News The Beatles|© Central Press/Hulton Archive/Getty Images

Pubblicato il luglio 24th, 2012 | da IlgiovaneNeil

0

“Tomorrow Never Knows”, su iTunes ritornano i Beatles

Il mito non muore mai. E per chi volesse ricordarlo da oggi su iTunes è disponibile una nuova raccolta dei Beatles intitolata “Tomorrow Never Knows”. L’album, che contiene 14 brani, propone di raccogliere insieme i pezzi più rock o quantomeno con più groove del famoso quartetto di Liverpool come: “Revolution, Helter Skelter“, “Back In the U.S.S.R” ed altri brani che non sono mai state vere e proprie hit musicali.
Osservando attentamente la playlist può anche sfuggire il perché di tale assortimento, ma sicuramente l’uscita della raccolta è stata preparata accuratamente se si evidenziano la copertina (bianca come nel “White Album” e rosso “Strawberry fields”) il video di accompagnamento al brano “Hey Bulldog”  e soprattutto il bello e significativo incipit firmato Dave Grohl:

The Beatles|© Central Press/Hulton Archive/Getty Images

 Se non fosse stato per i Beatles, non sarei un musicista. E’ semplice. Fin da giovane rimasi affascinato dalle loro canzoni, e nel corso degli anni ho gettato tutto me stesso nella loro discografia. Il loro groove e la loro spavalderia. La loro grazia e la loro bellezza. La loro ombra e la loro luce. I Beatles sembravano essere capaci di tutto. Sapevano che non esistevano confini, e in quella libertà sembravano definire ciò che noi oggi conosciamo come ‘Rock and Roll.’

Recentemente ho mostrato a mia figlia Violet di 6 anni lo splendido film “Yellow Submarine”. E’ stata la sua introduzione ai Beatles, e lei ha subito condiviso lo stesso fascino che ho provato io alla sua età . Voleva sapere i loro nomi, quali strumenti hanno suonato, chi cantava le canzoni , etc etc etc … ne sono stato entusiasta (ed orgoglioso!). In pochi giorni sapeva sia le strofe che i ritornelli di ogni canzone . Ma lei aveva una canzone preferita ….

‘”Hey Bulldog” non è una delle più grandi hit dei Beatles. E’ quella che i più indicano come un ‘deep cut’. Ma è la quintessenza rock dei Beatles. La linea di basso incalzante, il marchio di Ringo alla batteria, la grintosa chitarra distorta e quel suono che solo la gola di Lennon era capace di produrre. Insistente. Ritmata . Ti fa muovere la testa. Ti scuote i fianchi. Quando Lennon canta: ‘Se sei solo puoi parlare con me!’ lenisce il tuo cuore come se avessi finalmente trovato qualcosa in cui credere. E’ così crudo e reale. E al 100% rock senza tempo…

Da una generazione all’altra, i Beatles rimarranno la rock band più importante di tutti i tempi.

Chiedete a Violet.”

La tracklist della raccolta:

1 – Revolution
2 – Paperback Writer
3 – And Your Bird Can Sing
4 – Helter Skelter
5 – Savoy Truffle
6 – I’m Down
7 – I’ve Got a Feeling (Naked Version)
8 – Back In the U.S.S.R.
9 – You Can’t Do That
10-  It’s All Too Much
11 – She Said She Said
12 – Hey Bulldog
13 – Tomorrow Never Knows
14 – The End (Anthology 3 Version)

 

Tags: , , , , ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi