News Lady Gaga-mostra il trucco

Pubblicato il agosto 26th, 2011 | da Vittoria Borgese

0

Lady Gaga censurata in Cina: volgare come Katy Perry

La Cina allunga la mano nera della censura sulla musica e continuando quell’azione di controllo, iniziata già da tempo con internet e il giro di vite sul dowload illegale,  tramite il Ministero della Cultura, ha diffuso un comunicato che contiene una lista di 100 pezzi musicali che sono considerati “inadatti” al popolo asiatico. I pezzi incriminati sarebbero considerati “di cattivo gusto”  e  i loro contenuti “volgari” rei di portare influenze negative sulle giovani generazioni  e perciò destinati a sparire dal mercato cinese. Adesso tutti i siti di streaming e comunque tutti i siti cinesi che li ospitano,  avranno tempo fino al 15 Settembre per eliminare dai loro portali audio e video dei pezzi finiti nella lista nera del governo di Pechino, nella quale  compaiono i lavori di  molti artisti asiatici ma anche di alcuni artisti di calibro internazionale:  Lady Gaga è di certo tra gli artisti su cui il regime si è maggiormante scagliato, ma accanto a lei ci sono anche Katy Perry e Beyoncè.

© Ogawa/Getty Images

Una situazione che si è già verificata in passato:  il Guardian ricorda le vicende di un rapper mongolo e del cantante tibetano Tashi Dhondup, entrambi arrestati per i loro testi di protesta politica. Agli stretti controlli dell’autorità cinese non erano sfuggiti neppure i   Guns N’ Roses’ e il loro “Chinese Democracy” (2008) ,  e neppure i Backstreet Boys e la loro “I Want It That Way” (2009): ai loro nomi si sono aggiunti quelli di Katy Perry  la cui  “Last Friday Night” è considerata inadatta e  Lady Gaga della quale sono ben 6 i pezzi inseriti nella lista dei brani vietati: “Judas”, “The Edge of Glory”, “Hair”, “Marry the Night”, “Americano” e “Bloody Mary”. Per Beyoncé invece la censura ha riguardato  “Run the World (Girls)“. Per tutti i brani la colpa sarebbe quelle di non essere stati presentati all’autorità per l’approvazione: ora quei brani costituisco per Pechino una minaccia alla sicurezza della cultura nazionale e come tali devono scomparire.

Tags: , , , ,


Informazioni sull'Autore

Spirito pratico e razionale, ama la musica in tutte le sue forme come strada per lasciarsi andare alle emozioni. Condivisione e lavoro di squadra sono le sue parole d'ordine; Lenny Kravitz e Francesco De Gregori il suo debole.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi