Recensioni Vasco Rossi - Vivere o Niente - Artwork

Pubblicato il aprile 3rd, 2011 | da edipicamentelettra

8

Vasco Rossi: “Vivere o niente”. La recensione

Dopo 3 anni Vasco Rossi , Blasco per i fan torna in sala registrazione e sforna un nuovo capolavoro.”Vivere o niente” è il sedicesimo album del cantautore, o come lui stesso ama definirsi, del provocautore.Vasco Rossi è sicuramente l’artista più amato e discusso nel panorama musicale italiano.

Vasco Rossi - Vivere o Niente - Artwork

  “Vivere o niente“, prodotto dalla EMI,  contiene 12 tracce ed è stato anticipato dal singolo “Eh già..“. In questo album Vasco dimostra di essere un grande della musica italiana, riuscendo a mantenere il suo stile da un lato e a combinare nuove sonorità che si avvicinano al Jazz e al blues. La prima traccia del disco ‘‘Vivere non è facile” è sicuramente un pezzo molto personale, chitarra, basso ma soprattutto piano si coniugano tra loro ma sopratutto al testo, che racconta un Vasco sicuramente più intimo e straordinariamente umano. “Manifesto futurista della nuova umanità” è la seconda traccia dell’album e forse anche la più complessa, è una canzone decisamente rock dall’inizio alla fine; a dominare la scena è la chitarra elettrica che accompagna la voce di Vasco. Nel complesso potrebbe essere definita una preghiera ad un non Dio, da qui il tono quasi ironico della voce: libero arbitrio, dolore e amore per la vita, definita dallo stesso cantante ”un miracolo che ogni giorno si rinnova”. Il testo si conclude con la frase ”ho fatto un patto sai con le mie emozioni, io lascio vivere e loro non mi fanno fuori”, che riassume la vita o meglio le scelte di vita del cantante. “Starò meglio di così” è la terza tracklist, dell’album dai primi minuti la miscela di suoni che sembra riprodurre il rumore di un treno in viaggio è interrotta nella prima parte dal basso mentre nella seconda parte a dominare è il suono della chitarra. Il testo che già dalle prime tracce dell’album si configurava come un discorso più generale del cantante continua poi anche nella traccia successiva. “Prendi la strada” è il pezzo che all’uscita dell’album in rete ha aperto numerose polemiche su un presunto plagio della canzone “Amori” di Renato Zero. Si presenta subito in tono più leggero, come il testo che è sostanzialmente un invito a vivere la propria vita senza dar peso alle parole degli altri. Arriviamo al singolo che ha anticipato l’intero album,  “Eh già…” uscito il giorno del 59/esimo compleanno del Blasco, pur essendo il pezzo più leggero dell’intero lavoro, il testo e video sono funzionali a introdurre il disco. “Sei pazza di me” è invece il pezzo classico che ci si puo aspettare da Vasco Rossi. Ed arriviamo al pezzo che da il titolo all’intero disco “Vivere o niente” è in assoluto la canzone più bella del disco, un pezzo decisamente rock che racconta un Vasco Arrabiato ma maturo. Altri pezzi sono “L’aquilone”, “Non sei quella che eri”, “Stammi vicino” e “Maledetta ragione”, pezzo di Vasco che risale a circa 20 anni fa riarrangiato per l’occasione dal cantante,  dove a dominare la scena in questo pezzo è il rock-blues dall’inizio alla fine. ”Vivere o niente” sembra essere il coronamento di quel processo di maturazione che era iniziato tre anni fa con ”Il mondo che vorrei”. Un disco che arriva come risposta agli scettici che in passato, ed ancora oggi (in misura minore si spera) lo accusano di essere un superficiale e una persona troppo convinta di sé. I più moderati invece vorrebbero un Vasco Rossi ai tempi di “Alba Chiara“. Nel complesso il nuovo album di Vasco zittisce tutti. Voto
6.5/10
 

Vasco Rossi: "Vivere o niente". La recensione, reviewed by edipicamentelettra on 2011-04-03T11:04:28+00:00 rating 6.5 out of 10

Tags: , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore



8 Responses to Vasco Rossi: “Vivere o niente”. La recensione

  1. Ale P Capua says:

    Voglio andare al concerto di vasco…
    “assolutamentequantoprima”

  2. Andrea says:

    a parte che il disco per me è orrendo, ma quando si decide di fare una recensione e si apre scrivendo “Dopo 3 anni Vasco Rossi , Blasco per i fan torna in sala registrazione e sforna un nuovo capolavoro.”Vivere o niente” è il sedicesimo album del cantautore, o come lui stesso ama definirsi, del provocautore.” tutto bene se pensi che sia un CAPOLAVORO, ma poi dovresti dargli anche 10stelline!

    • mery angioletta says:

      ma vaf**** nn capiosci niente di musica we str**

      • pitrittu says:

        Ha ragione Andrea, i capolavori sono un altra cosa, questo è un cd fatto per pagare un pò di debiti.
        Tranquilla bimba, non sei tu la musa ispiratrice di Vasco, guardati Amici, che forse alcune canzoni sono perfino migliori di quelle che ho ascoltato in questo album…

        • edipicamentelettra says:

          il confine tra l’arte e le mode è una linea sottile, che oggi si è superata con troppo zelo…. C’è solo una differenza le mode passano l’arte resta…

  3. massimo massoni says:

    Sul Web è un proliferare di gente che commenta le canzoni di Vasco solo per offendere, difficile chi sono questi tizzi che si nascondono dietro a nickname vari, probabilmente lo fanno perchè sono dei frustrati, o falliti, oppure gente che cerca di farsi notare in questa maniera. Quand uno uno scrive che l’ultimo cd di Vasco è orrendo, cosa gli vuoi dire, capisco se lo avesse fatto per Stupido Hotel, ma quest’ultimo proprio no. Cmq siamo in democrazia e ha diritto di parola anche gente come questa………..

    • Fabio says:

      Non è ne un capolavoro ne orrendo….diciamo se un paio d canzone nn le avesse messe sarebbe stato meglio…xò secondo me ancora idee buone ne ha e non è certo il peggiore disco in circolazione…xò da qui ai giudizi cn cattiveria che si danno a vasco ce ne passa,se discutiamo d vasco ora meglio darsi all’ippica…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi