Si quando è piano è vermante, ma quando è forte è veramente forte". Come non usare le ..." /> I Van Der Graaf Generator sublimano Roma | MelodicaMente

News VAN_DER_GRAAF_GENERATOR

Pubblicato il aprile 5th, 2011 | da Giuseppe Guerrasio

3

I Van Der Graaf Generator sublimano Roma

Si quando è piano è vermante, ma quando è forte è veramente forte“. Come non usare le parole di Peter Hammil per raccontare la musica e lo spettacolo che i Van Der Graaf Generator, nella prima data del loro tour italiano, hanno dato all’Auditorium di Roma ieri sera 4 Aprile 2011. Tornate indietro ai tempi del vero rock progressive, della psichedelia e dell’experimental rock, prendete ad esempio i Pink Floyd, togliete la parte più elettrica e aggiungete i fiati insieme a due tastiere, ecco i Van Der Graaf Generator potrebbero essere descritti così, eppure tutto ciò sarebbe riduttivo. A 60 anni suonati, di cui oltre 40 passati a fare musica, rinnovarsi ed innovare, Peter Hammil, Guy Evans e Hugh Banton riescono ancora a salire su un palco donare al pubblico quanto di meglio hanno nel loro bagaglio. Un affiatamento tra i componenti ed una precisione tecnica da far venire i brividi anche ai più scettici, con dei suoni tale da creare un’atmosfera allo stesso tempo rilassante ed eccitante. Questi sono ancora oggi i Van Der Graaf Generator.

I Van Der Graaf Generator all'Auditorium di Roma

I Van Der Graaf Generator all'Auditorium di Roma

All’auditorium di Roma, nonostante la mancanza di David Jackson e dei suoi fiati, i componenti band hanno fatto capire da subito di che pasta sono ancora fatti, da “Interference Patterns” con i suoi cicli quasi paranoici ed i minimilasmi delle tastiere suscitano l’interesse anche di chi li c’era quasi per caso. Il proseiguo è dei migliori, con la nuova “Mr. Sands” tratta dal loro ultimo lavoro “A Grounding In Numbers”, l’album che stanno presentando in questo periodo, brano che movimenta un pò la serata e che in crescendo dimostra che i Van Der Graaf Generator anche nel 2011 sanno fare rock progressivo, anche quando continuano sempre dallo stesso album con “Your Time Starts Now”. Ci fanno riascoltare un altro pezzo vecchio ma non troppo tornando a “Trisector” con “Lifetime”, brano che allo stesso tempo sa di dolce e tetro. Poi nuovamente all’ultimo album con la ballata “Bunsho” che ai più nostalgici fa tornare in mente i VDGG dei primi tempi, addolcendo così il passaggio a “Childlike Faith in Childhood’s End”,  brano che arriva direttamente dal 1976 (da “Still Life”). Quest’ultimo brano serve da legame con i due successivi (tratti ancora una volta rispettivamente dall’ultimo e dal penultimo disco), prima “All Over The Place” con la perfezione degli arrangiamenti e lo stile impeccabile, poi con “Over The Hill” che apre a percorsi ancora poco esplorati e che quasi tira fuori l’anima di Peter Hammill. A questo punto noi, come il pubblico tutto, siamo in estasi, “We Are Not Here” e “Man-Erg” preparano solo il gran finale, prima di un piccolo bis che ci lascia soddisfasti e contenti il vero finale è quello di “Killer”, forse il loro brano più noto, che dal vivo rende ancora di più di come si sente in studio ed anche se manca il sassofono i tre sono a dir poco sublimi. Noi andiamo via emozionati, contenti di aver assistito ad uno spettacolo che se anche esteticamente ha poco da dire, musicalmente di sicuro non ha niente da invidiare a nessuno. Notiamo che ancora una volta lo staff di Barley Arts ha fatto centro, così l’unica cosa che possiamo far è consigliare a chi può di andare ad una delle prossime date in Italia perchè sicuramente non ci sarà nulla di cui pentirsi.

Tags: , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore

Informatico da sempre, blogger per passione, polemico per professione. Calabrese mezzosangue (per l'alta metà Campano), giro il mondo quando posso. Quando sono fermo ascolto musica. Amo i Pearl Jam, i Nine Inch Nails e gli Smashing Pumpkins. Il resto probabilmente mi piace molto. Ma niente neomelodico e pop scadente.



3 Responses to I Van Der Graaf Generator sublimano Roma

  1. ritchie says:

    solo per far notare che il bis finale non è affatto “killer” ma “scorched earth” da godbluff del 1975

    • Luisa says:

      cito: “prima di un piccolo bis che ci lascia soddisfatti e contenti il vero finale è quello di Killer”. Quindi dovrebbe capirsi che il bis non è killer

      • Sì, ma Killer non l’hanno proprio eseguita. Probabilmente la confondi con Man-Erg, che comincia con i celeberrimi versi:
        “The killer lives inside me; yes, I can feel him move.
        Sometimes he’s lightly sleeping in the quiet of his room;
        but then his eyes will rise and stare through mine,
        he’ll speak my words and slice my mind inside”.
        Yes, the killer lives.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi