Carrie & Lowell". Nuovo ..." /> Sufjan Stevens: "Carrie & Lowell". La recensione | MelodicaMente

Recensioni Sufjan Stevens - Carrie & Lowell (Artwork)

Pubblicato il aprile 21st, 2015 | da Carmen Pierri

0

Sufjan Stevens: “Carrie & Lowell”. La recensione

Sufjan Stevens: “Carrie & Lowell”. La recensione Carmen Pierri
Voto MelodicaMente

Summary: Un tragico e necessario ritorno alle origini che parla di bellezza, d'amore e di dolore.

4,5

Profondità disarmante


Voto Utenti: 4.2 (2 voti)

Dopo anni di silenzio Sufjan Stevens si racconta con “Carrie & Lowell“. Nuovo album partorito in studio, di profondità e complessità disarmante, al primo ascolto ci accompagna in un’atmosfera meravigliosa per poi abbandonarci ad ascolti infiniti tragici, terrificanti e drammatici. Dimensioni soffuse, intime e ricche di sfumature tra il terrore, il dolore e il vuoto, Sufjan cerca di fare chiarezza nel suo animo spogliandolo da qualsiasi rancore e con atteggiamento remissivo lasciandosi andare ad un sentimentale ma tragico racconto della sua vita esplorando lande mistiche con contemporaneo gusto musicale e compositivo.

Carrie & Lowell” racconta l’unica parentesi felice della vita di una madre vittima dell’alcol, della violenza, della depressione, fortunatamente affiancata da un compagno comprensivo, capace di donare luce alla sua drammatica esistenza per soli cinque anni. Carrie è la madre di Sufjan nella realtà, scomparsa nel 2012 a causa di una brutta malattia. Una giovinezza e infanzia di sofferenze, allontanamenti e assenze quella del cantautore che riesce come sempre a rendere l’amara pillola un dolce fastidio, grazie ad una delicatezza singolare presente in ogni singola battuta musicale.

2015-01-09-11.38.33

Sufjan Stevens ” Carrie & Lowell” – Artwork

La meditazione musicale di Sufjan è in compagnia della sua voce e della sua chitarra, con momenti arricchiti dal suo inseparabile banjo disturbati a piccoli tratti da incursioni elettroniche, immancabili nei suoi ultimi lavori. Abituati a dimensioni fantastiche a racconti ispirati dalla Bibbia e dalla mitologia greca, il cantautore e musicista americano ci spiazza con una vera e propria autobiografia non autocelebrativa ma risolutiva e narratrice di un intero percorso di vita. Non un manifesto di quello che è stato, piuttosto una previsione e un’apertura a ciò che ne sarà della sua vita dopo aver fatto chiarezza nel suo cuore e nei suoi ricordi. Egli stesso recita nel primo pezzo dell’album “Death with Dignity” la frase “.. every road leads to an end“, ed è proprio dalla fine che l’artista vuole ricominciare.

Tutto inizia con un racconto melodico tranquillo e piacevole nonostante le liriche dicano tutt’altro, infatti la chiarezza e la spensieratezza sfociano in una dimensione malinconica prima e tragica dopo, che si trasforma in un momento sempre più solitario e introspettivo.
Prima o poi bisogna fare i conti con la morte, e Sufjan cerca di raccontare i motivi dei suoi dolori e delle continue incomprensioni aprendosi ad una speranza che forse legherà una mamma e un figlio con il pensiero, con lo spirito e con il ricordo. Dalla fine si comincia, dalla riconciliazione che probabilmente non ha mai legato due cuori in vita ma che lo farà dopo la morte.

Sufjan Stevens ha un animo musicale variopinto, ha vestito tanti insoliti costumi, ha costruito tanti racconti fantastici è diventato il cantastorie della musica contemporanea ma infine ha sempre lasciato spazio alla sua intima ispirazione musicale che lo colloca tra i migliori artisti degli ultimi anni, dalla singolare genialità.

Carrie & Lowell” arriva dopo un percorso che ha visto il polistrumentista accanto a numerosi esponenti della discografia mondiale, dai ribelli rapper alla sofferente anima dei The National. Sufjan ci strappa continuamente il cuore, ci commuove, ci fa soffrire ma ci lascia senza parole, ci rende partecipi del suo più profondo dolore, ne è la prova un brano come “Fourth Of July” data che lo stesso cantautore non dimenticherà facilmente. Malinconici passaggi e leggere presenze, cori appena accennati e timide aperture musicali rendono “Carrie & Lowell” il racconto di una vita non un banale progetto artistico. Chiare e semplici le composizioni musicali di Sufjan Stevens racchiudono una ricchezza nella purezza dei gesti, ne è la prova un brano perfetto come “John My Beloved“.

Un album come questo ci trasporta in paesaggi inesplorati che tali resterebbero senza animi sensibili come quello di Sufjan. Un tragico e necessario ritorno alle origini che parla della bellezza dell’amore ma del dolore che in esso è racchiuso.  Liberatoria chiusura “Blue Bucket Of Gold” ci trasporta musicalmente alla solennità religiosa, perennemente d’ispirazione per Sufjan, gli accordi sfumati e poco chiari, appena accennati, ci accarezzano e ci poggiano su una superficie fluttuante, sognante e tragicamente incerta.  Storditi, rapiti e impauriti, attratti e misticamente innamorati, la fragilità di “Carrie & Lowell” ci lascia senza parole, merito di un dolce cantastorie del nuovo millennio dalle radici saldamente ancorate a contaminazioni di diversa provenienza. “Il ricordo delle cose passate non è necessariamente il ricordo di come siano state veramente.

Tags: , , ,


Informazioni sull'Autore

Lo studio del pianoforte avvicina il suo cuore alla musica in tenera età facendole sviluppare presto una passione per tutta la musica esistente. Appassionata di musica strumentale è una biologa prestata alla critica musicale. Amante dell'indierock, la sua unica certezza i Radiohead. La musica, l'evoluzione e i numeri la sue passioni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi