Varie JacopoMichelini_Crediti Foto_Federico Sanavio_05_b

Pubblicato il luglio 29th, 2016 | da Stefano Pellone

0

Jacopo Michelini racconta “Biglietto per Londra”

Si chiama Jacopo Michelini, è un cantautore bolognese tra i giovani fortunati scoperti da FONOPRINT, lo storico studio di registrazione italiano da cui sono passati i più grandi artisti della storia della musica italiana.
Di recente ha rilasciato online il video di “Biglietto per Londra” (Fonoprint/Artist First), il suo nuovo singolo prodotto da Davide Maggioni. “Biglietto per Londra” è un brano fresco e leggero che tratta il tema dell’evasione e della metafora del viaggio.

Il video è diretto e realizzato da Fabio Bozzetto con la collaborazione di Diego Zucchi. Il tratto distintivo del lavoro di Fabio Bozzetto è da sempre l’unione di animazione grafica e riprese dal vivo, e anche nella realizzazione di questo video sono determinanti tali caratteristiche.

JacopoMichelini |© Federico Sanavio

JacopoMichelini |© Federico Sanavio

Incuriositi dal suo successo abbiamo deciso di chiacchierare con Jacopo scoprendo quali fossero le fasi che hanno accompagnato il percorso di questo talentuoso artista.

1) Ciao Jacopo e benvenuto su MelodicaMente. Da poco è online il video di “Biglietto per Londra”, il tuo primo singolo. Cosa ti ha portato a tentare la strada del cantautorato in una città come Bologna da sempre patria di grandi musicisti?

Ciao! La musica fin da quando ero piccolo ha fatto da sfondo alle mie giornate diventando sempre più più parte integrante del mio essere. Non amo la monotonia, la quotidianità e nella musica ho visto quella via colma di imprevisti, quell’altalena di emozioni a cui non ho potuto resistere. Vorrei trasformare in mestiere l’amore nello scrivere e nel comunicare.

2) “Biglietto per Londra” è un brano fresco che rimane piacevolmente in testa e sembra perfetto per l’estate. E’ questo il tuo stile principale oppure c’è un Michelini “nascosto”?

“Biglietto per Londra” lascia spazio a un lato di me più spensierato, più leggero, ironico, più immediato. In genere però amo molto raccontare il mio lato intimo, malinconico, cogliere le sensazioni e immortalarle nelle canzoni. Presto avrò modo di farvi scoprire anche questo lato di me.

3) Sei sotto contratto con lo storico studio Fonoprint di Bologna che ha dato i natali a moltissimi artisti internazionali come Zucchero e Vasco Rossi. Come hai avuto questa possibilità?

Come spesso accade è tutto causa di circostanze e coincidenze. Poco più di un anno fa avevo registrato insieme alla mia vecchia band, Jobbe, un EP autoprodotto, col quale cercare l’interessamento di qualche produttore/etichetta. L’EP è finito nelle mani dell’attuale gestione Fonoprint nel momento in cui all’interno degli studi nasceva l’idea di un progetto discografico sulla musica emergente.

4) Quali artisti hanno influenzato il tuo percorso musicale?

I miei ascolti hanno passato parecchie fasi in base all’età. Sono cresciuto con i grandi cantautori da un lato (Battisti e Mogol, Fossati, Paoli, Gaetano, Gaber, Tenco..) e con il rock, nella sua più ampia forma dal punk al metalcore, dall’altro (Pink Floyd, Blink182, Nirvana, Iron Maiden, Dream Theather…).

5) Dopo il singolo quali altri progetti ci sono nel futuro di Jacopo Michelini?

In questo momento sto proseguendo le date live che mi porteranno un po’ in giro per le feste dello stivale fino a settembre. Nel frattempo sto ultimando la produzione dell’album. Presto uscirà un nuovo singolo.

Tags: ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi