News

Pubblicato il ottobre 29th, 2015 | da Vittoria Borgese

0

I Massive Attack in concerto a casa tua con Guestar

Guestar – la prima piattaforma online che mette in contatto fan e artisti per organizzare eventi live a casa propria annuncia che i prossimi artisti che hanno aderito a questi house-concert sono i Massive Attack diventando così la prima band internazionale che prende parte all’avventura di Guestar.
La band di Bristol, pioniere del trip-hop, ha scritto le pagine più cool degli anni ’90, trasformando l’hip-hop newyorkese in un concentrato di soul, jazz, rock ed elettronica dalle atmosfere inconfondibili.

La data dello speciale appuntamento con i Massive Attack è lunedì 7 dicembre 2015 e la modalità d’invito per questa incredibile opportunità resta invariata, diventare protagonisti di Guestar è molto semplice: dopo l’iscrizione gratuita su guestar.com chiunque potrà creare da oggi una proposta d’invito inserendo fotografie, video e testi per convincere i Massive Attack a fare una scelta. Sarà la band a selezionare personalmente la casa o la location in cui esibirsi, tra quelle candidate sul sito entro il 18 novembre comunicando poi la scelta il 20 novembre sui canali ufficiali di Guestar, di TimeToLove e sui social degli artisti.

Grazie a Guestar e a TimeToLove la band di Bristol darà vita a un dj set unico e speciale, a casa di coloro che offriranno l’ospitalità più coinvolgente e intrigante. Si possono invitare i Massive Attack a suonare in tutta Italia il 7 dicembre senza limiti geografici.

Guestar – la prima piattaforma online che mette in contatto fan e artisti per organizzare eventi live a casa propria – e TimeToLove – la Onlus che sostiene ogni anno un importante progetto umanitario, in particolare quelli dedicati a donne e bambini di tutto il mondo

Ecco l’invito “Massive Attack DJ Set live a casa tua”

 

Tags: , ,


Informazioni sull'Autore

Spirito pratico e razionale, ama la musica in tutte le sue forme come strada per lasciarsi andare alle emozioni. Condivisione e lavoro di squadra sono le sue parole d'ordine; Lenny Kravitz e Francesco De Gregori il suo debole.



Rispondi

Torna in alto ↑