Video Lorenzo Fragola

Pubblicato il febbraio 12th, 2015 | da Vittoria Borgese

0

Lorenzo Fragola: “Siamo uguali”. Video e testo

La sua partecipazione al Festival di Sanremo ha destato più di qualche perplessità, Lorenzo Fragola è un perfetto sconosciuto per chi non si è appassionato all’ultima edizione di X Factor, il talent più seguito su Sky, che l’ha visto trionfare nella scuderia guidata da Fedez. All’indomani della sua vittoria al talent il singolo di Lorenzo Fragola,The Reason Why“,  ha battuto ogni record di vendite per un vincitore di X Factor, da qui la decisione di Carlo Conti di includerlo nella lista dei big di questa edizione sanremese.

Ieri il debutto sul grande palco dell’Ariston, il debutto al grande pubblico in mondo visione, e proprio questo deve aver determinato la sua esibizione non propriamente all’altezza di quanto ci aveva abituati durante il talent targato Sky.

Siamo uguali” è il brano che Lorenzo Fragola ha presentato al Festival di Sanremo, scritto insieme a Fedez. Un racconto di una storia d’amore e la sua durata che spesso non coincide con il “per sempre”.

Oggi la Sony ha reso disponibile anche il video ufficiale di “Siamo uguali” che proponiamo a seguire:

Siamo Uguali – Lorenzo Fragola

Passerà, stanotte passerà
E forse torneremo, ad amarci
Impazzirai, lo so che impazzirai
Perché non ci basta il tempo
Perché nulla basta mai
Anche se in fondo il nostro è amore
Usiamo stupide parole
Perché è stupido chi pensa che non serva anche il dolore
E siam vicini ma lontani, e troppi tentativi vani
E forse arriverà, domani
Siamo uguali in fondo
E forse cercherai, le mie mani
Solo per un giorno
Non scappare dai miei sguardi
Non possono inseguirti, non voltarti dai
E forse capirai, quanto vali
Potrei darti il mondo
Ma griderai, sul silenzio della pioggia
È rancore e mal di testa, su una base un po’ distorta
Ti dirò, siamo uguali come vedi
Perché senza piedistalli, non riusciamo a stare in piedi
Ed è già tardi e vuoi far piano
Il cuore è il tuo bagaglio a mano perché hai tutti i pregi che odio
E quei difetti che io amo
E schegge di una voce rotta, mi hanno ferito un’altra volta
Ma forse arriverà, domani
Siamo uguali in fondo
E forse cercherai, le mie mani
Solo per un giorno
Non scappare dai miei sguardi
Non possono inseguirti, non voltarti dai
E forse capirai, quanto vali
Potrei darti il mondo
Ma io non ci sarò e vedrai
Sarà semplice
Scivolare per
Poi atterrare fra le braccia di chi vuoi
Non scappare dai miei sguardi
Non possono inseguirti, non voltarti dai
E forse capirai, quanto vali
Potrei darti il mondo, tranne me

Tags: , , , , , ,


Informazioni sull'Autore

Spirito pratico e razionale, ama la musica in tutte le sue forme come strada per lasciarsi andare alle emozioni. Condivisione e lavoro di squadra sono le sue parole d'ordine; Lenny Kravitz e Francesco De Gregori il suo debole.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi