News Bring me the horizon | © sito Myspace

Pubblicato il gennaio 2nd, 2012 | da Stefano Pellone

0

Bring Me The Horizon, influenze post-rock per il nuovo album

La band deathcore/metalcore inglese dei Bring Me The Horizon parlando del nuovo progetto musicale ha dichiarato che per il loro nuovo e quarto disco ha subito moltissimo le influenze del post rock, almeno stando alle ultime dichiarazioni del loro chitarrista, Jona Weinhofen , alla rivista di musica Alternative Press.

Weinhofen ha parlato di come gruppi post-rock come Explosions In The Sky e This Will Destroy You abbiano influenzato la composizione del loro nuovo album, che segue il fortunato “There Is A Hell, Believe Me I’ve Seen It. There Is A Heaven, Let’s Keep It A Secret” del 2010  e sul quale la band ha intenzione di tornare al lavoro nell’estate di quest’anno con la formazione attuale, che prevede il cantante Oliver Sykes, il bassista Matt Kean, il batterista Matt Nicholls e i due chitarristi Lee Malia e Jona Weinhofen.

Bring me the horizon | Myspace ufficiale

E proprio lo stesso Weinhofen ha dichiarato quanto lui e l’altro chitarrista, Lee Malia, siano stati ispirati dal post-rock per il loro nuovo materiale:

Lee e io stiamo ascoltando moltissimo post-rock ultimamente. Può suonare strano, ma quando ascoltiamo questa musica rilassata ed epica pensiamo “Se questo fosse heavy metal – se facessimo metal di questo tipo – questa è esattamente come vorremmo suonasse la nostra musica.

Il chitarrista ha anche detto che la band ha grandi aspettative su questo, anche se non hanno ancora scritto molto materiale:

Abbiamo davvero grandi aspettative su questo disco. Tutta via, c’è veramente molto poco materiale nuovo su cui lavorare, non siamo molto bravi ad essere motivati per scrivere pezzi nuovi quando siamo in tour.

I Bring Me The Horizon hanno anche svelato che esiste un film, registrato dal fratello di Oli Sykes, Tom Sykes, durante il loro costoso tour mondiale, della durata di 46 minuti e che viene definito dallo stesso gruppo estremamente NFSW (“not safe for work”, ovvero dal contenuto inappropriato e imabarazzante). Vedremo se verrà fuori in qualche modo.

Tags: , ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi