News no image

Pubblicato il giugno 27th, 2009 | da Giuseppe Guerrasio

0

Michael Jackson: il progetto HIStory e le polemiche sui figli

Michael Jackson negli anni 90 non riusciva mai a stare troppo lontano dalle scene e dai riflettori, nel 1995 torna con un nuovo album intitolato “HIStory: Past, Present And Future – Book 1“, il primo doppio disco della sua carriera diviso nelle due parti “HIStory Begins” ed “HIStory Continues“. L’album come tutti i lavori precedenti di Jacko era destinato ad infrangere record, diventò il doppio album più venduto della storia con le oltre 20 milioni di copie vendute.

“HIStory Begins”, rilasciato anche nel 2001 come “Greatest Hits – HIStory Vol. I“, conteneva 15 singoli di successo pubblicate nei dischi precedenti di Michael Jackson., da “Billie Jean” a “Heal The World”.

“HIStory Continues” invece era un disco composto da 15 nuove canzoni, il primo singolo per il lancio dell’album fu “Scream” che arrivò nella quarta posizione della classifica dei singoli Billboard, cantato insieme alla sorella Janet Jackson, il cui video, costato 7,5 milioni di dollari, è tutt’ora quello più costoso della storia. Il testo di “Scream” tratta della pressione soffocante dei mass media ed in generale delle ingiustizie, ma allude anche direttamente alle vicende giudiziarie che in quel periodo erano pesate sulla famiglia Jackson. Sempre nel 1995 Michael Jackson e sua sorella Janet Jackson vinsero agli MTV Video Music Awards tre premi per il brano “Scream”.

Il secondo singolo che uscì fu “You Are Not Alone“, il quale esordì al primo posto della Billboard Hot 100 ottenendo un nuovo record. Il video che accompagnò il brano fece scalpore in quanto comparivano nudi in molte scene sia Michael Jackson sia l’ex moglie Lisa Presley.

All’uscita del singolo “They Don’t Care About Us” vi furono nuovi problemi per Michael Jackson, fu accusato di  antisemitismo per il testo della canzone, il quale fu poi modificato. Per il brano fu realizzato un primo video nel quale Jacko cantava in una prigione, però a causa di alcune scene di violenza fu rimosso dalla rotazione di MTV, allora Michael Jackson insieme al regista Spike Lee registrano un’altra versione del video girata in Brasile.

Nel 1996 Michael Jackson si sposa per la seconda volta, la seconda moglie è la sua ex infermiera Deborah Jeanne Rowe. Con la Rowe, prima del divorzio avvenuto nel 1999, Jacko ebbe due figli: Prince Michael Joseph Jackson Jr. e Paris Katherine Jackson, naturalmente anche sui figli ci furono non pochi dubbi e notizie di gossip, in particolare quelli relativi alla rinuncia della maternità nei confronti dei figli da parte della Rowe.

Il singolo successivo fu “Earth Song“, i cui testo parla della Terra che viene distrutta dagli uomini, nel relativo video si vedono alberi che vengono abbattuti, elefanti e altri animali che vengono uccisi, infine si vedono le guerre in corso negli anni 90 nella ex Jugoslavia.

“Earth Song” fece anche scalpore poichè ai Brit Awards del 1996 durante l’esecuzione del brano, in cui Michael Jackson vestiva di bianco ed era circondato da suoi giovani ammiratori e da un finto rabbino, si ispirò ad alcune movenze di Cristo, veniva sollevato nell’aria da una gru e i suoi capelli mossi da un ventilatore. Durante l’esibizione il cantante dei Pulp Jarvis Cocker ed il suo amico Peter Mansell invasero la sala tentando di rovinare lo spettacolo. La giustificazione di Cocker fu quella che era una protesta nei confronti di Michael Jackson che si paragonava a Gesù Cristo. In seguito anche Noel Gallagher degli Oasis ebbe a che dire riguardo la performance di Jacko.

Il 1997 fu l’anno dell’ennesimo album di Michael Jackson,  “Blood on the Dance Floor: HIStory in the Mix”, un disco composto da 8 remix di singoli tratti da HIStory più 5 nuove canzoni. Naturalmente ottenne anche questo album un record, fu subito  l’album di remix più venduto di sempre con oltre 7 milioni di copie vendute nel mondo.
Il lancio dell’album fu anticipato da un nuovo film diretto Stephen King il cui titolo era “Ghosts” come una delle tracce presenti nel disco. Il film, che faceva uso di notevoli effetti speciali, tutt’ora all’avanguardia, è anche considerato il video ufficiale dell’omonima traccia e detiene il record di video musicale più lungo.
Dell’album ebbero notevole successo come singoli sia “Blood on the Dance Floor“, sia “HIStory/Ghosts“.

Gli anni 90 per Jacko si conclusero tra qualche polemica a causa delle sue operazioni chirurgiche ma comunque la sua immagine era rinata.

Tags: , , , , , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore

Informatico da sempre, blogger per passione, polemico per professione. Calabrese mezzosangue (per l'alta metà Campano), giro il mondo quando posso. Quando sono fermo ascolto musica. Amo i Pearl Jam, i Nine Inch Nails e gli Smashing Pumpkins. Il resto probabilmente mi piace molto. Ma niente neomelodico e pop scadente.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi