News

Pubblicato il giugno 22nd, 2012 | da Vittoria Borgese

0

I Manowar aprono il Gods of Metal. Attesa per i Guns N’ Roses

E’ partito ieri il Gods Of Metal 2012, il Festival in scena sul palco dell’Arena Rho Fiera che in quattro giorni raccoglie il meglio della musica metal: protagonisti della giornata  inaugurale sono stati i Manowar, di certo la band più attesa del primo giorno della kermesse che accoglierà stasera i Guns N’ Roses, domani Slash e Motley Crue per poi chiudere in bellezza con l’atteso live di Ozzy Osbourne che salirà sul palco domenica 24 Giugno.

E’ toccato ai comaschi  Clairvoyants, aprire la calda giornata di ieri: la band ha offerto una breve selezione dei brani dell’ultimo album lasciando poi spazio ad Arthemis, HolyhellCannibal Corpse che si sono alternati nella mattinata del festival. I tedeschi  Unisonic, saliti sul palco del Gods of Metal 2012 nel primo pomeriggio, hanno portato i pezzi dell’album d’esordio pubblicato lo scorso mese di Marzo; dopo il quintetto di Michael Kiske, il palco è stato conquistato dai newyorkesi Adrenaline Mob che l’hanno ceduto dopo una performance di poco più di un’ora agli svedesi Amon Amarth.

Gods Of Metal 2012

Il concerto finale, quello dei Manowar, preceduti dai  finlandesi Children Of Bodom, ha concluso la prima giornata con la band che proprio quest’anno celebra  il 30° compleanno di “Battle Hymns“, album d’esordio della formazione nata ad Auburn, New York, nel 1980 e che si può considerare tra i fondatori del cosiddetto “epic metal”.

Si prosegue oggi con la seconda delle quattro giornate, che vedrà il ritorno di Axl Rose in Italia dopo ben 10 anni d’assenza. I Guns N’ Roses calcheranno oggi il palco che domani sarà di Slash, ex chitarrista della band di Los Angeles, che ha  da poco pubblicato Apocalyptic Love, suo secondo album solista dopo il disco omonimo del 2010 e che vede la partecipazione del gruppo Myles Kennedy and The Conspirators (composto da Myles Kennedy alla voce, da Brent Fitz alla batteria e da Todd Kerns al basso). Sul palco anche Within Temptation Sebastian Bach,Black Stone Cherry.

Tags: , , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore

Spirito pratico e razionale, ama la musica in tutte le sue forme come strada per lasciarsi andare alle emozioni. Condivisione e lavoro di squadra sono le sue parole d'ordine; Lenny Kravitz e Francesco De Gregori il suo debole.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi