News Pino Daniele - Neapolis Festival @Giffoni Film Festival - Ph. A. Moraca

Pubblicato il ottobre 13th, 2013 | da Angelo Moraca

0

Pino Daniele a La Repubblica: “Tutti insieme sul palco, difendiamo la musica”

Pino Daniele in un’intervista al quotidiano La Repubblica: “Tutti insieme sul palco, difendiamo la musica” – mentre si avvicinano i tre concerti tre previsti al Palapartenope il prossimo 28, 29 e 30 Dicembre, un ricco cast già annunciato accompagnerà il musicista partenopeo sul palco ma le sorprese non tardano ad arrivare: anche gli ‘A67 si uniranno alla super-band composta da James Senese, Rino Zurzolo, Joe Amoruso, Tony Esposito e Tullio De Piscopo. Ai musicisti storici e alla new entry, come annunciato in precedenza, si uniranno Eugenio Bennato, la Nuova Compagnia di Canto Popolare, Enzo Gragnaniello, Teresa De Sio e i Napoli Centrale.

I prodromi si lasciano apprezzare lo scorso anno con ben 6 concerti a ridosso tra il vecchio e il nuovo anno (tutte sold-out) al Palapartenope di Napoli. Forti del successo riscontrato, all’unica data prevista nel mese di Luglio di quest’anno in Piazza del Plebiscito, si ritorna al Palapartenopecon lo stesso spirito dello scorso anno: grandi ospiti e una superband, 3 concerti per lo spettacolo “Napul’è – Tutta n’ata Storia”. Ad aggiungersi al naples power ci saranno gli ‘A67 band alternative rock formatasi nella periferia di Napoli che contano all’attivo 3 album studio pubblicati e numerosi premi e riconoscimenti.

Pino Daniele - Neapolis Festival @Giffoni Film Festival - Ph. A. Moraca

Pino Daniele – Neapolis Festival @Giffoni Film Festival – Ph. A. Moraca

Nel frattempo che i preparativi per lo spettacoli prendono forma, in un’intervista rilasciata al quotidiano La Repubblica Pino Daniele ha avuto modo di chiacchierare circa l’idea che ha portato alla realizzazione di un evento di tale portata. “L’idea è quella di proporre una sorta di cronistoria della musica napoletana degli anni settanta” – dice – “in linea con quello che accadeva nelle altre città d’Italia”. Un modo, dunque, di tenere vivo il patrimonio musicale napoletano nonchè italiano – “un passaggio di testimone a una generazione nuova, spiegando che la memoria è importante”.

Uno sguardo dunque alle nuove generazioni, per tenere viva la memoria e valorizzare un patrimonio musicale/culturale che pochi – o nessuno – può vantare al mondo. “Sarà un’occasione straordinaria per divertirci, divertire e fare cultura” – conclude.

Tags: , , , , ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi