News olimpiadi-logo

Pubblicato il agosto 16th, 2016 | da Stefano Pellone

0

Le olimpiadi di Rio 2016 e la musica, un binomio emozionante

Da qualche giorno sono cominciate le Olimpiadi di Rio 2016 e stiamo vedendo tantissimi atleti gareggiare in molteplici discipline alla ricerca di una medaglia e della fama. Ovviamente tutte le fasi salienti dei Giochi Olimpici, dall’apertura alla chiusura comprendendo anche le premiazioni, sono accompagnati da momenti musicali. Non solo canzoni e jingle ufficiali, ma la musica accompagna anche la vita degli atleti nella gara più importante della loro vita: Usain Bolt sembra ascoltare “One Love” di Bob Marley prima di incamminarsi alla gara che gli farà guadagnare il podio anche per questa olimpiade di Rio 2016, Federica Pellegrini prende ispirazione da “Fantasia” di Walt Disney e la pluripremiata Tania Cagnotto si lascia andare a ritmi latini con il suo brano preferito “Hog es noche de sexa” degli Aventura, perfetto per l’ambientazione esotica di Rio 2016. Ma andando indietro nel tempo quali sono le canzoni che maggiormente sono collegate alle Olimpiadi?

Partiamo da quello che è considerato l’inno ufficiale delle Olimpiadi; noto semplicemente come Inno Olimpico, venne commissionato dal primo Presidente del CIO, il greco Demetrius Vikelas, in occasione delle prime Olimpiadi moderne del 1896 ad Atene e fu un lavoro di concerto tra il poeta greco Kostis Palamas e il compositore d’opera Spyridon Samaras. E’ una cantata corale che divenne coi Giochi Olimpici di Roma del 1960 l’inno ufficiale della competizione. Esso viene sempre eseguito durante la Cerimonia di Apertura quando viene innalzata la bandiera olimpica e durante la cerimonia di chiusura quando la bandiera viene ammainata.

Nonostante sia l’inno ufficiale, non è la canzone più famosa delle Olimpiadi: infatti la palma della canzone più notoria durante i giochi olimpici spetta alla composizione “Bugler’s dream” creata dal compositore francese Leo Arnaud nel 1958 e utilizzata in America come sigla d’apertura nelle trasmissioni dedicate ai giochi olimpici.

Per le Olimpiadi del 1984 a Los Angeles, il compositore americano John Williams (famoso per la colonna sonora di “Star Wars”) scrisse un inno olimpico dal titolo Olympic Fanfare and Theme che consiste in un arrangiamento del “Bugler’s Dream” di Arnaud, a cui segue la composizione di Williams. L’arrangiamento è del tutto simile a quello originale di Arnaud, se non per una ripetizione del tema effettuata dall’intera orchestra.

Dopo questa carrellata di inni, andiamo a esaminare qualche canzone che è possibile ascoltare spesso durante le cerimonie delle Olimpiadi e che ad essa è legata quasi a doppio filo: come primo pezzo dobbiamo per forza citare “Chariots of Fire“, la colonna sonora del film “Orizzonti di gloria“, pellicola che parla delle degli universitari di Cambridge che si allenarono per partecipare alle Olimpiadi del 1924 di Parigi. Il brano, composto dal celeberrimo compositore greco Vangelis, è diventato simbolo non solo delle Olimpiadi ma dello sport in generale.

Un altro brano che è molto legato alle cerimonie olimpiche e che spesso viene usato in film e documentari sul tema è “Heart of courage“, un brano composto nel 2008 dal musicale statunitense Two steps form Hell formato dal britannico Nick Phoenix e il norvegese Thomas J. Bergersen. La canzone grazie al suo incedere maestoso e potente ha da subito catturato l’attenzione dei media e degli addetti ai lavori.

In alcuni casi le canzoni sono state create per l’evento in maniera specifica, in altri casi invece sono state utilizzate per l’evento a distanza di anni dalla loro uscita: un esempio del primo caso è “Barcelona” di Freddie Mercury & Monserrat Caballé, composta nel 1987 ma utilizzata per i Giochi Olimpici del 1992. Un esempio del secondo caso invece è “One moment in time” di Whitney Houston, canzone registrata dalla cantante statunitense per i Giochi olimpici del 1988 tenutisi a Seul in Corea del Sud. Ogni tanto ci sono anche delle scelte a dir poco coraggiose, come la canzone “Survival” dei Muse scelta come colonna sonora delle Olimpiadi di Londra del 2012 oppure “Oceania” di Bjork scelta invece come canzone ufficiale delle Olimpiadi di Atene del 2004.

Un brano che ci è capitato di ascoltare spesso durante queste gare di Rio 2016 grazie ad un jingle pubblicitario è stato “Jungle” di X Ambassadors feat. Jamie N Commons, motivante e carico di adrenalina. Brano ufficiale dalle atmosfere ispirate alle spiagge di Copacabana e Rio è “Alma e Coração”, di Projota e Thiaguinho, inno ufficiale di Rio 2016. Per chiudere questa digressione abbiamo scelto una canzone assolutamente in tema con l’evento, ovvero “Hand in hand“, brano cantato dai Koreana e scelto come colonna sonora delle Olimpiadi di Seul del 1988. Perchè abbiamo scelto questa canzone tra le tante altre? Perchè questa canzone porta lustro all’Italia, essendo stata composta dal grandissimo Giorgio Moroder. Buon ascolto.

Tags: , , , , ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi