Reportage

Pubblicato il maggio 17th, 2012 | da Angelo Moraca

0

Red Bull Double Trouble, la conferenza stampa

Ore 11:00 di Giovedì 17 Maggio 2012 – PAN (Palazzo delle Arti di Napoli) Via dei Mille, 60 – è in corso la conferenza stampa per l’evento Red Bull Double Trouble che sarà in scena a Napoli, sempre al PAN, ma Venerdì 18 Maggio p.v. L’ inizio dello show è previsto per le 20 e 30 circa, ma per motivi di sicurezza l’area interessata (quella cioè che dalla Riviera di Chiaia sale per Piazza San Pasquale passando per Via Giosuè Carducci – Via dei Mille proseguendo a ritroso sulla parallela Via San Pasquale) sarà chiusa già nel primo pomeriggio. E’ invitata la cittadinanza tutta, nonchè con un certo margine di sicurezza sarà presente anche il primo cittadino – il Sindaco Luigi De Magistris, l’assessore alla Cultura e al Turismo Antonella Di Nocera e personalità dell’Amministrazione Comunale di Napoli. Oltre allo Staff del Palazzo delle Arti di Napoli e al Comune di Napoli, ha collaborato alla realizzazione dell’evento l’entourage di Radio Kiss Kiss. L’evento sarà gratuito e per chi non fosse a Napoli il Red Bull Double Trouble sarà visibile in diretta streaming tramite le piattaforme www.kisskiss.it e www.redbull.it così come da comunicazione ufficiale.

Terrazze/Palcoscenico PH. A. Moraca

L’evento in programma ha due peculiarità: in primis quella di aprire la strada alle nuove frontiere, dove la parola d’ordine del prossimo futuro sarà “condivisione”; in secondo luogo quello di rafforzare l’immagine della città di Napoli come centro culturale per tutto il Sud Italia, dimenticato oramai negli anni, ma anche come trampolino di lancio dell’Italia intera nell’era della globalizzazione che oramai avanza incontrastata, cercando di spostare il punto di osservazione sulle opportunità che offre questa città e non solo sui problemi ampiamente sponsorizzati dal massiccio lavoro dei mass media. Dunque dalle Tabernae al PAN nè passata di acqua sotto i ponti ma la scelta della città di Napoli è stata voluta appositamente per queste ragioni, per cercare cioè di far capire alla cittadinanza prima e al resto d’Italia poi che è possibile evolversi in meglio senza abbandonare il legame con il territorio. E a supporto di questo microcosmo c’è sempre e solo Lei: la musica. “Due band, due terrazze…e una città che balla” recita lo slogan dell’evento che vedrà sfidarsi a suon di musica due band ampiamente affermate nel panorama musicale italiano, ognuna per le proprio ragioni, ognuna per i propri meriti: da un lato i 99Posse, gruppo “BlackRaggaMuffin” nato a Napoli nell’ottobre del 1991 che rappresenta un filone culturale generazionale per i ragazzi partenopei dai tempi della mitica Officina 99 (Centro Sociale Occupato Autogestito) con sede a Napoli nel quartiere Gianturco con sonorità black che spaziano dal rap al reggae al dub; i Motel Connection dall’altro, gruppo di musica elettronica, nati nel 2000 da un’idea di Samuel (frontman dei Subsonica) Pisti (DJ) e Pierfunk (ex bassista dei Subsonica) precursori del genere elettronico che racchiude una sempre più ampia fascia di giovani clubber, con 5 album pubblicati e reduci di entrambe le edizioni del Vertical Stage Session (Torino 2010 e Milano 2011) dove hanno radunato oltre 15.000 persone esibendosi sui balconi di una palazzina anzichè su di un palcoscenico. L’idea è sponsorizzata da Red Bull sotto la direzione artistica di Stefano Pesca (ideatore delle precedenti performance “verticali”) che girando per la città di Napoli ha individuato il PAN come location per ospitare l’evento, per ovvie ragioni strutturali.

I protagonisti del Red Bull Double Trouble - Napoli PH. A. Moraca

La durata della conferenza stampa è stata di circa un’ora ed erano presenti, oltre all’entourage dell’evento e a giornalisti di varie testate locali e nazionali, i frontman delle rispettive band – Luca “O’ Zulù” Persico dei 99Posse Samuel e Pierfunk dei Motel Connection – l’assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli Antonella di Nocera e il direttore artistico Stefano Pesca. Proprio a quest’ultimo spetta l’onore di aprire la conferenza stampa spiegando i motivi che lo hanno spinto a realizzare un progetto insolito ma futuristico e perchè la scelta è caduta proprio sulla città di Napoli.Il progetto parte dall’idea di instaurare un dialogo con il territorio tramite l’utilizzo degli spazi urbani, focalizzando l’attenzione sul cittadino responsabile e padrone della propria città, creando un’alchimia con la stessa grazie alla musica.

Molteplici sono le chiavi di lettura dell’idea ma il tutto ruota attorno a tre punti focali: 1. motivo artistico, si abbandona l’usuale location del palcoscenico per trasferirla in una struttura urbana; 2. impatto tra artisti e cittadinanza, due generi musicali affini ma agli antipodi che lasciano confluire diversi gusti e diverse culture, dove la “battaglia” non vede l’utilizzo di armi bensì la potenza della musica amplificata dai watt delle casse disposte ad hoc per l’occasione; 3. modello di evento precursore della New Economy, che permette dunque interazione ed aggregazione allo stesso momento con lo sguardo rivolto al futuro dove la parola d’ordine sarà condivisione. Prosegue poi l’Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli Antonella Di Nocera, che ribadisce il concetto di economia collaborativa esponendo le due ragioni principali per cui l’Amministrazione Comunale ha voluto a tutti i costi che l’evento si svolgesse a Napoli ed in particolare al PAN: in primo luogo, l’evento è rivolto ai giovani napoletani e non, sempre più bisognosi di comunicare e di essere coinvolti, abituati ad essere abbandonati a loro stessi quando invece rappresentano la forza motrice delle nuove frontiere; in secondo luogo la scelta del PAN è stata voluta proprio per sponsorizzare una nuova scenografia della città di Napoli, essendo il PAN una struttura all’avanguardia in termini architettonici nonchè cuore pulsante dell’arte contemporanea sempre più in cerca di una nuova identità.

Infine, la parola passa ai due frontman protagonisti della scena musicale di domani sera. Parole concise ma efficaci, dove entrambi (Luca Persico dei 99Posse e Samuel dei Motel Connection) senza timore alcuno dichiarano che c’è stata un’alchimia inaspettata ma gradita già durante il soundcheck di ieri, dove le idee stimolanti nascono proprio dall’incontro di generi differenti. A parte qualche rivendicazione storica (il caso ha voluto che i Motel Connection di Torino sfidano i 99Posse di Napoli) dove i piemontesi l’ultima volta che scesero a Napoli condussero sotto la guida di Enrico Cialdini la lotta al brigantaggio voluta dal Re Vittorio Emanuele II creando scompiglio e distruggendo buona parte del patrimonio culturale artistico della capitale de Il Regno delle Due Sicilie, a vincere saranno la musica e la città con l’intento di trasferire l’immagine di Napoli nel futuro prossimo. La sfida sarà un back to back, dove le band si alterneranno tra loro nell’esecuzione dei pezzi (il rapporto dovrebbe essere due a due) ed ospiteranno anche delle special guest a supporto; in particolare (così come dichiarato dai diretti interessati) i 99Posse eseguiranno un pezzo dei Motel Connection e viceversa.

Degno di nota è l’intervento di Samuel dei Motel Connection che dichiara come è rimasto sorpreso dell’elasticità e della disponibilità del popolo napoletano, dal momento che il mixer per l’impianto è stato disposto al terzo piano di una palazzina situata di fronte al PAN, sul balcone di un signore che non ha opposto resistenza alcuna all’ “invadenza” degli organizzatori.

 

 

Tags: , , ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi