Ogni tanto nascono dei fiori nel deserto, come le rose di Atacama. I fiori che interessano a noi non sono rose, ma i loro petali sono note e gli steli sono le chitarre. A far nascere questi fiori ci pensano i ragazzi, quelli che suonano da anni sempre con lo stesso entusiasmo senza retrocedere mai dal loro sogno.
Uno di questi fiori è la band degli Allison flower, nata nel lontano 2001 a Cosenza dall’idea di due compagni di scuola, Giuseppe e Luigi, di formare un gruppo per suonare le canzoni degli artisti che amavano come Soundgarden, Doors, Led Zeppelin, Pearl Jam, Nirvana e Beatles.

Il primo nome del gruppo era Spleen, per la passione di Giuseppe per le poesie di Charles Baudelaire,  le prime canzoni erano cariche di rabbia e la loro melodia era caratterizzata da una struttura musicale diretta e ruvida, canzoni che li portano a suonare il loro inedito “Song of swan” all’I-Tim tour del 2001 a Reggio Calabria.

Il gruppo partecipa nel corso del tempo a molti autorevoli festival (Arezzo Wave, Pistoia Blues, Tim Tour 2002, Adrenalive), registra due EP e l’album d’esordio “Naked to nothing“, crea il videoclip del singolo “Time’s rail“: la band si evolve, cambiano alcuni elementi fino ad arrivare alla formazione attuale con  Giuseppe Oliva alias Joss Alive (voce e chitarra), Luis (chitarre), JpManux (batteria) e Gezz (basso), partecipa a nuovi contest e spettacoli e cambia il suo nome in Allison Flower.

Allison Flower - Mirrors - Artwork
Allison Flower – Mirrors – Artwork

La band ha finalmente prodotto un suo nuovo lavoro un EP composto da 4 tracce dal titolo “Mirrors“: il suono è un suono ruvido e diretto, che richiama molto i Tool e i Pearl Jam, senza dimenticare i Puddle of Mud. Un suono che ricorda vari sottogeneri del rock senza adagiarsi su nessuno di essi, se è vero che passiamo dal grunge rock alla Pearl Jam di “Molly wants a bullet” al post-grunge dei Puddle of Mud o a quello puro dei Soundgarden, passando per il rock alla Tool di “Rise” e il rock alla Alter Bridge di “Broken Skies“. Quattro canzoni che prendono spunto da altri gruppi per esprimere un proprio suono personale, con un risultato più che apprezzabile. L’unico peccato è che siano solo 4 tracce, che non permettono di giudicare appieno il potenziale della band. Aspettiamo un loro lavoro più organico.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.