Stop forzato per George Michael che, in questo periodo molto fortunato di tourneé mondiali, incappa nel primo passo falso. Stavolta a metterci lo zampino è stata la sfortuna, però, lui non ha fatto assolutamente niente di sbagliato, anzi. I suoi concerti stanno facendo il tutto esaurito e si dimostra sempre un grande performer, nonostante il quasi mezzo secolo di età, eppure anche lui è umano.

George Michael | © Vittorio Zunino Celotto/Getty Images

Si è diffusa la notizia nelle ultime ora che George Michael è stato ricoverato in ospedale a Vienna: non un malore passeggero, ma polmonite è la diagnosi resa nota dai medici che lo stanno seguendo. Per questo motivo sono state annullate alcune date del “Symphonica: The Orchestral Tour”, che nei prossimi giorni si sarebbero svolgere a Vienna, Londra, Strasburgo e Cardiff.

Già alla fine del mese di Ottobre, George Michael aveva avuto problemi di salute, un’infezione virale nella fattispecie, che lo aveva costretto a far slittare di un paio di giorni il concerto al Royal Albert Hall di Londra e ad annullare altre date.
Il suo portavoce, Connie Filippello, ha dichiarato:

Con grande dispiacere, George Michael è stato forzato a rimandare i suoi spettacolo del 26 e 27 novembre a Cardiff, a causa della sua malattia in corso. George è stato recentemente costretto a rinviare anche le date a Vienna e Strasburgo sotto gli ordini del dottore dopo essergli stata diagnosticata una polmonite. In questo momento è sotto trattamento medico. I piani con le date posticipate saranno rese disponibili appena possibile.

Periodo dorato sul lavoro per George Michael, decisamente nero per la salute, che non gli dà tregua. E’ una di quelle norme non scritte che spesso e volentieri vediamo applicarsi al nostro quotidiano: quando una parte della tua vita vola alle stelle, l’altra va totalmente a rotoli. Ovviamente speriamo che siano dei malori passeggeri, che se ne vadano via così in fretta come sono venuti.
Non vediamo l’ora di vederlo di nuovo sul palco.

1 commento

Rispondi