News Justin Bieber | © Kevin Winter/Getty Images

Pubblicato il dicembre 14th, 2012 | da Carmen Pierri

1

Sventato omicidio, Volevano castrare ed uccidere Justin Bieber

Justin Bieber è l’idolo delle teenager, tutti lo amano, tutti lo adorano, ma alcuni lo odiano. Una star in vista come lui rischia più volte di finire nelle antipatie di qualche pazzo fanatico, e per questa volta devo dire che il giovane cantante l’ha scampata bella. Dana Martin, 45enne detenuto dal 2000, sta scontando una pena per aver stuprato e ucciso una 15enne, e da tempo stava meditando di uccidere il giovane Justin, per il quale aveva addirittura ingaggiato un suo ex compagno di cella. Insomma, Dana aveva messo su una vera e propria squadra omicida, nella quale era coinvolto anche il nipote del complice ex detenuto, per castrare e poi ammazzare la popstar più popolare del momento.

L’odio può arrivare a tutto questo? A quanto pare si, quella di Dana Martin era una vera e propria ossessione, tanto da portare il viso di Justin Bieber tatuato sulla gamba e da fomentare anche sue conoscenze tanto da portarle a commettere il fattaccio. L’organizzazione era stata messa su in occasione del concerto di Justin Bieber a New York il 28 Novembre, ma il tutto è fallito magari per l’insostenibile peso del rimorso che lo stesso Dana Martin non ha saputo sopportare. Infatuazione? Ossessione? Chissà perché Dana è arrivato a questo, i due complici avrebbero dovuto uccidere le guardie del corpo e poi arrivare a Bieber per castrarlo con delle cesoie da giardino e strozzarlo con delle cravatte di cashmere. Nulla lasciato al caso dunque, ritrovate in macchina anche le mappe con il percorso del viaggio da compiere dal New Mexico solo per uccidere un idolo delle teenager, chissà per quale capriccio e chissà per quale motivo.

Dana ormai da tanti anni chiuso in carcere sentiva il bisogno di poter ancora essere importante e di poter ancora agire anche a distanza con la sua mente malata, ma come mai si è tirato indietro?

Justin Bieber | © Kevin Winter/Getty Images

Oltre alle dichiarazioni di Dana, che hanno solo contribuito a confermare la pista omicida, zio e nipote sono stati bloccati il 19 Novembre al confine con il Canada, dove un agente di frontiera si era insospettito per un permesso speciale di libertà vigilata al di fuori del New Mexico appartenente allo zio. All’inizio il nipote era stato rilasciato, ma evidentemente sentendosi incastrato ha vuotato il sacco al telefono con il detenuto, dunque intercettato e arrestato a New York.
Beh la vicenda è abbastanza complicata, ma ciò che ci rende tranquilli è che il tutto è saltato, lasciando così in pace Justin.
Inoltre in tutto il piano erano previsti compensi, occultamento di prove, e tanti altri particolari emersi dai documenti della  polizia davvero molto inquietanti.
Per il momento zio e nipote sono detenuti in due stati differenti, e si sta cercando di estradarli, in quanto entrambi con indirizzo di Albuquerque. Le indagini nel frattempo continuano perché alcuni elementi sono poco chiari alla polizia.
Ovviamente d’ora in poi massima sicurezza per il cantante e per tutta la schiera di fan che seguono il famosissimo Bieber. Per quanto possa essere fastidioso come personaggio nessuno mai ha mai pensato di varcare il confine della civiltà in questo modo. Bieber, noi ti siamo vicini.

Tags:


Informazioni sull'Autore

Lo studio del pianoforte avvicina il suo cuore alla musica in tenera età facendole sviluppare presto una passione per tutta la musica esistente. Appassionata di musica strumentale è una biologa prestata alla critica musicale. Amante dell'indierock, la sua unica certezza i Radiohead. La musica, l'evoluzione e i numeri la sue passioni.



One Response to Sventato omicidio, Volevano castrare ed uccidere Justin Bieber

  1. Simone says:

    Alcuni ti odiano? Direi un po’ di più….peccato non l’abbiamo ucciso, ci avrebbero fatto un grandissimo favore…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi