News Lucio Quarantotto - "L'ultima nuvola sui cieli d'Italia" - Artwork

Pubblicato il agosto 1st, 2012 | da Stefano Pellone

0

Lutto nel mondo della musica, muore suicida Lucio Quarantotto

Lutto nel mondo della musica: si è spento a soli 55 il cantautore Lucio Quarantotto. L’artista è morto suicida ieri nella sua Mestre (Venezia).

Stando alle ricostruzioni della polizia e della Questura, l’artista, che da tempo soffriva di problemi depressivi e che e già due anni fa era scampato alla morte dopo aver dato alle fiamme il suo letto, si è suicidato lasciandosi cadere dalla finestra del suo appartamento al sesto piano di un condominio di Mestre, dove viveva con la madre anziana e con la sua badante.

Lucio Quarantotto era un cantautore che aveva lavorato in passato con artisti del calibro di Franco Battiato, Giusto Pio e Caterina Caselli, legando poi il suo nome ad un successo internazionale come “Con te partirò” di Andrea Bocelli, di cui aveva scritto le parole.

Cantautore e compositore di fama internazionale, il suo esordio solista è datato 1982 con il disco “Di mattina molto presto” grazie al quale è premiato dal Club Tenco come migliore opera prima nel 1984. Il suo disco successivo, “Ehi là“, del 1986, ottiene un buon successo di critica ma non di pubblico.

Lucio Quarantotto - "L'ultima nuvola sui cieli d'Italia" - Artwork

Da allora Quarantotto produce alcune canzoni per Franco Battiato, tra le quali “Viaggiando verso Jesolo“, “Tripoli“, “Pulito” e “Come le onde“. Nello stesso tempo Caterina Caselli include “E se questa fosse l’ultima” nel suo disco “Amada mia“.

Dal 1990 entra a far parte della scuderia della Caselli come autore e diverse sue canzoni diventano celebri: oltre alla già citata “Con te partirò“, citiamo “Canto della terra” sempre per Bocelli, “Amarti sì” per Filippa Giordano e “I templi indù” con i Marlene Kuntz.

Sulla natura del gesto compito dal cinquantacinquenne vi sarebbero pochi dubbi, tanto che il magistrato incaricato delle indagini ha scelto di non disporre l’autopsia e ha già disposto la restituzione della salma ai familiari per le eventuali esequie funebri.

Tags: , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi