Da quanti anni ascolto musica, posso dire che i suoni saranno anche solo 12, ma che la loro capacità di essere mescolati è pressoché infinita. E questa innata caratteristica della musica permette, insieme alle idee di chi fa musica, di creare prodotti assolutamente originali. Che siano belli o brutti, quello è un altro paio di maniche.
Nella categoria dei progetti originali rientra appieno questo EP dei Monkey Mono e The Machine Orchestra, alias la premiata coppia Ray-Beekay, che creano questo “La tempesta perfetta“, un disco di solo 6 tracce che fa strabuzzare gli occhi e che fa venire voglia di sentire ancora le loro elucubrazioni mentali e musicali.

Il duo Monkey Mono & The Machine Orchestra nasce nel febbraio 2008 in Lombardia, nella nebbia della pianura padana, sull’asse Milano-Novara, linea immaginaria che unisce la calma e la nevrosi, così come la musica dei MM&TM unisce la dance anni ’80 in pieno sfoggio synth ed il rap più moderno.

Nella musica di Ray e Bk si nota l’influenza della scena dance/elettronica indipendente milanese ma anche un certo gusto per le atmosfere retrò anni ’80 e per una certa musica elettronica moderna, passando dai Subsonica a Scooter passando per i Depeche Mode, il tutto intrecciato e a volte sovrastato da questo cantato moderno molto effettato e che recita una scrittura “impegnata” che sembrerebbe più tipica di ambienti rock/indie o cantautorali.

Il disco, come detto prima, contiene 6 tracce, divisibili in 3 grossi tronconi:  il primo contiene le prime tracce, tra cui la title track dal suono alla Prodigy, il racconto di “Il primo passo sulla Luna” il cui cantato richiama il primo Garbo e la dolcezza di un racconto triste con il sottofondo alla Nicotina Groove di “Ombre cinesi“.

 

Monkey Mono e The Machine Orchestra - "La tempesta perfetta" - Artwork
Monkey Mono e The Machine Orchestra – “La tempesta perfetta” – Artwork

Il secondo pezzo comprende il duetto “Cattivi ragazzi” e “Bravi ragazzi! (quest’ultima scelta come singolo del disco con tanto di video molto eighties): i due pezzi sono molto diversi tra di loro, con il primo bravo che spinge molto sui bassi ed il secondo che è una cover di un pezzo di Miguel Bosè, dal suono molto anni ’80 ma dal testo attualissimo.

L’ultimo troncone del disco è costituito da una sola canzone, “Afterlife“, che devo ammettere mi ha lasciato spiazzato al primo ascolto: un brano dal suono duro e minimo in cui un marito/compagno parla della sua vita dopo la morte della compagna/moglie. Un brano dalla lucidità sconvolgente e dall’ascolto davvero difficile, un pugno nello stomaco diretto e preciso, una canzone da tenere a mente.

Se la band è così esplosiva dal vivo, il vero punto di forza sta nei loro concerti, innovativi e molto adrenalinici, dove i Monkeys nascondono la voce dietro un “milione” di filtri e dove si danno a mille “moderni virtuosismi” dietro la console.

Alla fine, dopo l’ascolto, posso dire che sono rimasto piacevolmente colpito da questo EP: la musica elettronica non è ostacolo alle ritmiche hip-hop ma la loro forza e sostanza, e i testi impegnati mostrano uno spaccato della società di oggi allarmato e allarmante. Un ottimo progetto in cui spiccano due brani come “Bravi ragazzi” per la sua orecchiabilità (ma che non fa rima con mancanza di sostanza) e “Afterlife” per il lucido dolore che la attraversa. Pollice alto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.