News Madame Zelle

Pubblicato il settembre 27th, 2010 | da Vittoria Borgese

0

“Madame Zelle”, il nuovo album dei Conqueror

I Conqueror,  prog-rock band siciliana, torna con il suo quarto album “Madame Zelle”  ispirato alla storia di Mata Hari, l’ammaliante danzatrice-agente segreto olandese condannata alla pena capitale per la sua attività  di spionaggio durante la prima guerra mondiale.L’attivissima formazione messinese, tra le più apprezzate progressive band europee degli ultimi anni, conferma anche in questo lavoro il connubio rock-melodia, inconfondibile peculiarità dei suoi lavori. Le suggestioni di “Madame Zelle” continuano grazie all’accattivante grafica demodè con la modella Alessia Navarria.

Certo è  passato qualche anno dall’acerbo esordio con “Istinto” del 2003 , anno in cui il gruppo si propose con un assetto diverso da quello originario del ’94, proponendo un album che è stato in grado di raccogliere le esperienze maturate in entrambi i periodi: oggi  la formazione messinese con “Madame Zelle” propone un sofisticato concept album ispirato alle vicende della fascinosa Mata Hari, che  è  lo spunto per un viaggio nel rock romantico attraverso un dico di classe.

Volevamo che suonasse volutamente più ’70, quindi organi Hammond originali, batterie con tutti i microfoni sempre aperti, piani elettrici americani alla Stevie Wonder, bassi e chitarre Rickenbacker con suoni taglienti, dichiara il batterista Natale Russo.

Per sottolineare le fasi della vita di Mata Hari, il quintetto composto da Simona Rigano – voce e tastiere; Sabrina Rigano – flauto e sax; Mario Pollino – chitarre; Gianluca Villa – basso; Natale Russo – batteriae epercussioni, ha confessionato sonorità coinvolgenti ed evocative.

Non resta che ascoltare le 9 tracce dell’album:

  1. Margaretha
  2. Indonesia
  3. Occhio dell’alba
  4. Fascino proibito
  5. Eleganza perfetta
  6. H-21
  7. Doppio gioco
  8. Da sola
  9. Ad occhi alti

Tags: , , , , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore

Spirito pratico e razionale, ama la musica in tutte le sue forme come strada per lasciarsi andare alle emozioni. Condivisione e lavoro di squadra sono le sue parole d'ordine; Lenny Kravitz e Francesco De Gregori il suo debole.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi