Post Scripta", ultima..." /> Kaos: "Post Scripta". La recensione

Recensioni Kaos durante un live

Pubblicato il dicembre 12th, 2011 | da Matteo Di Cocco

0

Kaos: “Post Scripta”. La Recensione

E’ passato un mese da quel magico 11-11-’11 in cui è uscito “Post Scripta“, ultima fatica discografica di Kaos, possiamo parlarne quindi con la giusta consapevolezza del valore che il lavoro ha su tutto il panorama del rap italiano. Basti pensare che in poco tempo dalla sua uscita ha scalato la classifica di vendite digitale tramite iTunes. Rispetto ad altri dischi più o meno in vista, di artisti più o meno famosi, questo ha avuto una sola preview su Amazon e da lì in poi il resto è venuto da se. La presentazione, un video (evento nell’evento per il primo videoclip della sua carriera) e l’uscita. Il passaparola ha fatto il resto, quando torna in campo una leggenda c’è poco da fare, non c’è marketing che tenga. Kaos è tornato.

Kaos durante un live | Foto web

Il disco è composta da 8 tracce tutte dal suono compatto, infatti questo è un disco che si lascia ascoltare dalla prima all’ultima traccia come fosse un unico racconto, fatto di suoni sempre meno sintetizzati e con la voce e le liriche sempre attente come solo Kaos ha saputo fare da sempre. Non si può parlare del disco dividendolo di traccia in traccia, oltre che difficile dare un giudizio su quale sia il pezzo migliore, dare un voto singolo è impossibile, perché proprio come fosse un racconto ogni traccia è legata all’altra come fossero i capitoli di un libro. Un lavoro pieno di introspezione dove Kaos si mette in gioco da solo, a differenza del precedente “kARMA” pieno di collaborazioni (dai Colle der Fomento ai Club Dogo) .

Sicuramente l’attesa era tanta per questo disco e nessuno potrà dirsi deluso di aver aspettato quattro anni per questo grande pezzo di musica. Ma alla fine, una volta ascoltato tutto il disco, la domanda è una soltanto: Ma questo è davvero il suo ultimo disco? Se così fosse, “Post Scripta” con il suo GOOD BYE messo bello in vista su una tavola Ouija in copertina è il miglior saluto che Marco Fiorito, in arte Kaos, poteva lasciarci.

7.0/10
Kaos: "Post Scripta". La Recensione, reviewed by Matteo Di Cocco on 2011-12-12T23:53:59+00:00 rating 7.0 out of 10

Tags: , , ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi