Recensioni muse_the_2nd_law_packshot_rgb3-1024x1024

Pubblicato il settembre 26th, 2012 | da Greta C

21

Muse: “The 2nd Law”. La recensione

Ci sono certi momenti in cui ci si trova a fare i conti con uno dei dischi più attesi dell’anno e, nell’aria, aleggia sempre quel timore di sbagliare anche solo a scrivere una virgola. Non che ci sia bisogno di nascondersi, sia inteso, ma “The 2nd Law” dei Muse non è un disco facile da recensire a priori. Il fandom dei Muse è fra i più “particolari” del panorama musicale e, cercando di estrapolare i primi commenti in merito al disco, è stato immediatamente visibile quanto i Muse, ancora dopo anni, sanno dividere come ben pochi altri gruppi. Si inizia a gridare al capolavoro assoluto, si inizia a denigrare la band giudicando l’album con un misero 1 (troverete facilmente nel web qualche recensione che non ha esitato ad assegnare il voto 1 all’album in questione), si prosegue cercando di trovare a tutti i costi la canzone copiata o, contrariamente, quella che fa subito urlare al capolavoro assoluto. A mio modesto avviso, ci vuole sempre un filo logico di coerenza, non solo nella musica in generale ma anche nelle recensioni. Dopo questa premessa, doverosa per spiegare quale vuole essere la linea di giudizio di questa recensione, proseguiamo alla scoperta di “The 2nd Law”.

Muse – “The 2nd Law”, l’analisi del disco:

Sesto album in studio dei Muse, il disco sarà pubblicato l’1 Ottobre 2012.

La tracklist del lavoro è la seguente:

Muse - The 2nd Law - Artwork

Muse – The 2nd Law – Artwork

  1. Supremacy
  2. Madness
  3. Panic Station
  4. Survival (Prelude)
  5. Survival
  6. Follow Me
  7. Animals
  8. Explorers
  9. Big Freeze
  10. Save Me – 5:09 (Chris Wolstenholme)
  11. Liquid State – 3:03 (Chris Wolstenholme)
  12. The 2nd Law: Unsustainable
  13. The 2nd Law: Isolated System

Il disco inizia con “Supremacy“, classica traccia alla Bellamy e soci ultimo periodo, che inizia ad introdurre l’ascoltatore in questo lavoro che di certo ha una difficoltà di base non irrilevante. Ancora una volta spicca il “cambio” di voce di Matt Bellamy che avevamo già segnalato sia con “Survival” sia con “Madness”. Come indiscrezione vuole, il cantante dei Muse sembra abbia preso lezioni di canto e, questo, ha di certo influito sulla sua voce che appare molto più pulita e chiara. Questo sembrerebbe sicuramente un miglioramento se non fosse che, coloro che si sono divorati la discografia dei Muse, noteranno immediatamente il cambiamento e di certo qualche minuto di destabilizzazione è più che lecito.

Si passa poi a “Madness“, singolo che i Muse hanno scelto per presentare “The 2nd Law”; la canzone ancora una volta ha diviso profondamente i fan e, personalmente trovo che darà il meglio del proprio potenziale in versione live. Non di certo una delle migliori tracce del disco ma sicuramente non da cestinare dopo il primo ascolto soprattutto se amate le sonorità degli U2, visto che la canzone assomiglia molto al sound di Bono e soci. Le prime due tracce sono ancora un enorme punto domanda e si proseguirà così per buona parte del disco.

“Panic Station” porta i Muse in pieni anni ’80. La canzone spontaneamente fa pensare a qualche somiglianza e, ognuno farà le proprie considerazioni ma certo è, non terminerete l’ascolto senza dire “ma assomiglia a …”. Personalmente, trovo che l’inizio peschi a piene mane da Michael Jackson anche se “Another One Bites The Dust” dei Queen ti si presenta davanti ascoltando “Panic Station” e il risultato è una profonda confusione. Matt e soci probabilmente si divertiranno moltissimo a portare sul palco “Panic Station”, classica canzone che fa muovere anche coloro che solitamente sono rigidi come un bastone ma, il risultato ancora una volta è un enorme “mah”.

Il “Prelude” e “Survival” fanno immediatamente pensare alle Olimpiadi ed è difficile troncare la connessione che spontaneamente si crea nella mente. Accompagnata da un testo molto azzeccato, “Survival” risulta essere troppo maestosa. La traccia convince solo e unicamente come Inno delle Olimpiadi, per il resto tutta questa pomposità nei Muse personalmente non mi è mai piaciuta e il pseudo-orrore di “The Resistance” si palesa davanti come un fantasma che fortunatamente non resta a lungo. Quando i Muse pescano troppo dal repertorio Queen, il giudizio cala inesorabilmente e in questo disco, seppur sicuramente meno rispetto al precedente lavoro, vi è ancora qualche rimando alla band di Freddie Mercury.

Da “Follow Me” in poi il disco migliora decisamente. Ancora una volta la strategia dei Muse è contro ciò che ci si aspetterebbe ossia canzoni d’impatto all’inizio, proseguo di livello medio-alto e qualche canzone discendente. “The 2nd Law” funziona esattamente al contrario, se la prima parte non convince per niente la seconda riesce a strappare qualche “Oh!” molto più convinto. “Follow Me” la reputo una delle tracce più riuscite del disco, il battito cardiaco del figlio di Matt predispone già verso una traccia che si può definire come profondamente dolce, una melodia che avvolge e un testo che resta appiccicato addosso. Si passa poi ad “Animals“, un’altra traccia che fa trarre un sospiro di sollievo per le sorti di “The 2nd Law”; anche qui ci troviamo davanti ad uno dei pezzi più riusciti dell’album con un rimando ai Muse degli inizi. Il brano riesce ad essere perfettamente targato Muse, senza altre influenze scomode e fuorvianti. La traccia probabilmente è quella con meno sperimentazione ma, respirare i Muse a pieni polmoni è qualcosa che fa profondamente bene, specialmente dopo tracce da alzata di sopracciglio.

Explorers” forma un trio perfetto assieme a “Follow Me” e “Animals”. Il trio delle canzoni più riuscite dell’album, seguite dalle buonissime prove di Chris. Anche in questo caso vi è un profondo richiamo ai Muse prima maniera e, anche mantenendo tutto il self control possibile ciò che si può esclamare è “Allora non vi siete dimenticati i capolavori di album che avete fatto solo qualche anno fa!” (Esclamazione ovviamente rivolta ai Muse). La canzone emoziona, è intensa, davvero un’ottima prova e live, a mio avviso, sarà un brano perfetto per vivere il lato dei Muse maggiormente coinvolgente.

“Big Freeze” anche in questo caso profuma di anni ’80 – ’90 e, seppur sicuramente non è una traccia eccelsa, si lascia ascoltare senza sollevare troppi punti di domanda. Una traccia “riempitiva” che non aggiunge e toglie niente al lavoro. Si passa poi a “Save Me” e “Liquid State”, entrambe cantate dal bassista Chris Wolsthenholme ed entrambe trattano tematiche molto delicate. Ricordiamo che Chris ha vissuto un periodo difficile dato dall’abuso di alcolici che lo ha portato ad intraprendere poi una disintossicazione assolutamente ben riuscita. E’ una gioia rivedere sul palco Chris in questa forma ottima che sta sfoggiando proprio in “The 2nd Law” e nelle prime esibizioni del gruppo. Matt, indiscusso paroliere della formazione e fino ad ora unico cantante, cede le redini vocali a Chris per queste due canzoni che sono una sorpresa assoluta. “Save Me” è così raffinata e profonda da ascoltare in religioso silenzio. La sorpresa migliore del disco. “Liquid State” aumenta di ritmo e cala leggermente nelle mie preferenze ma si fa apprezzare anch’essa soprattutto per un testo molto ben congegnato. La prova come cantante di Chris va assolutamente promossa a pienissimi voti.

“The 2nd Law” si conclude con “Unsustainable” e “Isolated System”: la prima è il pezzo dubstep tanto citato, criticato, amato ma soprattutto odiato. Pezzo che ha fatto urlare venduti ai Muse, che ha fatto urlare all’utilizzo di un suono profondamente diverso da quanto fatto precedentemente. La traccia spiazza ma non riesce a risultare negativa. Sicuramente non c’entra nulla con i Muse ma, seppur non sia da promuovere a pieni voti è qualcosa di innovativo per il trio UK. Il disco più discusso dell’anno si chiude con “Isolated System” che, personalmente, ho dovuto ascoltare più e più volte per convincermi che davvero era finita così. La traccia sembra una parte di colonna sonora di un film, di una scena particolarmente intensa e importante, in un crescendo che alla fine si spezza. “Isolated System” termina senza portare l’ascoltatore per mano verso la fine del disco ma lo fa cadere da un dirupo con uno scossone inaspettato.

Dopo varie riflessioni e dopo ascolti a ripetizione continua, a mio avviso “The 2nd Law” non è assolutamente un disco da bocciare. Vanta di almeno 5 tracce che strappano una votazione alta ma, il problema sostanziale del disco è la mancanza di un filo conduttore; per tutta la durata di “The 2nd Law” ci si affanna nel capire dove sia questo filo che dovrebbe ricongiungersi in un cerchio musicale perfetto. “The 2nd Law” manca totalmente da questo punto di vista, i brani sono talmente diversi da non poter trovare un collegamento spontaneo fra di essi. Il disco è un miglioramento senza dubbio rispetto a “The Resistance” che personalmente ho bocciato senza ritegno, però da qui ad urlare al capolavoro ce ne vuole. I Muse sanno fare dischi da Oscar, basta citare Origin of Symmetry ma è anche vero che l’evoluzione di un gruppo è inevitabile. Sperare o meglio desiderare che il trio sia quello degli inizi è una vana illusione. Di certo ci troviamo davanti ad una delle migliori band al mondo, da cui ci si aspetta sicuramente di più ma, qualche perla da “The 2nd Law” ce la si porterà dietro come un bel ricordo di un disco “problematico”.

Voto:

6.5/10
Muse: "The 2nd Law". La recensione, reviewed by Greta C on 2012-09-26T10:15:31+00:00 rating 6.5 out of 10

Tags: , , , , , , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore



21 Responses to Muse: “The 2nd Law”. La recensione

  1. andrea says:

    Per l’esattezza, animals è sputata ad una canzone dei Radiohead come ritmica e sonorità…..

    • Violet says:

      Ciao Andrea, posso sapere a quale canzone ti riferisci per curiosità, visto che era una delle poche canzoni che non mi ricordava nessuno?

  2. wikiload says:

    La recensione è perfetta! 🙂 credo che le voci trapelate avessero in qualche modo fuorviato tutti,e che ci aspettassimo un album più dance..fortunatamente sono sempre loro,con cambiamenti di stile da un pezzo all’altro..personalmente adoro gli ultimi due pezzi del cd..ma madness cosa centra con gli u2? Concordo che animali

  3. antonio says:

    secondo me dopo origin of symmetry hanno perso molto commercializzandosi un pò troppo!! in questo disco ho sentito tanti richiami non solo ai queen, ma ai redhot, ai radiohead.. sembrano un pò scopiazzare!! mi dispiace ma il mio voto è 6 di stima!!

  4. muser says:

    Panic station sembra sfornata dai Red hot o.O Ma comunque..a cosa ti riferisci per quanto riguada madness?non le trovo le somiglianze con gli u2..:/ (magari!:D)

  5. Max_am says:

    @wikiload & Muser:
    A me Madness, al primo ascolto, ha fatto pensare nella parte iniziale ad “I want your sex” di George Michael e nella parte finale a Bono quando canta “Sometimes You Can’t Make It On Your Own” (da “How to dismantle an atomic bomb”)

    Supremacy: Matt fa il verso nell’intonazione della voce a Marc Almond (e si sente lontano un miglio con quelle tipiche “seghettate” di violino, che sarà la main track di 007 James Bond)

    Panic Station: è vero ciò che scrive il recensore … Matt diventa Mika accompagnato dai Scissors Sisters che cantano “Another One Bites the dust” dei Queen.

    Il resto del disco devo ancora ascoltarlo 😀

  6. breadlux says:

    Dopo un primo ascolto mi sento di dire che l’album è veramente piacevole da ascoltare e rimanda al loro sound che è sempre stato accostato ai queen , radiohead ma non ci sento assolutamente gli u2 la voce di Matt è molto migliorata dagli esordi e la sua chitarra è sempre un piacere da ascoltare per me è da 7,5. Saluti

  7. The 2.0 Law says:

    Anche io su Madness in generale ci trovo qualcosa degli U2, ma non riesco ad individuare (ancora per poco) il brano che richiama queste sonorità, certo non è “Numb”. Per il resto della recensione mi trovo pienamente in sintonia con l’autore

  8. 2ndlaw says:

    che recensione del cazzo..

  9. flavio says:

    vorrei dare il mio contributo dicendo che panic station è una bellissima traccia e omaggia i cure di kiss me kiss me kiss me dell’87…
    il dubstep di unsustainable è fantastico… il resto segue l’evoluzione del gruppo e trovo assolutamente un senso logico e melodico in tutto l’album… i queen? no ragazzi, proprio no!
    gli u2? mah… non so se ci fosse un nesso, ma dopo averla sentita mi è venuta voglia di ascolatarmi Babyface di Zooropa.. ciao!

  10. flavio says:

    vabbè dai… i queen ci sono un po’ ovunque in chiunque: freddie & co. hanno suonato di tutto, di qualsiasi genere, nel panorama rock/pop!
    🙂

  11. Kiu says:

    La recensione è buona, ma aggiungerei che le tracce di livello dopo svariati ascolti sono almeno 7. Inizierei con supremacy, che rimanda ai muse del passato senza copiarli, e regala potenza e mistero. Le atmosfere sono davvero Muse. Madness a mio avviso è un pezzo riuscitissimo, un ottimo climax musicale che esplode con un cantato finale strepitoso di bellamy. Per panic station concordo pienamente con Flavio. Concordo con il recensore esaltando Explorers ( gran pezzo in vecchio stile ), Animals, che a mio avviso potrebbe e -lontanamente- solo ricordare qualcosa dei radiohead ma cmq solo ed esclusivamente a livello di sound… Per il resto è molto Muse e riesce davvero a coinvolgere, e Follow Me, per i motivi già presenti in recensione ( avrei piazzato qualche chitarra in più a discapito dei sinth ). Per il resto non mi dispiace per nulla Unsustainable, a mio avviso un bel mix di generi ben lavorato.
    Io al disco do un 7 / 8 .

  12. Marco says:

    Il fatto che anche sta volta dovete spulciare al minimo dettaglio ogni nota dell’album , voglio dire che anche stavolta i muse hanno colpito nel segno . Grandi artisti!!!

  13. Angelo says:

    Ascoltando l’intro di supremacy sembra di ascoltare S&M dei metallica!

  14. Giovanni says:

    …ascolto veloce….voto 8…sicuramente meglio del precedente…concordo con marco…il fatto che si debba spulciare ogni battuta per trovare qualcosa di sbagliato (se sbagliato si può dire) vuol dire che han fatto un grande lavoro…
    Eccellente, a mio avviso, la ricerca dei suoni, delle sonorità, degli arrangiamenti….penso sia un bel disco, piacevole ed entusiasmante.

    sul fatto che si siano commercializzati??penso sia normale…fa parte delle regole del sistema…più piaci più devi farti piacere….il trucco è farlo con stile.

    gio

  15. miguel says:

    buon album ma preferisco i linkin park !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! LLIVING THINGS è IL MIGLIOR ALBUM DI QUEST ANNO

  16. Marco says:

    Sono un 50enne divoratore di rock…e trovo che i MUSE siano una delle band più intelligenti e capaci del panorama musicale mondiale. E’ chiaro che l’originalità degli album passati è un pò svanita ( la prima volta che ascoltai Hysteria rimasi incantato ) ma anche nei loro album passati ci sono decine e decine di “citazioni” nascoste dei grandi gruppi rock anni 70…Pink Floyd ( a tal proposito come dimenticare il middle time di Knight of Cydonia ? ), Led Zeppelin , Queen .
    Negli utlimi questa cosa è accentuata di parecchio…ma a mio parere non è copiare…è divertirsi a mettere insieme stili diversi a volte nella medesima track…e trovo che in questo stia la loro genialità

    The Guiding Light di The Resistence è addirittura basata tutta sul ritmo di “Vienna” degli Ultravox

    Credo che loro si divertano a creare questi “easter eggs “nei loro brani….non per niente in tutti i loro concerti eseguono spezzoni celebri della storia del rock….

    in quest’ultimo il registro non cambia c’è di tutto …

    in Supremacy addirittura c’è un incedere che assomiglia molto a Kasmir mescolato con il ritmo di Innuendo….

    Madness ha lo stesso impatto sull’album che ebbe Numb su Zooropa

    Panic Station sembra scritta per Billy Idol 🙂

    Survival è un polpettone rock sinfonico dove compare la seconda parte di Innuendo 🙂

    Explorers è vero è molto Radiotesta

    Follow me e Save me presentano non troppo velate citazioni al prog rock di Genesis , Yes e King Crimson….

    Big Freeze è cantata in Bono style ….a volte sembra di sentire il dubliner in persona 🙂 tanto che sono andato a rileggermi le note del CD per vedere se ci fosse la sua partecipazione…

    Liquid State è una delle track più MUSIANE …

    Unsustainable sembra tolta dall’album Flash Gordon dei Queen

    Isolated System cita addirittura Pink Floyd e Frankye Goes To Hollywood ( con la voce elettronica “if any member of the foundation die …..” in Two Tribes )

    Io li ascolto e non mi stancano anzi…non vedo l’ora di rivederli dal vivo !

    Non “litigate” sulla musica ….ascoltatela e godetevela ….come cantava Jim

    “For the music is your special friend
    Dance on fire as it intends
    Music is your only friend”

    ciao

    Marco

  17. Marco says:

    Animals non Explorers è molto “radiohead”….rileggendo mi sono accorto di aver sbagliato …:Explorers no è una bella ballata musiana 🙂

    E poi contiene la strofa più accattivante di tutto l’album

    “Free me
    Free me
    Free me from this world
    I don’t belong here
    It was a mistake imprisoning my soul
    Can you free me
    Free me from this world “

  18. Marcvs says:

    chi non trova somiglianze con gli U2 in Madness probabilmente ha ascoltato poco Madness e conosce ancora meno gli U2.
    Ascoltatevi gli album Achtung Baby e Zooropa degli U2, Madness ne incarna le sonorità e le vocalità. sarebbe da querelare per plagio sul genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi