Reportage RoBOt 2014 Festival Bologna

Pubblicato il ottobre 8th, 2014 | da Alessia Feola

0

Le onde elettroniche del RoBOt 07 di Bologna

Da pochi giorni si è concluso uno dei più grandi eventi italiani legati al mondo della musica elettronica.
Stiamo parlando del Festival “RoBOt” di Bologna che quest’anno, giunto alla sua settima edizione, ha dato spazio ad artisti di musica elettronica e a mostre di opere digitali dall’1 al 4 ottobre. L’obiettivo di questo evento è quello di riuscire a ripercorrere le orme del grande successo del famosissimo e ormai storico Sonar di Barcellona.
Il tema del roBOT 07 è stato #lostmemories, ossia le “memorie perdute” con lo scopo di comprendere il significato della memoria storica collettiva nei tempi dell’era digitale, attraverso espressioni artistiche e musicali. Cosa rimane nei nostri ricordi? Che influenza ha il digitale nel nostro bagaglio di conoscenze regresse? E’ su questi temi quindi che giovani artisti hanno dato spazio alle loro opere d’arte.
Bologna è stata quindi invasa da musica elettronica e da opere digitali all’interno di spazi importanti tra Palazzo Re Renzo, Fiera di Bologna, Estragon, MAMbo e Teatro Comunale.

E così, mentre la Città di Bologna si caricava di ritmo, alcuni piccoli luoghi chiusi hanno ospitato opere artistiche. Un esempio è stato la Maison 22, uno spazio intimo e domestico che a Bologna ospita artisti che intendono lavorare, collaborare e presentare il proprio lavoro in un ambiente inconsueto e protetto. Per quest’anno la casa ha ospitato infatti Tripo: l’opera digitale dell’artista Tiago Martins. L’artista ha voluto rappresentare diverse storie, connesse tra loro, che ogni partecipante ha dovuto cercare all’interno della casa e ricostruire col solo ausilio di un dispositivo semplice e rudimentale come il telefono senza fili.

I luoghi che hanno ospitato il maggior numero di giovani e amanti della musica elettronica sono stati palazzo Re Renzo e il padiglione delle Fiera di Bologna, dove hanno preso piede installazioni digitali e sono stati ospitati artisti e DJ più famosi del genere.

moderat

Moderat

Sabato 4 ottobre sono infatti saliti sul palco di Via Michelino famosissimi performer. Ad aprire la serata è stato Populous, seguiti dai Dark Side, i Gold Panda, Jon Hopkins e Factory Floor.
A terminare la serata, intorno alle 4:30 di mattina, ha Apparat con i suoi pezzi adrenalinici e ipnotici. Inoltre, gran successo dal pubblico, hanno riscosso i Moderat, trio elettronico berlinese che dal 2002 diffonde il proprio ritmo nei migliori festival musicali.
Gli artisti hanno così ripercorso i più grandi successi, soprattutto attreverso pezzi tratti dall’ album “New Error”, uscito nel 2009.

Per questa edizione sono stati venduti ben 20.000 biglietti, un successo grandissimo e imperdibile quindi per tutti coloro che adorano ascoltare e scatenarsi con la musica elettronica.

Tags: , , , , , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore

Web marketer appassionata di musica, cinema e danza. Curiosa di conoscere nuovi album ed artisti, spaziando dal rock all’elettronica, al folk. Difficilmente rifiuto un invito ai Live e mi diverte ballare, sfogarmi con la musica o semplicemente ascoltare pacatamente.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi