Reportage Francesco "Fry" Moneti  | © Chiara Del Sordo / Melodicamente

Pubblicato il marzo 24th, 2013 | da Elide Messineo

0

I Modena City Ramblers a Firenze per l’avvio del nuovo tour

Ieri sera abbiamo assistito allo spettacolo dei Modena City Ramblers alla Flog di Firenze, il gruppo ha dato il via al tour di presentazione del tredicesimo album, “Niente di nuovo sul fronte occidentale“, per un live che ha riservato anche altre sorprese musicali prima del loro arrivo sul palco. Come sempre molto affabili con il pubblico, i Modena City Ramblers prima di iniziare ad esibirsi si sono aggirati tra la folla, firmando autografi e chiacchierando con i loro fan, che spesso e volentieri li seguono anche per più tappe. Sono state tantissime le canzoni del nuovo album presenti nella scaletta, composta da 22 brani, ma anche le “vecchie glorie” non sono mancate.

Anna Granata Zagarage e i Recover band

Due gruppi d’apertura prima del concerto vero e proprio dei Modena City Ramblers, la Flog di Firenze ha ospitato Anna Granata Zagarage, il nuovo progetto musicale di Anna Granata. Sonorità folk e canzone d’autore insieme, Anna è un’interprete dalla voce calda e sofisticata, che sa instaurare un rapporto piacevole anche con il suo pubblico. I testi delle canzoni sono molto semplici, ma le musiche coinvolgenti, indie rock contaminato dal folk, un miscuglio di suoni da non perdere di vista.

A seguire ci sono stati i Recover Band, l’età media è un po’ quella dei Rolling Stones, presenti in scaletta con due brani (Brown sugar e Honky tonk women). Nel gruppo suona anche il padre di Francesco Fry Moneti dei MCR, le cover rock dai Kinks passando ad un omaggio rock a Fabrizio De Andrè con una particolare versione di “Andrea”, hanno scaldato il pubblico prima dell’arrivo della band principale.

I Modena City Ramblers e “Niente di nuovo sul fronte occidentale”

E’ stato proprio il pezzo che dà il titolo al nuovo album quello scelto dal gruppo per aprire il concerto, seguito da “I giorni della crisi” e “C’era una volta“, prima di approdare a “Viva la vida“, uno dei pezzi più famosi della loro discografia. Questa volta i Modena City Ramblers sono sembrati un po’ più stanchi del solito, soprattutto Davide “Dudu” Morandi, meno voce e meno energia, ma nonostante tutto, il concerto si è rivelato movimentato e divertente, soprattutto durante i pezzi storici come “I cento passi“, omaggio a Peppino Impastato e “In un giorno di pioggia“, sempre molto emozionante. In scaletta torna anche una vecchia conoscenza, “Contessa“, che ha ricevuto l’approvazione decisa della platea, non è mancata nemmeno “Bella ciao“. I Modena City Ramblers affrontano sempre tematiche politiche, sociali ed economiche, senza mai tralasciare la storia. Ed ecco che dal nuovo album emergono “E’ Primavera”, dedicata alla primavera araba, “Occupy wall street“. E’ particolarmente bella la storia de “Il violino di Luigi” appartenuto ad un partigiano ed anche il significato de “La luna ferrarese”, un omaggio sentito rivolto a Federico Aldrovandi, lo studente diciottenne ucciso nel 2009 da quattro poliziotti. Il concerto si è chiuso con l’ultimo pezzo tratto dall’ultimo album, “Briciole e spine“, che segue un po’ la scia di brani come “Ninna nanna“, tranquillo e adatto ad un saluto finale dopo il bis.

I Modena City Ramblers continuano sulla scia della patchanka e del folk, senza mai dimenticare l’Irlanda, che ha fortemente contaminato, e da sempre, la loro musica. Il concerto alla Flog di Firenze è stato penalizzato dall’acustica, il luogo non è mai stata favorevole durante questo tipo di eventi, ma è stato gradevole e divertente. I Modena sanno fare musica e sanno farla bene, la risposta del pubblico è una conferma naturale, il divertimento è assicurato ed tra un brano e l’altro, si può riscoprire la storia del nostro Paese, la politica internazionale; protestare e comunicare attraverso la musica è la loro specialità.

La scaletta completa del concerto

  1. Niente di nuovo sul fronte occidentale
  2. I giorni della crisi
  3. C’era una volta
  4. Viva la vida
  5. Kingston Regatta
  6. Canzone della fine del mondo
  7. La luna di Ferrara
  8. El presidente
  9. E’ primavera
  10. Occupy Wall Street
  11. Pasta nera
  12. Al pivarol c’al vin dal ciel
  13. Il violino di Luigi
  14. S’ciop e picon
  15. La Guèra D’l Barot
  16. I cento passi
  17. Mia dolce rivoluzionaria
  18. Bella ciao

BIS

  1. Contessa
  2. Transamerika
  3. In un giorno di pioggia
  4. Briciole e spine

Tags: , , ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi