News Jovanotti

Pubblicato il dicembre 13th, 2011 | da Greta C

0

Jovanotti spiega la morte di Francesco Pinna. la lettera

Ieri, 12 dicembre 2011, si è compiuta la tragedia della morte di Francesco Pinna, colui che stava aiutando nel montaggio del palco del concerto di Jovanotti che si sarebbe dovuto tenere a Trieste. Il crollo dell’impalcatura ha coinvolto anche altri operai, fortunatamente ora fuori pericolo ma, purtroppo, il dramma si è concentrato proprio sul giovane ragazzo, appena ventenne. In poco più di ventiquattro ore, il web si è riempito di commenti, valutazioni e opinioni sulla tragedia, in particolar modo focalizzandosi sul lavoro poco pagato di coloro che svolgono questa tipologia di lavori. L’artista molto discusso ma soprattutto presente sui social network, immediatamente, ieri sera aveva commentato in Facebook e Twitter la vicenda, dicendo di stringersi attorno alla famiglia di Francesco Pinna.

Jovanotti

Jovanotti | © Elisabetta Villa/Getty Images

Con parole sempre molto accorte ed emozionanti, il cantautore, qualche ora dopo la vicenda ha deciso di sospendere il tour, proprio per onorare e rispettare la memoria del ragazzo. Il fatto di cronaca, si aggiunge ad una miriade di altri incidenti sul lavoro sempre più frequenti ed indagati, scatenando la reazione di qualsiasi persona. Molti commenti, a Jovanotti, sembrano non essere proprio piaciuti e quest’oggi, in un aggiornamento della sua pagina Facebook, ha postato una lettera di spiegazione sull’intero dramma. La lettera, qualche istante dopo è stata pubblicata su sfondo bianco, totalmente asettico, sul sito ufficiale dell’artista, Soleluna, proprio in lutto per la vicenda.

 

Jovanotti: la lettera sulla morte di Francesco Pinna

Poiché una parafrasi o riassunto non avrebbe la stessa incisività, vi proponiamo, per intero, le parole di Jovanotti, condivise già da più di 5.000 persone:

Francesco Pinna e’ morto lavorando al montaggio di una struttura fatta per far divertire migliaia di persone.

La sua morte è una immensa tragedia per una famiglia e per il mondo dei concerti.

Il suo era un lavoro a giornata ed era assunto con contratto regolare.

Io personalmente pretendo sempre che tutti quelli coinvolti anche indirettamente in un lavoro che riguardi la mia musica siano sempre tutelati in ogni forma e anche in questo caso era cosi.

Il mondo dei concerti e’ un settore serio dove non c’è approssimazione e improvvisazione e nei miei tour c’e totale rispetto delle leggi e delle persone.

A Trieste si stava lavorando come sempre quando prepariamo un evento.Non c’e’ giornata in cui una serie di funzionari pubblici non verifichino il corretto montaggio e non si presentino ad approvare i metodi di costruzione della struttura.

La tragedia di Trieste ha lasciato a terra feriti e un ragazzo morto,Francesco Pinna,di soli 20 anni,e noi tutti siamo sconvolti per quello che e’ successo.

I ragazzi come lui non sono in tour con la squadra itinerante (composta di tecnici specializzati) ma lavorano localmente agli allestimenti che passano nella loro città.Aspettano l’arrivo dei camion e fanno la loro parte. Si tratta di lavori di supporto alla squadra itinerante. Questi ragazzi io li incontro spesso quando arrivo al palazzetto e capita che ci si scambi due parole,che ci si scatti una foto.

Sono migliaia a fare questi lavori in Italia e spesso sono studenti che non hanno un lavoro fisso e che così si guadagnano qualche giornata.

Francesco era uno di loro e aveva tutta la vita davanti a se e questa e’ la tragedia.

Le strumentalizzazioni sono fuori luogo e mi feriscono perche’ inducono a pensare che nel mio tour ci sia del lavoro nero o sottopagato.

Io so ,e mi e’ stato confermato anche in questo caso,che in un tour come il mio (e come tutti i grandi e piccoli tour che girano l’italia) ogni lavoratore locale e’ assunto con un contratto in regola con le leggi dello Stato.Anche in questo caso era cosi.

Francesco e’ uno di quei ragazzi che lavorano a montare gli allestimenti dei concerti rock ma anche di eventi pubblici non di carattere musicale, che sono assunti dalle stesse cooperative.

Francesco e’ morto per una fatalita’ davvero difficile da prevedere. Stamattina le prime indagini degli ingegneri non sono riuscite ancora a capire le dinamiche dell’incidente.

E’ una tragedia enorme amplificata dal fatto che si stava lavorando per allestire “una festa”,un evento effimero che lascia il dolore e la morte fuori dai cancelli per una sera.E invece stavolta tutto si e’ ribaltato e ora c’e’ solo dolore sul mio palco distrutto.

Ho appena saputo che i feriti coinvolti nel crollo sono fuori pericolo. Queste persone sono con me sempre,ci vediamo tutti i giorni per mesi interi. Finito il periodo insieme vanno a lavorare con altri tour importanti.Sono un mondo popolato di poche centinaia di tecnici altamente specializzati che rendono possibile l’esistenza dei concerti e degli spettacoli che ci fanno divertire.

Siamo gente seria,appassionata,facciamo una vita e un lavoro gratificato dall’idea di accendere l’entusiasmo e l’emozione del pubblico.

Francesco Pinna è morto costruendo una festa.La sua morte lascia un vuoto incolmabile nella sua famiglia che abbraccio con tutta la mia forza insieme a tutto il mondo dei concerti e dello spettacolo,che lui amava,come tutti noi.

Lorenzo

Ognugno giudicherà la questione in modo del tutto personale ma, di certo, l’unico pensiero va alla vittima, Francesco Pinna, e alla sua famiglia.

Tags: , , ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi