News Brian May, Irene Fornaiari e Kerry Ellis | © Daniele Venturelli / Getty Images

Pubblicato il febbraio 17th, 2012 | da Chiara B

10

Sanremo 2012, ripescati Carone e D’Alessio-Bertè. Resoconto Terza serata

Serata formidabile quella di ieri sera al Festival di Sanremo 2012, dove l’unica protagonista assoluta è stata la musica di alta qualità. Grandi nomi del panorama internazionale hanno calcato il palco dell’Ariston, regalando al pubblico in sala e a casa emozioni uniche.
Il tutto si è svolto nell’ambito di “Viva l’Italia nel mondo“, una sorta di kermesse dentro la kermesse, nella quale ciascuno dei 14 Big in gara ha riproposto una canzone italiana famosa nel mondo accompagnandosi con un ospite straniero. Guardando la lista dei duetti, le aspettative erano alte e sono state tutte rispettate. In perfetta linea con il tema della serata anche l’apertura del programma, che ha visto protagonista Gianni Morandi: il presentatore di Sanremo 2012 ha, infatti, iniziato cantando “Dio come ti amo“, canzone scritta da Domenico Modugno per Gigliola Cinquetti, e “Gli uomini non cambiano” di Mia Martini. Quest’ultimo brano ha una valenza particolare, perchè è stato scritto da Bigazzi, scomparso pochi mesi fa: Morandi ha voluto ricordarlo con affetto.

I membri della stampa riuniti hanno decretato che la miglior performance della serata è stata quella
dei Marlene Kuntz con Patti Smith in “Impressioni di Settembre“. A loro il premio, un’opera del Maestro Orafo Affidato di Crotone. Nonostante ciò i Marlene sono stati definitivamente eliminati dalla competizione di Sanremo 2012 assieme a Irene Fornaciari. Sono stati invece ripescati dal televoto le due coppie Carone e Dalla, D’Alessio e Bertè.
Ospite della serata Federica Pellegrini, che si concede in un’intervista sincera e divertente, racconta le difficoltà e le gioie del suo essere atleta e spera di battere se stessa alle prossime Olimpiadi di Londra di questa estate. E considerando che ha battuto fino ad ora ben 11 record mondiali…
Ivana Mrazova interviene poco, ma colpisce la coreografia che esegue assieme ai ballerini di Miseria: martedì era ricoverata in ospedale per la cervicale, ieri sera ruotava la testa a 360° con naturalezza. Una ripresa rapidissima. Un momento della trasmissione viene dedicato anche a Whitney Houston, scomparsa improvvisamente la scorsa domenica: dal pubblico chiedono un omaggio, Morandi rivela che c’era l’intenzione di farlo questa sera, ma segue comunque il suggerimento. Ricorda quando hanno cantato insieme a Roma una dozzina di anni fa “All At Once” e la bella persona, oltre che donna, che era.

Veniamo alla musica ed ai duetti, uno più emozionante dell’altro. La formula si ripete da uno all’altro: prima il brano “tradizionale” italiano, poi una seconda performance su un pezzo dell’ospite straniero. Rompe il ghiaccio Chiara Civello, che con Shaggy canta la versione inglese di “Io che non vivo” di Pino Donaggio: il pezzo è bellissimo, ma mettono un intermezzo r’n’b, a cui la Civello non sembra particolarmente adatta. Shaggy, in quanto rapper, non è abituato a cantare e si sente. Ma si riprende con la sua “Boombastic“.
Subito dopo è la volta del folk con Samuele Bersani e l’orchestra di Goran Bregovic sulle note di “Romagna mia“. Bellissimo il commento del cantante romagnolo: “Farla con lui è un modo per asciugare l’Adriatico”. Il risultato è quanto mai divertente e di alto livello, addirittura ci sono pezzi cantati in lingua gitana. Al termine Bregovic suona “Balcanieros“, estratto del suo ultimo album, nel quale c’è la partecipazione dei Gipsy King.

Goran Bregovci e Samuele Bersani | © Daniele Venturelli / Getty Images

Coppia di donne con Nina Zilli e Skye dei Morcheeba, che cantano la versione inglese di “Grande,grande, grande” di Tony Renis. Paradossalmente la canta meglio Skye della Zilli. Ancora il talento dell’artista inglese, poi, con “Rome Wasn’t Built In A Day” dei Morcheeba.
Momento di pura classe e magia ce lo regalano i Matia Bazar, che si fanno accompagnare da Al Jarreau in “Parla più piano“, ovvero il tema del film “Il Padrino“. Jarreau si lancia in scat, la Mezzanotte ci mette tutta la sua voce. E’ magia. Dopo è stata la volta di “We’re In This Love Together“. Molto più giovani sono, invece, Emma e Gary Go, che assieme propongono “Il paradiso“, brano scritto da Lucio Battisti e Mogol, che inizialmente non ha molto successo ed è poi esploso con Patty Pravo. Al termine “Wonderful“del cantante inglese, successo di un paio di anni fa.

Passaggio commovente della terza serata di questo Sanremo 2012 ci viene offerto da Arisa e Josè Feliciano, che cantano “Che sarà“. Lo stesso Feliciano l’aveva presentata per la prima volta a Sanremo nel 1971, dopo 40 anni ancora commuove il pubblico. E dopo piange anche Morandi, perchè il cantante portoricano decide di omaggiarlo cantando “C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones“.
Renga ci fa scoprire Sergio Dalma, cantante spagnolo di grande successo in patria, che ripropone nella sua lingua i più grandi successi italiani. Prima cantano “Il mondo” di Jimmy Fontana, poi “Bella senz’anima” di Cocciante. Due voci opposte, ma che si amalgamano con un bel risultato. La coppia Pierdavide Carone e Lucio Dalla porta in questo Sanremo 2012 Mads Langer, giovane talento danese noto in Italia per “You’re Not Alone“, che ha anche cantato con Carone. Prima, però, tutti e tre presentano “Anema e core“. Bella nel complesso, ma il napoletano non riesce un granché bene al giovane cantautore romano. E’ a questo punto della serata che è entrato in scena lui, Brian May. Ve ne abbiamo già parlato in modo dettagliato, ma ricordiamo che con Irene Fornaciari e Kerry Ellis ha suonato “Uno dei tanti” e dopo la mitica “We Will Rock You“.

Brian May, Irene Fornaiari e Kerry Ellis | © Daniele Venturelli / Getty Images

Non c’è stato tempo di riprendersi, perchè dopo di lui è arrivata l’altra leggenda attesa al Festival: Patti Smith. Anche di lei vi abbiamo raccontato tutto, ha cantato con i Marlene Kuntz prima una nuova versione di “Impressioni di Settembre” della P.F.M, poi “Because The Night“. Altro momento toccante quello che ha visti protagonisti Gigi D’Alessio, Loredana Bertè e Macy Gray, che hanno omaggiato Mia Martini con la celeberrima “Almeno tu nell’universo“. E’ difficile da interpretare questo brano, perchè è inevitabile che appena partono le note, parta anche in testa la voce di Mimì. Dopo D’Alessio e la Gray presentano il loro nuovo singolo assieme “Io sarò per te“.
Alta classe per Eugenio Finardi e Noa, una delle voci più belle della musica attuale. Prima cantano “Surrender/Torna a Surriento” con il cantante italiano che fa la parte inglese e Noa che canta in napoletano. Lei è molto legata alla tradizione della musica napoletana, tanto da aver fatto un disco “Noapolis” solo di canzoni di questo tipo. Accenna a “Era de Maggio” prima, a “Beautiful That Way“, il tema de “La vita è bella” di Benigni, poi. Fantastica.
Subito dopo un po’ di rock che incontra il rap: Dolcenera e Professor Green cantano “Vita spericolata” di Vasco Rossi, poi il singolo uscito prima del Festival che li vede duettare assieme “Read All About It”.
Chiude la serata lunghissima e bellissima Noemi, che a Sanremo 2012 porta Sarah Jane Morris. Per lei non è la prima volta al Festival, vi era già stata nel ’90 e nel ’91 duettando rispettivamente con Cocciante (“Se stiamo insieme”) e Fogli (“Ma quale amore”). Insieme prima cantano “Amarsi un po’” di Battisti, poi “Fast Car” di Tracy Chapman.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore



10 Responses to Sanremo 2012, ripescati Carone e D’Alessio-Bertè. Resoconto Terza serata

  1. Claudia says:

    Ciao. Come puoi dire che Pierdavide abbia cantato male in napoletano? E’ uno dei pochi, di tutti quelli che ho sentito in giro, che c’è riuscito con ottimo accento e dando la giusta interpretazione alle parole. E lo dico da napoletana!

    • VALENTINA says:

      LA PENSO COME TE……E VORREI AGGIUNGERE KE ANKE SE SONO COMBATTUTA TRA PIER DAVIDE E EMMA,SECONDO ME MERITEREBBERO TUTTI E DUE LA VITTORIA!

  2. gianna says:

    voto per emma marone e pierdavide carone sono i miei due cantanti preferiti inassoluto

  3. pasquale says:

    grande la loredana peccato presentarla cosi. comunque la seconda e la terza serata sono state fantastiche e all’insegna della canzone.

  4. Giuseppina says:

    Serata memorabile. Bravi, scelta eccezionale quella di far cantare i grandi della musica internazionale!!! Purtroppo ora il confronto con i nostri cantanti è, per me, deludente ma seguirò lo stesso la gara. Morandi trattiene molto bene la serata e sa condurre perfettamente, Rocco mi sembra “bloccato” forse sarà timido? Forza Rocco, sciogliti e farci ridere!! un abbraccio alle conduttrici in erba!

  5. bingia says:

    il vero festival è stato il 16 ,si sono sentite veramente voci eccellenti e canzoni strepitose.abbasso C elentano.

  6. angelo says:

    Claudia, Valentina e Gianna perchè non votate direttamente per Maria De Filippi? Bisogna essere obiettivi: Carone non è mai stato a suo agio sul palco di Sanremo in tre serate (si vede e si sente!); Emma ieri con Gary Go (chi è? è famoso per una canzone, ma non ha voce!) ha stonato diverse volte e di brutto! Ci sono stati diversi bei duetti, con grandi artisti, sicuramente non quelli di Carone ed Emma! Se poi pure a Sanremo, come è già successo e ormai è di norma, dobbiamo far vincere “Amici”, allora votiamoli in massa!

  7. stefania says:

    Che dire!!! …. Io ero li, in platea ed è stato come vivere in una dimensione Magica, unica,indimenticabile!!!
    Queste sono Emozioni che solo la musica sa regalare!!!
    Stefania

  8. giusi says:

    Un bel Sanremo….è la mia opinione! ognuno pensi come vuole ma nulla da obiettare sulle canzoni tutte di buona qualità. Tra gli ospiti stranieri sono rimasta affascinata da Patty Smith …un carisma tutto suo malgrado la sua inesistente femminilità (cosa le è succcesso..???..). Per quanto riguarda i ripescaggi io ci avrei giurato che sarebbero stati loro (e sono pienamente daccordo…). Chi vincerà? secondo me sarà una sorpresa…

  9. gianna says:

    caro angelo , accetto la tua opinione ma seguo molto questi ragazzi di amici e mi sono entrati nel cuore sono ragazzi comuni come i miei figli . ma non possiamo negare il talento di pierdavide . di come scrive di come suona di come è semplice ma molto bravo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi