Recensioni 1450276_1422132008016800_1957162866_n

Pubblicato il febbraio 6th, 2014 | da Carmen Pierri

0

Francesco Di Bella: “Francesco Di Bella & Ballads Café”. La recensione

Francesco Di Bella: “Francesco Di Bella & Ballads Café”. La recensione Carmen Pierri
Voto MelodicaMente

Summary: Francesco Di Bella & Ballads Cafè risveglia ricordi di giovinezza, riporta alla luce dolci melodie di una volta, ma si ripropone in una veste più sofisticata e raffinata

4

Album Consigliato


Voto Utenti: 4.2 (7 voti)

Ci sono melodie che vengono concepite in maniera naturale e che nel corso del tempo subiscono delle evoluzioni obbligatorie restando meravigliosamente ferme nei sentimenti di chi le ascolta e si emoziona. Francesco Di Bella torna accompagnato da un ensemble d’eccezione con il fedele Alfonso Bruno, in compagnia di  Andrea Pesce, Cristiano De Fabritiis, Alessandro Innaro e Daniele Sinigallia per mostrare quanto le sue melodie abbiano subito la giusta evoluzione, partite da una genuina rappresentazione d’insieme fino ad arrivare ad una dimensione intima e privata.

Rispetto all’aspro racconto giovanile di una rivoluzione interna, in questo episodio Francesco Di Bella  con “Francesco Di Bella & Ballads Café” si mostra nudo con la sua arte musicale dinanzi al suo seguito corposo che in lui ha riposto fiducia e ha puntato sin dagli inizi. L’ascolto intero di un album come questo risveglia ricordi di giovinezza, riporta alla luce dolci melodie di una volta, ma si ripropone in una veste più sofisticata e raffinata, complici gli arrangiamenti che accompagnano la riscoperta di successi senza tempo. L’ascolto si apre con un’atmosfera chiusa e introversa, ci spinge immediatamente verso la dimensione profonda che sembra fare da sfondo all’intero lavoro, riproponendo un tema in continuo crescendo. “Vesto sempre uguale” è il racconto di una storia che non passa, che non finisce e che rimane lì con una valenza eterna a fare compagnia alla sensibilità dei nostri sentimenti. In uno spazio musicale come questo non sono solo le parole ad esprimere le idee, ma sono gli arpeggi i continui cambiamenti tonali e tutti gli elementi musicali che contribuiscono anche a rendere un disco una piacevole ossessione.

Francesco Di Bella & Ballads Café

Francesco Di Bella & Ballads Café – Artwork

Ballads Café non è solo una storia, è il voler rivivere alcuni punti cruciali del percorso musicale di un artista che riesce a riproporre tale racconto non solo con diversi arrangiamenti, ma sfiorando delicatamente quelli che sono i generi che hanno fatto la storia della musica, dal rock più duro al rock melodico fino a toccare gli angoli elettronici di una dub marchio di fabbrica del Sud Italia anni 90. Sfumature di qualsiasi tipo si possono individuare in “La Costanza“, “L’Alba“, “Luntano” e “Accireme“, quasi ispirata al maestro Bob Dylan. La vecchia esperienza musicale si arricchisce di una grande maturità, plasmando l’idea primordiale dei brani e rendendoli nuova luce e nuovo spirito. Dolci melodie si accompagnano alla nuova dimensione cantautoriale elegante, lenta e ipnotica che Francesco Di Bella è capace di ricreare non solo in un album come questo, ma nelle innumerevoli esperienze dal vivo che lo vedono protagonista.

Si parte sempre dalle origini per poter costruire nuove idee, si parte da un substrato ben identificato per poter coltivare una nuova crescita musicale, ed è questo che Francesco Di Bella ha voluto fare con Ballads Café. Un nuovo capitolo si apre con questa uscita discografica che segna quasi il valore zero di un’esperienza musicale storica che vive una nuova giovinezza. Ad impreziosire le innumerevoli riprese musicali è un inedito del 2008, un racconto viscerale quasi emblema di un’intera produzione musicale. La sofisticata veste che ricopre un disco come questo è sicuramente un buon motivo per ritagliare all’interno del panorama discografico italiano una camera privata, un momento unico e intimo al quale solo Francesco Di Bella sa donare valore.

 

 

Tags: , , ,


Informazioni sull'Autore

Lo studio del pianoforte avvicina il suo cuore alla musica in tenera età facendole sviluppare presto una passione per tutta la musica esistente. Appassionata di musica strumentale è una biologa prestata alla critica musicale. Amante dell'indierock, la sua unica certezza i Radiohead. La musica, l'evoluzione e i numeri la sue passioni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi