Recensioni Cover "Futurephobia" The Last Project

Pubblicato il novembre 8th, 2011 | da Chiara B

0

The Last Project : “Futurephobia”. La Recensione

Una band emergente italiana ma dal gusto tutto inglese, come i testi delle loro canzoni: The Last Project. Gruppo che si inserisce nel panorama dell’alternative rock, un suono internazionale e mai scontato, si compone di quattro membri giovanissimi: Francesco Quaranta, voce, chitarra e synth; Carlo Cazzani, lead guitar, cori e synth; Marco Saracino al basso; Francesco Capacchione, batteria e cori.

The Last Project | © Facebook Official Page

Si sono incontrati a Pavia nel 2009, assieme all’amicizia hanno deciso di sviluppare un progetto musicale, l’ultimo, quello definitivo e sono così nati The Last Project. Come molti gruppi e cantanti emergenti hanno cominciato a suonare nei locali ed a presenziare ad eventi di vario tipo, dividendosi tra Pavia, Milano, Alessandria e Firenze. Hanno partecipato anche a diversi contest di alto livello: nel Novembre del 2010 hanno vinto l’Heineken Jamming Fest Contest “SalaProve di RockTv” e sempre lo scorso anno si sono anche aggiudicati la vittoria del “Morning Glory Music Contest 2010”. Altri ottimi risultati li hanno ottenuti anche nel corso del 2011, arrivando sempre in finale o tra i semifinalisti a diversi altri contest. Lo scorso anno hanno pubblicato il loro primo EP, “Feelin’ Good in Your Shoes”, che è possibile scaricare gratuitamente dalla pagina Facebook di The Last Project, da lì in poi hanno deciso di mettersi a lavorare ad un nuovo album. Arriva così “Futurephobia”, il primo disco vero e proprio di questa band, uscito lo scorso 1 Novembre ed anticipato il 25 Ottobre dal primo singolo “Heartist”. A distanza ravvicinatissima, appena il giorno successivo, hanno pubblicato anche il secondo estratto “The Noise”. Fino all’8 Novembre è possibile sentire l’intero cd in streaming sul sito di Rockit, da lì in poi rimarranno disponibili all’ascolto soltanto i due brani che hanno aperto la strada a “Futurephobia”. E’ possibile, però, che prossimamente vengano rese pubbliche anche altre track. Otto canzoni, tutte in lingua inglese, scritte dalla band, suono interessante, mai banale e ripetitivo. Si percepisce fin dal primo ascolto l’impegno che ha coinvolto i ragazzi nella scrittura e nella realizzazione dell’album, cura ai particolari, lavoro lungo e puntiglioso che ha dato i suoi frutti.

Cover "Futurephobia" The Last Project

Maggiore maturità rispetto all’EP precedente, una presenza più forte della componente elettronica negli arrangiamenti, interessanti linee di basso che improntano i brani ad un bel ritmo. “Futurephobia” riesce a coniugare la piacevolezza delle tracce, che scorrono via senza una dopo l’altra dal play in avanti, all’accuratezza di un lavoro di buon livello. Un bel punto di partenza per The Last Project, che con questo disco confermano di avere il talento, le idee ed il giusto atteggiamento per andare avanti. C’è ovviamente ancora da crescere e maturare, lo sanno bene anche i ragazzi, ma mi sembrano ci siano tutti i presupposti perchè questo ultimo definitivo progetto riesca ad imporsi. Nel frattempo la band continua la sua buona dose di gavetta in giro per i club di Milano e dell’interland, raccogliendo consensi anche nei live. Insomma, The Last Project, un gruppo da tenere d’occhio. Tracklist “Futurephobia”: 01. Futurephobia 02. Heartist 03. The Noise 04. Heaven’s Dope 05. Completely Wrong 06. Angry Smile 07. Useless Boundaries 08. W-eight Voto: 
7.0/10

The Last Project : "Futurephobia". La Recensione, reviewed by Chiara B on 2011-11-08T10:58:38+00:00 rating 7.0 out of 10

Tags: , , ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi