnifero a Lippi!!!). E vogliamo parlare del testo della canzone cambiato? Prima :- Non partecipo al festival se il testo non è quello che voglio io! Mo che fai Pupo adesso lo cambi? Che buffoni…..voglio proprio stare a vedere se tutto questo passa inosservato. Ciao e sogni d’oro

  3. Francesca says:

    Dubito che finalmente potremo liberarci di questi buffoni (escludo giusto Canonici che è l’unico decente), ma se così fosse, rischierei di spezzarmi due o tre costole dal ridere.

    Spero che almeno i fischi abbiano aperto le orecchie di chi non ha voluto sentire. Escludere Ruggeri per una canzone così patetica, insulsa e propagandistica è stato veramente un colpo basso e un imbroglio palese.

    Se questo non è bastante, aggrappiamoci almeno a questa faccenda del testo cambiato. Tanto a scavalcare le regole il Trio Lescano mi sembra che ci sia abituato. Chapeau.

  4. anonimo says:

    Filiberto mi fai pena!! Da quando ho sentito odore di brucio ho capito ke eri te! Tanto siamo abituati!!

  5. anonimo says:

    Emanuele Filiberto mi fai pena! Da quando ho sentito odore di squalifica ho capito ke eri te! Ti hanno ripescato e basta vergagnati!!!!!!!

  6. naria pia says:

    La canzone del trio è orecchiabile, pop e retorica.Non peggio di molte altre.Non è che le altre siano brani musicalmente eccelsi.Il principe sconta il fatto di chiamarsi Savoia, se si chiamasse Rossi andrebbe benissimo.Paga gli errori del suo bisnonno che lui non nemmeno mai visto e di suo padre che non è nemmeno da menzionare. Personalmente sono repubblicana trovando la monarchia un istituto anacronistico, però non penso che sia una sua colpa quella di essere nato dov’è nato. E nemmeno che sia un disonore essere un Savoia con 1100 anni di storia alle spalle solo perchè alcuni di loro hanno demeritato.

  7. Connie says:

    Non C’è nulla di male del trio ,veramente la canzone ha delle bellissime parole,veramente noi che siamo all’estero apprezziamo di piu` essere italiani che l’italiani stessi che vivono in Italia.Mi sa tutti ce l’hanno col principe ,veramente è piu` ITALIANO lui che tutti gli italiani che sono in italia “adesso”,e voi sapete di che parlo ………….spero che vincono fino alla fine

  8. Luca says:

    I Savoia di italiani non hanno nulla! Sono scappati all’estero e quando li han fatti rientrare hanno anche avanzato pretese di danni! La canzone è copiata da questa http://www.youtube.com/watch?v=3CHkg1Pq2TY più ogni tanto colpi di Over the Rainbow e paragonare il savoiardo agli immigrati che lottano è semplicemente VERGOGNOSO! Fan bene a fischiarli. Il pubblico li fischia e nel sondaggio di Repubblica la loro canzone è la peggiore. Vinceranno con l’imbroglio, ma non servirà a vendere questa canzone orrenda

  9. gianni says:

    …non diomenticate che pupo e’ un gran giocatore d’azzardo e sa bene come far girare le carte

  10. charlie says:

    Rispondo a luca I Savoia non sono scappati e stato il referendum a mandarli via
    poi che colpa ne ha Emanuele Filiberto? credo che e’ piu’ Italiano lui di tanti altri st…che stanno in Italia. la canzone
    di moro la la la la la. Mi stava venenedo l’esaurimento

    Viva l’italia con Emanuele bravo Pupo che Coraggio(diamogli il cavalierato se lo merita)e poi i fischi senzo di incivilta e buona educazione

  11. lukytella says:

    pupo sarà anche un gran giocatore ma in questo caso non fa girare le carte ma qualcosa d’altro. per me devono andare a casa tutti e tre in blocco. mi stanno sulle scatle con la loro spocchiosa spavalderia.

  12. lukytella says:

    charlie emanuele filiberto sta solo recitando la parte di cittadino italiano.
    essere italiano non lo si dimostra con una canzoncina e proprio lui che porta quel nome dovrebbe saperlo. per quanto riguarda il resto, Pupo non merita il Cavalierato (che gli vogliamo dare un pony?). gente più meritevole di lui lo merita e per ben altri meriti e i fischi ci possono stare basta che non degenerino.c’erano ad una prima della Scala se non ricordo male; qua siamo a Sanremo e ci sono solo canzonette e per i Savoia studiati un po’ di storia patria. non fa mai male. a cominciare dalle guerre controfirmate e dalle leggi razziali. quel nome ha fatto più danni della bomba atomica. butterei a mare perfino il nome Mussolini (par condicio)

  13. Fra' diavolo says:

    Aggiungo a quanto detto da lukytella che qui in Italia, in quella Italia che crediamo giusta e democratica, l’INPS paga le pensioni agli infoibatori. Oppure le vie cittadine sono intitolate a personaggi politici dell’Ottocento che hanno commesso stragi oppure sono stati coinvolti in grossi scandali come quello della Banca Romana.
    Dal 1981 si praticano regolarmente omicidi di feti negli ospedali.
    Ancora si festeggia l’anniversario della Liberazione mistificando i crimini commessi da alcuni partigiani.

    Con tutte queste cose con cui dobbiamo fare ancora i conti, stiamo a pensare a fischiare Filiberto? Cominciamo a fischiare noi stessi, che ancora siamo lontani dalle verità storiche.

  14. dadao says:

    e tutto un imbroglio hanno pagato quei cornuti!!!!!

  15. LeslieW says:

    Caro Fra Diavolo,

    Se oggi sei una persona libera lo devi ai partigiani che hanno combattutto contro a causa delle cazzate dei Savoia e di Mussolini; sei hai dei diritti come lavoratore, lo devi alla gente di Sinistra che ha combattuto affinchè fossero rispettati, l’inps paga sopratutto la pensione di tuo nonno, le Foibe sono una delle più becere e volgari mistificazioni del governo-spazzattura che abbiamo in Italia, andate a rileggervi la Storia, quella vera: e smettetela di fare i revisionisti da strapazzo, i Savoia amano l’Italia ? Restituiscano al popolo che “amano” tutto quello che gli hanno rubato, buffoni loro, chi organizza Sanremo, e tutta quella banda di troie di alto borgo che guadagnano in una sera quello che un operaio guadagna forse in 10 anni…

  16. arturo says:

    L’italia si è abituata ormai alle mezze calzette come il signor E.filiberto.E’ veramente una vergogna che la televisione ci propone giornalmente uominicchi e quacquracqua:travestiti che fanno venire il volta stomaco,personaggi esibizionisti, escort,ed altri imbecilli dei quali non faccio i nomi.CHE SQUALLORE !Dove sono finiti i personaggi con i veri cervelli che esaltano l’intelletto?La televisione ha fatto dei grandi danni alla società.E’ tutto un…..casino come “IL GRANDE FRATELLO”.Saluti che non vi meritate

  17. anonimo says:

    Una volta fatto fuori Morgan, ecco il secondo capro espiatorio del Festival: Emanuele Filiberto!!!
    Ma che cosa avrà fatto mai di tanto male per meritare un trattamento simile? Emanuele Filiberto è un giovane fin troppo garbato ed educato per abbassarsi al livello di chi lo insulta! Non si può fargli pagare quello che hanno fatto (se mai hanno fatto qualcosa) i suoi discendenti! Lui ha solamente interpretato, in questa canzone, i propri sentimenti per quella che è la patria che lui sente di avere nel cuore e se viene permesso a Povia di interpretare una canzone, sia pur ariosa e bellissima, che inneggia all’eutanasia, non vedo per quale motivo non deve essere permesso al trio di cantare una canzone che inneggia all’amore per il nostro bel Paese! Vergogna, anche quando si dice che lui abbia pagato per arrivare al secondo posto, meritatissimo: io gli ho dato QUATTRO preferenze col televoto e lui non mi ha pagato per niente. Smettiamola, una volta per tutte, di ripescare episodi storici risalenti a più di sessant’anni fa: le critiche distruttive lasciano il posto che trovano e non conducono a niente: chi offende questo trio e questa canzone non è degno di alzare gli occhi davanti ad una bandiera tricolore

  18. giamigia says:

    Il migliore in assoluto fra i tre è senza alcun dubbio il grande Luca Canonici, voce e presenza eccellenti, la canzone è la classica canzone da canticchiare mentre si cucina…ma non fa così schifo, quella di Cutugno era peggio, comunque fortuna che c’era Luca al Festival, ha insegnato a tutti (compresi Malyka, Noemi; Valerio; Marco) come si canta!!!!!

  19. lucilla says:

    Per Charlie: Luca probabilmente si riferiva ad un altro episodio, precisamente la fuga del re Vittorio Emanuele con tutta la famiglia. A onor del vero, il principe Umberto avrebbe voluto rimanere al suo posto ad affrontare la disfatta, ma bastò che la madre lo rimproverasse perchè lui chinasse la testa e li seguisse nella fuga.
    Per LeslieW: sei per caso revisionista? Mai viste foto dei cadaveri estratti dalle foibe? Possibile che l’ideologia accechi al punto di negare l’evidenza? In ogni caso, la faccenda delle foibe è scoppiata ben prima del governo Berlusconi (sono decenni che la cosa è risaputa); cos’è, se gli assassini sono di sinistra sono meno colpevoli?
    Caro Fradiavolo, hai tutta la mia considerazione, per quel che può valere: il vero problema è sempre quello dell’ignoranza imperante, in tutte le sue sfaccettature.

  20. A says:

    @Giamigia : sono solo parzialmente daccordo con te, alcuni (pochi) dei nomi che hai citato non hanno bisogno di imparare niente da Luca.
    Per l’altro discorso si non fa così schifo, magari quella di Cotugno era peggio. Il problema è che loro sono arrivati secondi e Cotugno è fuori, e ancora più bello, anche Irene Grandi per dirne una è fuori. Io spero vivamente che le persone si sveglino, e si rendano conto di essere prese in giro. E boicottino una volta per tutte il festival di sanremo, non guardandolo, come faccio io da anni. Le canzoni le potete sentire dopo.

  21. A says:

    @anonimo: Io non ho nulla contro filiberto come persona, anzi mi sta molto simpatico ed è un ragazzo cortese. Il punto non è questo. Perchè rimane il fatto che hanno fatto diverse irregolarità cambiando il testo della canzone e facendo parlare Lippi; questa è la stessa tecnica che usano i politici per ingraziarsi una certa fascia di persone votanti, nel caso del nostro chiacchierato trio, quella dei tifosi di calcio. Onestamente credimi non dico che la canzone faccia schifo, è passabile ma moltissime altre che sono state eliminate erano canzoni migliori di quella che ha guadagnato il secondo posto.

  22. charlie says:

    @Lukytella.
    Si legge tra le tue righe che sei pregiudista, stai facendone un caso politico”all’Italiana” ma perche’ non la smetti, se ti stanno sulle scatole non ascoltarli, come io non ascolto e non giudico gli altri che non mi piacciono.Pero’ ho sempre rispettato il giudizio del popolo che e’ SOVRANO!e tu e tutti quelli che la pensano come te non potete farci niente perche siami in democrazia. Scommetto che sei del PD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi