Recensioni 2009 Monte-Carlo Film Comedy Festival Award Ceremony

Pubblicato il febbraio 23rd, 2013 | da Stefano Pellone

0

Mario Biondi: “Sun”. La recensione

Mario Biondi, una delle voci più particolari della musica italiana, ha da poco pubblicato un nuovo disco di inediti, “Sun“, anticipato dal singolo “Shine on“. L’album è entrato direttamente in prima posizione FIMI alla prima settimana di rilevazione.

Biondi (il cui vero nome è Mario Ranno) affida al mercato la sua quinta fatica in studio, rigorosamente in inglese (lingua che ormai lo ha eletto re delle classifiche, visto il suo successo all’estero e le sue collaborazioni con grandissimi del blues e del jazz come gli Incognito e Burt Bacharach) e riesce ad arricchire il suo lavoro anche di alcune eccellenti featuring come gli stessi Incognito, Al Jarreau, Omar, Leon Ware e James Taylor. Nomi di tutto rispetto che dicono quanto sia andato lontano il ragazzino che faceva il corista per Ray Charles e che ora vende milioni di dischi nel mondo.

Il disco, dopo una piccola intro alla Big Orchestra, apre subito con il singolo scelto per promuoverlo, una sbarazzina “Shine on” in chiave funky pop dal ritmo coinvolgente. La voce di Mario Biondi ci porta poi nel jazz di “Come to me” e in quei suoni come sono ormai dei classici del suo repertorio che lo hanno reso famoso nel mondo come “What you done to me“.

Mario Biondi  - "Sun" - Artwork

Mario Biondi – “Sun” – Artwork

Ascoltando pezzi come “Woman woman“,  “Never stop” (con la voce di Omar), “Catch the sunshine” (con la partecipazione di Leon Ware), “I can’t read your mind” ma soprattutto “Lowdown” (con gli Incognito e Chaka Khan) sembra di essere sbalzati in un’istante nei mitici anni ’70, nelle sale dove nasceva la disco, nei mitici Studio54, nei dischi di Barry White e nei pantaloni alla zuava.

Il disco contiene anche altre collaborazioni più o meno riuscite (meno quella con James Taylor in “Deep Space“, più quella con Al Jarreau in “Light to the world“) e anche una canzone in italiano “La voglia la pazzia l’idea“, un breve pezzo molto particolare e che sembra quasi stonare nel disco.

Nel complesso un buon disco, soprattutto per chi ama il genere: per gli altri alla lunga (il disco dura un’ora) questo lavoro probabilmente risulterà pesante e monotono, quasi anacronistico. Ma è questione di gusti: il disco in sé è un buon prodotto e la voce di Biondi ne esce rinforzata, forse troppo tentata di ricalcare le orme di un grande della musica funky come Barry White perdendo quasi di propria personalità. Ma forse è solo una mia impressione.

Voto:

6.5/10

Mario Biondi: "Sun". La recensione, reviewed by Stefano Pellone on 2013-02-23T11:05:13+00:00 rating 6.5 out of 10

Tags: , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi