Reportage Paolo Nutini

Pubblicato il luglio 26th, 2010 | da Rachela Saletta

1

Paolo Nutini incanta il pubblico del Jazzin’ Festival di Milano

Dopo il successo ottenuto nelle città di Udine, Ferrara, Roma e Lucca Paolo Nutini, l’artista scozzese di origine italiana, toscana per la precisione, arriva a  Milano al Jazzin’ Festival 2010, dove l’ospite d’eccezione è stata la bella Florence Welch , la diva pop più apprezzata  della scena inglese che è molto più di una spalla per cantautore scozzese. Un appuntamento quello dei due artisti che si è trasformato in una gran  festa e che grazie all’atmosfera e alla partecipazione del pubblico ha reso vivibile anche la Milano estiva.

Ad anticipare lo show di Paolo Nutini a Milano, è proprio Florence & The Machine che solcato il palco del Jazzin’ Festival ha ammaliato il pubblico grazie al suo look a metà tra fantasma e regina dei vampiri e alla sua voce poderosa e calda che non si è spezzate neanche quando saltava da una parte all’altra del palco proponendo i pezzi del suo album d’esordio.

Ma cresce l’attesa dei fan per Paolo Nutini che terminato lo show della bella Florence si presenta con una canotta bianca attillata e con un bicchiere di vino rosso che ha accompagnato il cantante per tutto il suo spettacolo che inizia con calde vibrazioni caraibiche

Con una band di livello impreziosita da una sezione fiati, un sound vintage puramente anni Settanta, i primi brani comunicano una gioiosità reggae in cui la voce nera, nerissima, di Nutini non può che ricordare quella di Bob Marley. Da solo, con la chitarra acustica, Nutini sfoggia con consumata abilità, nonostante la giovane età. La scaletta è incentrata sul secondo disco di Nutini, Sunny Side Up, ma ben equilibrata tra pezzi lenti e canzoni più ritmate che ricordano Dylan e pezzi divertenti e ballabili, godibili dal pubblico presente.Oltre all’entusiasmo provocato da pezzi ormai divenuti classici come New Shoes e Pencil Full Of Lead, hanno emozionato l’intero pubblico Candy, Coming Up Easy e Jenny Don’t Be Hasty che ha chiuso la prima parte dello spettacolo.

La seconda parte dello show è  una grande lezione R&B e soul afroamericana: Nei brani lenti si raggiunge l’intensità di un Otis Redding, quello più romantico e sensuale di No Other Way, l’irresistibile Down in Mexico, Pencil Full of Lead,Candy che fanno divertire e ballare la platea e la tribuna.

Ma il meglio di se l’artista lo ha riservato per il finale quando a sorpresa e da solo sul palco con la sua chitarra acustica, dedica l’ultimo brano a Milano interpretando Caruso, di Lucio Dalla: un’interpretazione che ha lasciato a bocca aperta tutto il pubblico che parlerà a lungo del giovane scozzese dalla voce  scura.

Tags: , , , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore



One Response to Paolo Nutini incanta il pubblico del Jazzin’ Festival di Milano

  1. Albion says:

    Che talento questo ragazzo…veramente raro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi