News Quintessenza

Pubblicato il ottobre 20th, 2010 | da Vittoria Borgese

0

Tornano i Quintessenza con “Nei Giardini di Babilonia”

I Quintessenza tornano con il loro terzo lavoro titolato “Nei Giardini di Babilonia” .

La band si forma nel 1995 con il nome di X-Rated, con lo scopo di suonare brani originali mischiandoli a cover di Pearl Jam, Nirvana, Guns n’Roses. Nel 1996 il gruppo originario si ingrandisce con l’ingresso di  Gabriele Moretti alle chitarre, cambia  nome ma continua a coltivare musica: nascono brani inediti, all’epoca in inglese e nel 1999 vede la luce il progetto “Venere”, il primo demo cd che la band registra interamente in studio.

Dal 2000, la band si propone di far rivivere pezzi storici del rock italiano: Vasco, Ligabue, Litfiba, Negrita, Steeve R. Band, Negramaro, Timoria, e tanti altri.

Il quintetto (Gabriele Moretti,chitarre; Federico Razzi, basso e Stick; Filippo Fantozzi, tastiere; Francesco Bruchi,  batteria e percussioni e Diego Ribechini, voce) esce con  “Nei Giardini di Babilonia“, che comprende 13 brani per un totale di 61 minuti di musica e una serie di contenuti extra, e con cui il gruppo, per stessa ammissione dei suoi membri, si è  ispirato a grandissime opere del passato come il Jesus Christ Superstar o Tommy degli Who, in particolar modo per la teatralità con cui è sviluppato l’album:

“ogni concept album che abbiamo ascoltato negli anni ci ha lasciato un bagaglio personale e culturale che abbiamo cercato di sfruttare con i nostri mezzi e con molte licenze, dalla classica al jazz. Ad ogni modo consideriamo che ogni componente dei Quintessenza ha influenze molto diverse e sarebbe sbagliato dire che ci siamo attenuti ad un solo genere nella composizione dei brani…”

L’album è un’opera in 7 capitoli,  frutto di una lunga elaborazione, come rivela lo stesso gruppo: “è un progetto più elaborato, che è nato quasi dieci anni fa e che ha visto centinaia di cambiamenti prima di vedere la luce …;  c’è un alternarsi di momenti di climax (sia narrativo che musicale) e di riflessioni più intime nelle quali si sperimentano suoni ed ambienti insoliti perfino per i musical di Broadway. Certo, tutto questo non giova alla commercialità, ma certe volte si sente davvero la necessità di dimenticarsela.”

Il racconto parla della caduta e dell’ascesa di un uomo qualunque che viene trasportato dalla propria anima in un mondo immaginario (Babilonia), dove un guardiano lo attende per iniziarlo al viaggio che deve intraprendere. Il protagonista farà così un percorso all’interno dei Giardini di Babilonia che lo condurrà a scavare nel fondo del suo Io più intimo, che lo aiuterà a liberarsi definitivamente delle proprie paure e che gli permetterà di ascendere ad una vita nuova”. Queste le parole di Diego Ribechini, cantante della band e autore del libretto che accompagna l’album.

Special guest nell’album:

Elena Alice Fossi: voce

Alessandra Caponi: flauto traverso

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore

Spirito pratico e razionale, ama la musica in tutte le sue forme come strada per lasciarsi andare alle emozioni. Condivisione e lavoro di squadra sono le sue parole d'ordine; Lenny Kravitz e Francesco De Gregori il suo debole.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi