Recensioni Artwork "La Grande Madre" Pino Daniele

Pubblicato il marzo 24th, 2012 | da Angelo Moraca

0

Pino Daniele: La Grande Madre. La recensione

Questa è la volta di Pino Daniele e del suo nuovo lavoro discografico indipendente. Il titolo? “La Grande Madre”. Certo che anche chi è a digiuno della cultura -perchè di tale si tratta – che ruota attorno al bluesman targato Made in Naples, precursore pioniere e fautore di quella che è stata definita negli anni la Naples Power (insieme con James Senese ed Enzo Avitabile giusto per citarne alcuni), rimane per un attimo a domandarsi cosa voglia esprimere e cosa si cela dietro quel nome così comune (…grande madre) ma piuttosto inusuale. Certe sembrano anche le critiche che possono scaturire quando un artista di questo calibro si appresta a ripiombare nel mercato discografico. Non passa di certo inosservato. Chi da un lato non riconosce più il Pino Daniele degli anni ’80 – gli anni cioè in cui ha sperimentato nuovi generi musicali che variano dal pop, al rock, al jazz, al soul, al funky, dai suoni arabi alla tarantella napoletana con infusi decisamente blues in onore del mito Robert Johnson – quello capace anche di richiamare 200.00 persone in Piazza del Plebiscito a Napoli, chi dice che non ha più nulla da dire e chi, ancora, etichetta il suo stile come datato. Piuttosto agli artisti bisogna comunque concedere il diritto (e anche il lusso) di spaziare e dar vita a nuove idee. Il flusso di coscienza, cioè, non può essere fermato.

E torna così ” ‘o bluesman napoletano”  con il quarto lavoro discografico pubblicato nel giro di tre anni (i precedenti furono “Electric Jam” nel 2009 e “Boogie Boogie Man” nel 2010), il n° 26 della discografia ufficiale ma con una veste diversa, un progetto nuovo. Il cantante con la chitarra (come ama definirsi egli stesso) ha fondato un’etichetta discografica indipendente dal nome Blue Drag, nome ispirato da una canzone composta sul finire degli anni ’30 da Django Reinhardt dall’omonimo titolo. E distribuito dalla società “Indipendete/mente” già attiva con altri artisti per la diffusione dei supporti musicali. Le ragioni che hanno portato alla fondazione dell’etichetta sono da ricondurre principalmente alla crisi del mercato discografico che sta interessando le major discografiche, in questo scenario in cui si ha sempre più incertezza sulle modalità di diffusione della musica ma con la volontà, determinazione e convinzione di avere le idee chiare in merito all’idea personale di musica, di creatività, di arte.

Pino Daniele - La Grande Madre - Artwork| A. Moraca Photo

La Grande Madre, copertina e Cd:

La copertina, nel complesso, è un piccolo libro tascabile. Comprende cioè 80 pagine contenenti i testi delle canzoni, alcuni spartiti dei nuovi inediti, foto di rito e scatti istantanei che riprendono Pino Daniele in azione durante le registrazioni nel suo studio, e una biografia. Il perchè della scelta di inserire una biografia nel cd trova la sua spiegazione nel fatto che il cd sarà distribuito anche in Europa e in America (dove tra l’altro si esibirà durante il prossimo Tour) e a scanso di equivoci la biografia ufficiale di riferimento è quella che si può apprezzare nelle pagine del libretto. Anche la grafica merita la sua attenzione. In linea con l’idea di ritornare alle origine, intese quelle della terra, la carta utilizzata è ruvida con gusto retrò, quasi a richiamare gli oggetti da collezione che pian piano stanno scomparendo con l’avanzare del Digital Download. 12 tracce in cui spicca al primo ascolto la melodia, il ritmo della musica scandita dal tocco inconfondibile di chitarra che contraddistingue Pino Daniele. Una sperimentazione nuova, definita “melo-rock”, che fonde il canto con la melodia rock decisamente contemporanea. In linea con lo spirito dell’artista. Infusi blues che si mischiano con partiture pop-rock, la cover di “Wonderful Tonight” di Eric Clapton incisa con un testo italiano scritto di getto da Daniele ed una jam session che scandisce il lavoro e dona un tocco di vitalità all’intera opera.Attenzione merita anche il pezzo “Searching for the Water of Life” pezzo blues scritto per Save the Children, la più grande associazione mondiale attiva in Italia e nel mondo per la salvaguardia e la cura dei bambini.

La Grande Madre, sostanza e contenuti:

Il corpus dell’idea e dell’opera di Pino Daniele trova la sua realizzazione nella musica e nelle sperimetazioni, mai in secondo piano a discapito del messaggio che ha cercato di trasmettere negli anni. Un retrogusto vintage che si può apprezzare toccando con mano la custodia del cd ed assaporando i suoi contenuti. Badi bene però il lettore/ascoltatore a non aspettarsi il Pino Daniele di un successo come “Nero a Metà” targato 1980. E’ cambiata la forma non la sostanza. Questo è un progetto che apre le porte al futuro prossimo, quando cioè la musica sarà possibile produrla da sè, lontani dai vincoli e le logiche sterili e spietate del mercato discografico. E’ banale ma doveroso ribadirlo: se un progetto è indipendente allora anche i contenuti saranno fuori dalla norma.

Pino Daniele - La Grande Madre | A. Moraca Photo

1. MELODRAMMA: pezzo che apre l’album, già in radio da inzio Marzo 2012 con annesso videoclip è un nuovo esprimento di Daniele. L’idea è nata – come afferma egli stesso – quando nel 1998 eseguì insieme al tenore Luciano Pavarotti una versione della sua celebre “Napul’è”. La fusione tra il blues e la musica lirica ha cercato di trasmetterla in questo pezzo, fondendo il melodramma con il rock. Il risultato è un pezzo che trascina l’ascoltatore e, abbandonandosi alla fantasia, sarebbe possibile montare una coreografia di danza moderna e tirarci su un intero spettacolo. Alla batteria c’è Steve Gadd, già batterista di Eric Clapton e turnista molto apprezzato nel panorama musicale internazionale.

2. NIENTE E’ COME PRIMA: si può riconoscere qui quell’essenza che caratterizza e contraddistingue Pino Daniele o, almeno, come lui ci ha abituati negli anni. Una ballata pop-blues che apre con un bel giro di chitarra acustica, con assoli sparsi con l’intento di dare il senso del ritmo.

3. DUE SCARPE: un giro di piano unito ad un fraseggio genuino e diretto. Al sassofono possiamo apprezzare Mel Collins, ballata che lascia intendere la maturazione artistica raggiunta proprio in questi ultimi anni. Curiosa è la contrapposizione di concetti nel testo con “Due scarpe camminano insieme, ognuna con una vita diversa”.

4. LA GRANDE MADRE: ballata pop-blues che da il titolo all’omonimo album con Steve Gadd alla batteria a delinearne la struttura. Contenuto prettamente intimistico, adattato allo stile che non è errato definirlo “…alla Pino Daniele“. La voglia di tornare alle origini, di entrare di nuovo in empatia con madre natura, la nostalgia per il Sud, per tutti i Sud del mondo con un’occhio all’Africa che rappresenta il trampolino del futuro prossimo.

5. WONDERFUL TONIGHT: cover del pezzo di Eric Clapton ri-arrangiato da Daniele. Di certo non ha bisogno di presentazioni, ma un aneddoto ci rivela che in occasione del concerto di beneficenza tenuto da Daniele e Clapton lo scorso Giugno allo Stadio Simonetta Lamberti di Cava dè Tirreni, scherzosamente il mascalzone latino chiese a Clapton di poter utilizzare la sua canzone e di scriverci un testo in italiano sopra. Clapton acconsentì e quando Daniele gli fece ascoltare la demo, Clapton affermò che Daniele aveva riportato in vita una vecchia canzone.

6. PIEDI NUDI: ballata in cui si apprezza il sax in crescendo, e il tutto si risolve nel ritornello con chitarra piano e la voce di Daniele.

7. THE LADY OF MY HEART: pezzo strumentale di 3:16 minuti, un esperimento musicale dal momento che il Tour approderà anche all’estero. Una buona occasione per rendere noto al mondo che la musica la sappiamo fare anche in Italia.

8. IL PRIMO GIORNO DI PRIMAVERA: una melodia come quella che caratterizza questa canzone la possiamo apprezzare in parecchi lavori di Daniele, soprattutto quelli degli anni ’90. Una ballata pop-blues con piano e chitarra come accompagnamento e la batteria a farne la struttura. Semplice e genuino.

9. SEARCHING FOR THE WATER OF LIFE: pezzo scritto per l’organizzazione mondiale Save te Children, cantato in inglese in cui si apprezza oltre alla sezione fiati, il giro di violini che apre la canzone, per realizzarsi in un ritmo incalzante, tipico anche questo della discografia di Daniele.

10-11- COFFEE TIME – ‘O FRA’: questi due pezzi, separati come tracce, ma tutt’uno nel cd sono una jam session che merita davvero attenzione e orecchio. Il bisogno e la necessità di tornare alle origini, quando da ragazzi si divertivano nei garage a suonare, i musicisti hanno cercato di ricreare le stesse sensazioni ed emozioni e ci sono riusciti in pieno. Questa jam session è quella che maggiormente si fa apprezzare nell’album per possenza, compostezza, melodia e ritmo. Pochi incisi nel primo pezzo (Coffee Time), con un bel giro di piano a darne il ritmo e la voce di Daniele che invita a prendere un caffè perchè “It’s a Coffee Time!“. Nella seconda parte di questa jam session, ovvero nel pezzo “‘O Frà“, è il palese richiamo unito alla consapevolezza che la nostalgia gioca brutti scherzi. ‘O Frà, infatti, è una tipica espressione del dialetto napoletano, ed è usata come sinonimo di amicizia fraterna che lega due persone. Il testo scritto è un rap’n’roll, chiara influenza dei 99Posse, ed è un testo con infusi di Parlesia. La Parlesia è un linguaggio introdotto nel Regno di Napoli da alcuni Artisti di Strada ed è diventato nel tempo un modo di esprimersi tra i musicisti in particolar modo.

12. I STILL LOVE YOU: chitarra e voce di Daniele chiudono la tracklist dell’album, augurando un piacevole arrivederci.

Nel complesso il nuovo lavoro lascia perplessi al primo ascolto, dato che negli anni Pino Daniele ha abituato gli ascoltatori a lavori sicuramente di qualità dove in risalto c’è sempre la musica. Musica che si apprezza in ogni istante, in ogni traccia, ma le tracce hanno un sound diverso. Questo perchè è tutto frutto di un progetto indipendente e al di fuori degli schemi. Sicuramente anticipa il futuro prossimo quando la musica sarà possibile produrla da sè e quindi si può dar spazio alla creatività. Nel complesso un buon lavoro. Sulla fiducia.

Voto

7.0/10

Video Melodramma – Pino Daniele

Pino Daniele: La Grande Madre. La recensione, reviewed by Angelo Moraca on 2012-03-24T09:35:35+00:00 rating 7.0 out of 10

Tags: , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi