News Franco Califano | © Elisabetta Villa/Getty Images

Pubblicato il marzo 30th, 2013 | da Chiara B

0

E’ morto Franco Califano, cantautore scanzonato della romanità

Si è spento in questo Sabato Santo, 30 Marzo 2013, all’età di 74 anni, Franco Califano. Il cantautore, interprete massimo dello spirito scanzonato, forte e fiero della romanità, era malato da diverso tempo, ma neppure la debilitazione fisica era riuscita a fermarlo: appena una dozzina di giorni fa il Califfo, come veniva chiamato da amici, colleghi e fan, si era esibito al Teatro Sistina, uno dei teatri storici della Capitale. La notizia, arrivata poco fa, ha già fatto il giro della rete ed il mondo della musica e dello spettacolo piangono la perdita di un altro Grande in appena due giorni. Appena ieri, venerdì 29 Marzo, era arrivata la notizia della morte a Milano del Dottore della musica Enzo Jannacci, quest’oggi la tragica scomparsa di Franco Califano.

Si trovava nella sua casa di Acilia, alle porte di Roma, la casa da cui spesso era intervenuto per ospitate televisive ed interviste in cui oltre alla propria musica, Califano aveva avuto modo di raccontare aneddoti e particolarità di una vita privata, la sua, movimentata e mai banale.

Un grande cantautore, certamente, ma anche un personaggio di spettacolo fortissimo: tutti noi conosciamo tanto le sue canzoni, una su tutte “Tutto il resto è noia”, quanto la fama di tombeur des femmes, di cui lui per primo si è sempre fregiato.

Franco Califano | © Elisabetta Villa/Getty Images

Franco Califano | © Elisabetta Villa/Getty Images

Spirito goliardico sempre pronto allo scherzo e all’autoironia, nella storia della televisione italiana è rimasta l’imitazione che Fiorello ne ha fatto per tanti anni, anche in radio, in cui il comico siciliano incarnava e portava all’esasperazione l’amore per i piaceri della vita, l’amore ed il cibo, cui Franco Califano aveva sempre inneggiato.

Cantautore ed autore per altri artisti, portano la sua firma brani come “Minuetto” di Mia Martini e “La musica è finita” di Ornella Vanoni, ma si è anche dedicato nel corso della propria lunghissima carriera anche alla scrittura di saggi ed alla recitazione in fotoromanzi e film per il cinema.

Un uomo dalla simpatia travolgente e dalla tempra d’acciaio, in grado di far divertire il pubblico prima, per farlo commuovere un attimo dopo. La notizia della sua morte arriva inaspettata, nonostante molti fossero già a conoscenza di questa sua malattia, proprio per la forza e l’energia che ha sempre sprigionato in ogni parola ed in ogni canzone. Tutto questo ci mancherà. Ci mancherà lui.

Tags: , ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi