L’esordio di Jesse Malin risale al  2003, anno in cui esce “The Fine Art of Self Destructionprodotto dall’amico Ryan Adams, conosciuto ai tempi del suo primo gruppo i D Generation, di cui Adams era fan. Già con quel primo album il cantante newyorkese si era guadagnato il consenso della critica: seguirono “The Heat” del 2004 per la One Little Indian, album fatto di ballate introspettive e romantiche e “Glitter in the Dark” del  2007 con una riuscita collaborazione tra Jesse e Bruce Springsteen nel brano Broken Radio.

JESSE MALIN & the St. Marks Social
Qualche anno dopo  insieme ad un gruppo di amici definiti The St. Marks Social ha realizzato un nuovo disco, “Love it To Life , uscito ad Aprile 2010 che ha segnato  il ritorno vero e proprio di Jesse Malin in studio. Il nuovo progetto JESSE MALIN & the St. Marks Social sbarcherà in Italia con due date a metà Novembre  inserite nel tour  “Wont Be Home Til Xmas” che porterà il gruppo a girare per l’Europa. A partire dal 10 Dicembre invece le tappe americane.

  • Lunedì 15 Novembre – Cantù (Como), All’Una & 35 Circa
  • Martedì 16 Novembre – Scandiano (Reggio Emilia), Corallo

Rispondi