News MTV Live Event

Pubblicato il novembre 8th, 2011 | da Greta C

0

Kasabian dopo gli MTV Live il Capodanno all’O2 Arena

I Kasabian erano anch’essi protagonisti a Belfast al grande evento tenuto da MTV anche se, non hanno partecipato, in realtà, attivamente alla kermesse finale. La band si è esibita alla Ulster Hall di Belfast, durante gli MTV Live e ha proposto alcune delle canzoni più famose, con un occhio di riguardo, ovviamente, per l’ultimo prodotto discografico “Velociraptor!“. Grazie al famoso e sempre aggiornato sito italiano della formazione di Leicester, Kasabian Italia, ecco che giunge anche la scaletta che hanno proposto Pizzorno e soci durante la performance di Belfast: 1. Days Are Forgotten 2. Shoot The Runner 3. Velociraptor! 4. Underdog 5. Where Did All The Love Go? 6. I.D. 7. Man Of Simple Pleasures 8. Take Aim 9. Club Foot 10. Re-wired 11. Empire 12. La Fee Verte 13. Fast Fuse 14. Pulp Fiction 15. Goodbye Kiss 16. L.S.F. (Lost Souls Forever) 17. Switchblade Smiles 18. Vlad The Impaler 19. Fire Il quesito che ora si apre è “Sarà questa la setlist che la band proporrà durante i concerti?”. Guardando le canzoni sembra inevitabile rispondere di si ma sono sicura che i Kasabian troveranno il modo per rinventarsi continuamente, senza perdere la loro brillantezza.

MTV Live Event

Tom Meighan |© Gareth Cattermole/Getty Images

La band è sembrata essere davvero molto in forma e, in previsione della data italiana che ormai si avvicina sempre più, 20 novembre, è sicuramente un bene. Ricordiamo che i Kasabian si esibiranno sul palco milanese dell’Alcatraz, data sold out già da diverso tempo. Confrontando la scaletta proposta qualche giorno fa, con quella svolta dalla formazione ad inizio novembre, in Belgio, si nota sostanzialmente una stessa linea di scelta delle canzoni; ecco dunque le intoccabili “Days Are Forgotten”, “Velociraptor!”, “Underdog”, “Re-Wired” ma, anche, “Empire” e “Goodbye Kiss”. Dopo un piccolo salto indietro relativo alla performance di MTV Live, facciamo invece un salto in avanti, collocandoci all’ultimo giorno del 2011. I Kasabian, per festeggiare questo anno formidabile per loro, hanno deciso di indire un concerto proprio a Capodanno all’O2 Arena di Londra. Una location splendida, in un momento idilliaco: per chiunque sarà a Londra in quel periodo è davvero una occasione imperdibile. Ecco quali sono state le parole della band a riguardo: “E’ stato un anno bellissimo per noi e non possiamo pensare ad un modo migliore di celebrare il nuovo anno se non con i nostri fans, amici e famiglie al nostro fianco”. Un messaggio sobrio ma nello stesso tempo che promette davvero di regalare una serata unica; la formazione, infatti ha concluso con “vi promettiamo di incendiare la O2 Arena!”. In questo live particolare, la band sarà supportata dai Chase and Status, oltre ad un DJ di Zane Lowe che milita a BBC Radio 1. Mi avvio alla conclusione citando il “Rolling Stone” che, proprio nel numero di questo mese ha dedicato un articolo ai Kasabian; taglio giornalistico molto particolare ma soprattutto un incipit che ha fatto non poco discutere gli accaniti fan dei Kasabian: “Non hanno mai scritto un pezzo veramente memorabile. Non sono né veramente rock né veramente pop. Eppure sono primi in classifica (in Inghilterra). E, di tutte le band “con la K” (Kaiser Chiefs, Keane, Killers, Kooks…), sono i nostri preferiti. Veramente!” Le luci polemiche ma anche semplicemente di attenzione attorno alla band si sono inevitabilmente intensificate da quando i Kasabian stanno spopolando sempre più nel Regno Unito, collezionando però un seguito di fan anche in molte altre località europee. Sponsorizzati dal magazine del settore NME alla stregua degli Oasis di un tempo, i Kasabian, a mio avviso meritano questa positività, in quanto si stanno confermando come una delle realtà più solide, complesse ma nello stesso tempo complete del panorama inglese attuale. Non ci resta, quindi, che aspettare, iniziando a fare il conto alla rovescia, il 20 novembre dove finalmente anche l’Italia si incendierà di buon sano alternative rock UK.

Tags: , , , , ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi