News Fans di Justin Bieber | © Jack Guez/Getty Images

Pubblicato il novembre 6th, 2012 | da Stefano Pellone

7

Da Justin Bieber agli One Direction cosa resterà della musica da teenagers?

Oggi ho appreso che i biglietti per i concerti della boy-band degli One Direction in Italia, programmati per Maggio del 2013, sono andati esauriti nel giro di due ore a cifre che viaggiavano mediamente sui 70€ a biglietto.

Con questa notizia in mente riflettevo sul fatto che anche i biglietti per i concerti dei Depeche Mode in Italia che si terranno a Luglio del 2013 costavano 70€. E devo dire che la cosa mi ha lasciato un pochino perplesso e preoccupato. E spiego subito il perchè delle due sensazioni.

Sono perplesso perchè ho fatto mente locale e ho cercato di ricordare quali e quante boy-band, ma non solo, anche cantanti solisti,  ho visto passare nel panorama musicale in questi anni (e sono abbastanza). Giusto per curiosità potrei citare (senza scomodare i New Kids on the Block, i capostipiti del genere) i Take That, i Backstreet Boys, gli Hanson, i Jonas Brothers, i Five, i 98 Degrees, gli N’Sync, i Boyzone, i Westlife, Evan and Jaron, i The Calling, gli italianissimi Gazosa, le Spice Girls, le Sugababes,  Justin Bieber, Conor Maynard, … Ma fermo l’elenco qui.

Tutta una sfilza di gruppi teen pop scomparsi poi nel corso di questi anni ma che hanno avuto la “forza” di essere spinti da un’industria musicale sempre alla ricerca di idoli giovanili di turno da dare in pasto ad orde di adolescenti affamati/e di musica fatta da “ragazzi” come loro che li capissero in pieno nei loro problemi (per cui giù a scrivere testi intrisi di retorica e di luoghi comuni sui problemi dei giovani e su come loro si sentissero incompresi).

Fans di Justin Bieber | © Jack Guez/Getty Images

Questi gruppi si sono susseguiti con una ciclicità da fare spavento ad un orologio svizzero, colmando il vuoto lasciato dal gruppo precedente che viene completamente cancellato dalla mente dei ragazzi con un abile tam tam mediatico, rimuovendo con un colpo di gomma musicale anche il talento che qualcuno di questi musicisti possedeva.

Sono preoccupato perchè alla fine di questa ruota da criceto musicale chi ne paga il prezzo sono sempre i ragazzi e le loro famiglie, che si sobbarcano prezzi sempre più alti (tra concerti, gadget e Dio solo sa cos’altro) per accontentare le figlie o i figli che vogliono andare a vedere l’idolo di turno. E tutto questo l’industria discografica lo sa e spinge al massimo sui prezzi e sull’immagine dell’idolo, mescolando tutto in un tritacarne mediatico e culturale che alla fine lascia davvero poco.

E’ davvero così che sta andando? Vogliamo davvero perderci nel nulla di una pastetta musicale che non cambia mai da vent’anni a questa parte? Vogliamo rimanere musicalmente ciechi senza aprire gli occhi e guardare tutta la musica meravigliosa che ci siamo lasciati indietro?

Non dico ascoltare Mozart o Beethoven, ma ormai i ragazzi di oggi non sanno chi sono i The Clash o i Nirvana, gruppi che hanno segnato in modo indelebile la storia musicale mondiale di questi anni. E se cominciassimo noi “vecchi” lupi di mare musicali ad insegnare loro qualcosa? Siamo davvero sicuri di essere esenti da colpe quando ci siamo disinteressati della musica che ascoltavano i nostri figli o i nostri nipoti?

Nel dubbio io il biglietto per il concerto dei Depeche Mode l’ho comprato. Per quello degli One Direction ho fatto tardi.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore



7 Responses to Da Justin Bieber agli One Direction cosa resterà della musica da teenagers?

  1. Francesco says:

    Prima di tutto vorrei sottolineare cosa sia una boy-band,visto che a quanto pare il giornalista non ha presente il significato del termine.Una boy-band è formata da più componenti e non uno solo (preciso che è stato nominato Justin Bieber che è UNA persona),inoltre la parola “boy” indica un individuo di sesso maschile (e non mi sembra che le Spice GIRLS lo siano).Mi chiedo anche se i nominati Nirvana nei primi anni non siano stati definiti come una band di ragazzini che vogliono guadagnare…Concludo consigliando al giornalista di informarsi riguardo all’argomento trattato e di procedere con delle tesi appropriate.:)

  2. Bieber fever says:

    Senti JUSTIN BIEBER è ancora famoso !!!!!!!!!!!! È il cantante più famoso del mondo !
    Sarai tu che non sai niente su justin e conor maynard sfigatooooo perché se dici che non sono più famosi vuol dire o che vieni dal futuro o che sei ignorante perché non ti informi quindi ritirati in in convento !!!!!!!! E acoltati i tuoi 1D di merda !!!! BELIEBER 4 EVER !!!! I LOVE U JUSTIN 4 EVER 🙂 㤖䅀

  3. Cla1D says:

    Vorrei rispondere a Bieber fever
    1 Hai ragione justin Bieber è ancora famoso
    2 Hai ragione che questo giornalista non si è informato bene
    3 Come ti permetti di dire 1D di merda… io sono una loro grande fan… e tu non ti puoi permettere di prendere in giro una persona per i suoi gusti musicali!! Quindi abbassa la cresta!!

  4. Alessandro says:

    Costruire è molto più difficile che distruggere… lo vorrei dire in primis a chi commenta questo articolo con incomprensibile rabbia mista a sdegno.

    Forse e dico FORSE ha più senso cercare di comprendere il pensiero di chi ha scritto il pezzo, valutare se ci spinge a riflessioni (altrimenti chissene…) e andare avanti. Teniamo a mente che ci sono modi più costruttivi, forse, per sfogare frustrazioni, insoddisfazioni (e forse maleducazione) che inveire contro un ragazzo che ha voglia di parlare educatamente di musica.

    My two cents. Statemi bene.

  5. Francesco says:

    no no scusa aspetta!!! ma poi Justin Bieber, chi ****’è?!?! (semi-cit) 😀

  6. Francesca says:

    Io ti consiglio di rivedere un po’ i nomi che hai citato visto che gli Hanson sono attivissimi tuttora e anzi, hanno festeggiato da poco i 20 anni di attività musicale e hanno fatto un concerto in Italia lo scorso novembre, basta che tu vada su wikipedia o su youtube e vedrai quante cose trovi su di loro tipo questa https://www.youtube.com/watch?v=daZuyOzAXv0&feature=youtube_gdata_player perciò la prossima volta prima di citare dei nomi pensa e poi parla !!!!

  7. kika says:

    justin bieber ti amo 6 ilpiù figo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi