News

Pubblicato il febbraio 12th, 2013 | da Greta C

0

Spotify, il social jukebox digitale sfida iTunes

Per lungo tempo abbiamo pensato che nulla potesse contrastare la potenza di iTunes. Come sempre ovattati rispetto agli altri paesi del mondo, Spotify in Italia sembrava ormai essere una chimera, una bella favola da raccontare ai bambini.

Proprio mentre ci si accinge a seguire il Festival di Sanremo 2013 che inizierà questa sera, il 12 Febbraio 2013 sarà ricordato negli annali della musica, ma non solo, come il giorno di lancio di Spotify in Italia.

Andiamo a scoprire meglio questo servizio che mira a rivoluzionare l’intero panorama della fruizione musicale. Il sito si presenta in una veste molto semplice, un grande titolo che introduce l’ascoltatore in un mondo fatto di musica “La colonna sonora della tua vita” dove il sottotitolo al claim di apertura è “Lascia che Spotify ti offra la giusta musica per ogni umore e momento”. Supportato da questo claim molto misterioso, Spotify farà davvero la rivoluzione della musica?

Gli esperti del settore sono assolutamente sicuri che Spotify sfiderà il potere incontrastato di iTunes.

Cos’è Spotify?

Servizio di streaming musicale on demand, di fattura svedese, Spotify è sbarcato in Italia con un team molto giovane. Veronica Diquattro, giovane manager che ha guidato proprio l’arrivo in Italia del servizio, ha spiegato che con soli 5 euro al mese, per la precisione 4,99 euro, si potrà ascoltare tutti i brani e tutti gli artisti che si vuole, condividendo ascolti, playlist e moltissime altre funzioni. Esiste anche una versione gratuita che include le pubblicità, un po’ come tutte le app esistenti: versione gratuita con pubblicità più o meno invasive e versione a pagamento libera da qualsiasi distrazione pubblicitaria.

Spotify è disponibile già praticamente ovunque, sia sul web che come app di Android e di Apple. Una svolta alle abitudini anche se, quando parliamo di abitudini, è molto difficile pensare a qualcosa che si sradicherà facilmente, soprattutto in Italia. Veronica Diquattro ha spiegato recentemente a “Panorama” che coloro che hanno stabilito la data di lancio di Spotify non sapevano neanche che in Italia c’era una manifestazione come il Festival di Sanremo. Spotify però procede spedito alla conquista del panorama musicale e recentemente ha stretto accordi sia con le principali etichette discografiche sia con alcune etichette indipendenti ma ben radicate sul territorio.

Un jukebox digitale ma dalle tinte assolutamente social. Nel XXI secolo sarebbe stato impossibile dimenticare la parte dei social network e più in generale quella sociale. Il team di Spotify è perfettamente cosciente di ciò ed infatti vuole puntare molto sulla creazione di reti sociali dove condividere gusti, dove sentirsi una star, dove seguire le preferenze degli amici ma anche personaggi noti (vedasi Shakira). Spotify si è posto un obiettivo molto ambizioso, essere l’alternativa legale alla pirateria. In altri paesi europei questo sta già avvenendo con successo, non ci resta che attendere di scoprire cosa avverrà in Italia.

Spotify - Screenshot

Spotify – Screenshot

Quali sono i costi di Spotify?

Sostanzialmente esistono tre pacchetti di scelta di Spotify così distribuiti:

  • Spotify Free: servizio completamente gratuito che offre l’accesso a milioni di brani. Non vi è alcun obbligo monetario ma purtroppo vi sono le pubblicità (una sorta degli spot pubblicitari che vi sono su YouTube).
  • Spotify Unlimited: servizio al costo di 4,99 euro al mese. Il servizio funziona come quello gratuito ma con l’esclusione delle pubblicità. Nessun limite di ascolto, nessuna pubblicità invasiva, solo musica.
  • Spotify Premium: servizio al costo di 9,99 euro al mese. Vi è, in aggiunta a quanto specificato per le altre due modalità, la possibilità di accedere alle playlist anche offline o da dispositivi mobile. Inoltre vi è una qualità sonora migliore.
Panoramica Spotify - Screenshot

Panoramica Spotify – Screenshot

 

Come funziona Spotify?

Un catalogo di 20 milioni di brani a cui si può accedere mediante i tre pacchetti spiegati precedentemente. Ma come s’inizia ad utilizzare Spotify? L’uso è immediato e assolutamente semplice. Innanzitutto dovrete registrarvi e per farlo occorrono pochissimi dati oppure potrete semplicemente collegare il vostro profilo Facebook a Spotify in modo da conoscere i brani che ascoltano anche i vostri amici. Spotify oltre alle tre modalità di utilizzo è disponibile sia per Windows e per Mac sia per quanto riguarda le app, disponibile sia su Android che su Apple.

Passo successivo è quello d’installare Spotify sul proprio computer anche se, sempre Veronica Diquattro, ha spiegato che stanno lavorando ad una versione browser senza bisogno d’installazione anche se si è ancora in una forma Beta. Quindi, per ora, è necessario scaricare il programma sul proprio computer. Per coloro che utilizzano già iTunes, ritroveranno molti particolari come le playlist che sono fondamentali per l’ambiente di Spotify. Il programma è molto intuitivo con i comandi consueti di “Cerca e trova”, “Crea la tua libreria”, “Segui e condividi” ma anche la “Radio” dove Spotify mette a disposizione l’ascolto di una radio partendo da uno dei brani segnalati precedentemente come preferiti (sul modello di Last.fm).

Svolgiamo insieme la procedura:

  1. Collegarsi al sito ufficiale di Spotify versione italiana (Spotify.com/it)
  2. Clicchiamo su Ottieni Spotify, così da scaricare immediatamente il programma ed iniziare ad utilizzarlo. Le altre sezioni previste in homepage sono: Funzioni, dove vengono spiegate le funzioni del programma, Premium (vedasi quanto spiegato precedentemente in merito ai pacchetti) ed Assistenza, per qualsiasi altra problematica incorsa. Un merito a Spotify va già all’impatto: foto molto grandi e suggestive accompagnate da brevi frasi altrettanto immediate. Semplicità ma nello stesso tempo efficacia.
  3. Una volta che abbiamo lanciato il download del programma ci chiede se entrare con Facebook o con Spotify. Colleghiamo a Facebook così da vedere gli ascolti anche dei nostri amici.
  4. Benvenuti nel mondo Spotify. Si apre immediatamente in secondo piano l’interfaccia mentre in primo  piano vi è una mini guida intitolata “Ti diamo il benvenuto su Spotify” dove vengono spiegate le caratteristiche fondamentali del programma.
  5. L’interfaccia ricorda profondamente iTunes, inutile nasconderlo, anche se in una versione molto più semplificata. Nella parte bassa dell’interfaccia si vedono gli ascolti degli amici mentre nella parte centrale i brani “Novità”. Clicchiamo su una canzone e parte immediatamente l’ascolto.

La prima impressione è sicuramente molto buona, certamente interessante e innovativa ma riuscirà davvero lo streaming a sostituire il download? A sostituire quella idea di “possesso” della musica che nasce nel vedere un file sul proprio computer e non aleggiante nel mondo Spotify? Staremo a vedere!

 

Tags: , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore



Rispondi

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi