News images

Pubblicato il settembre 13th, 2011 | da Vittoria Borgese

0

Il Copyright musicale sale a 70 anni

Logo Copyright dal web

Ieri 12 Settembre a Bruxelles, il Consiglio d’Europa ha preso una decisione destinata a regolare meglio o almeno più a lungo un campo delicato qual è quello del “diritto d’autore” in ambito musicale. Con il voto favorevole della maggioranza qualificata, il Consiglio ha infatti approvato una direttiva con la quale viene innalzato da 50 a 70 anni il periodo di validità del copyright musicale con riferimento agli esecutori di musica. In sostanza l’Europa ha deciso, vincolando adesso ciascuno degli Stati membri ad attuare entro due anni la direttiva, di garantire maggiore tutela agli artisti attraverso l’estensione di un diritto già esistente ovvero quello di ricevere un compenso ogni qual volta venga adoperato il prodotto del loro genio artistico: mentre fino ad oggi tale diritto si estingueva trascorsi 50 anni, calcolati a partire dalla data di incisione, quando la direttiva entrerà in vigore gli artisti vedranno esteso tale diritto per altri 20 anni. “Gli artisti  generalmente iniziano la loro carriera in giovane età e l’attuale durata della protezione per 50 anni spesso non proteggere le loro prestazioni per l’intero ciclo della vita” – scrivono in una nota diffusa ieri  i membri del Consiglio. La direttiva si preoccupa inoltre di dettare le regole da seguire nel  caso dei compositori di musica e delle opere da attribuire a più artisti: in quel caso il copyright viene esteso a 70 anni dalla  morte dell’ultimo degli artisti che ha creato l’opera. Nel corso della votazione Belgio, Repubblica Ceca, Olanda, Lussemburgo, Romania, Slovacchia, Slovenia e Svezia hanno espresso voto contrario mentre Austria ed Estonia si sono astenute. A seguito della decisione presa dal consiglio d’Europa, molti artisti si sono espressi sulla questione, da Bjorn Ulvaeus degli Abba che si è detto contento di “non dover più sentire le canzoni degli Abba in una tv commerciale”, a  Mick Jagger che alla BBC ha definito la decisione “ovviamente vantaggiosa per i musicisti“, fino a Sir Cliff Richard, tra i maggiori sostenitori della campagna a favore dell’estensione del copyright. Anche la Fimi si è dichiarata soddisfatta del risultato raggiunto attraverso le parole del  Presidente di FIMI, Enzo Mazza : “Siamo molto soddisfatti dell’approvazione della Direttiva. Si tratta di un passo fondamentale per la tutela della creatività europea e soprattutto per gli artisti che rappresentano la produzione europea. Siamo anche grati all’Italia che ha giocato un ruolo fondamentale nella costruzione del consenso necessario a Bruxelles per ottenere questo importante risultato”.

Tags: ,


Informazioni sull'Autore

Spirito pratico e razionale, ama la musica in tutte le sue forme come strada per lasciarsi andare alle emozioni. Condivisione e lavoro di squadra sono le sue parole d'ordine; Lenny Kravitz e Francesco De Gregori il suo debole.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi