News Vasco Rossi| © Giuseppe Cacace/Getty Images

Pubblicato il ottobre 3rd, 2011 | da Vittoria Borgese

4

Vasco Rossi denuncia Nonciclopedia e il sito chiude

Nonciclopedia chiude i battenti. E subito dopo l’annuncio con cui il sito ha comunicato la sospensione del servizio “a tempo indeterminato”,  la  notizia ha cominciato a fare il giro del web lasciando i lettori di sasso per l’assurdità della vicenda. Per chi non lo sapesse Nonciclopedia è una sorta di enciclopedia in versione satirica: un portale strutturato sul modello della celebre Wikipedia che lascia o meglio lasciava, gli utenti liberi di apportare modifiche alle varie pagine presenti  in elenco. Oltre 12mila le voci presenti, attraverso le quali  fatti e personaggi reali venivano raccontati attraverso parodie pungenti e dissacranti da consultare armati di una buona dose di senso dell’umorismo. Una chiusura che nella  sostanza  fa gridare alla censura soprattutto se si pensa al fatto che la decisone è stata presa dopo una denuncia sporta da un’artista del calibro di Vasco Rossi che si sarebbe sentito danneggiato dai toni usati nelle note a lui riferite:  proprio lui,  quello di “Vita spericolata”, della libertà di dire la propria sempre e comunque, di andare controcorrente, di ribellarsi alle regole. Quello dei clippini informali su Facebook, delle lettere ai fan in cui si lamenta di un paese in cui “siamo abituati a esprimere le nostre opinioni usando una sottile e diplomatica ipocrisia…”.

© Giuseppe Cacace/Getty Images

Vasco Rossi

Una denuncia alla quale sono seguiti contatti infruttuosi con l’avvocato dell’artista, come riportano su Nonciclopedia,  e svariate convocazioni da parte della polizia postale ad alcuni amministratori. Ovviamente la descrizione della vicenda è fatta dagli amministratori del celebre portale  con lo stesso stile politicamente scorretto che ha da sempre caratterizzato il sito: “Care lettrici, cari lettori, cari creditori. Nonciclopedia chiude a causa di una denuncia che Vasco Rossi ha sporto contro il sito.Vasco Rossi si è sentito diffamato dalla pagina che lo riguardava. Probabilmente si terrà un processo, al termine del quale quel brufoloso ragazzino quindicenne che ha scritto la pagina dopo essere stato picchiato dai suoi compagni di classe, adesso dovrà anche pagare gli alimenti al nullatenente Vasco Rossi. Un uomo che ha vissuto l’esperienza della droga, l’esperienza del carcere, l’esperienza di stadi e folle che lo acclamavano, non poteva proprio sopportare l’idea di essere oggetto di satira su Nonciclopedia”-  scrivono con ironia, ma non troppa data la gravità dell’accaduto da Nonciclopedia. Cosa penseranno ora i fan del Basco del loro idolo?  

Tags: , ,


Informazioni sull'Autore

Spirito pratico e razionale, ama la musica in tutte le sue forme come strada per lasciarsi andare alle emozioni. Condivisione e lavoro di squadra sono le sue parole d'ordine; Lenny Kravitz e Francesco De Gregori il suo debole.



4 Responses to Vasco Rossi denuncia Nonciclopedia e il sito chiude

  1. asdasdasd says:

    Ridicolo come sempre.

  2. KurDt says:

    Vergognati!!!! E ritirati prima di vergognarti…

  3. Pipkin says:

    Vasco, sei una tristezza d’uomo.

  4. ghanakpo says:

    la gente non ha senso dell’umorismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi