Muse1Kasabian ed Arctic Monkeys hanno guidato la lista delle nomination dell’edizione 2010 degli Shockwaves NME Awards,  tenutosi a Londra. Lo show ideato dal settimanale musicale NME(New Musical Express) è stato fondato nel 1952 ed è specializzata in musica rock e alla promozione di nuove band . Il red carpet è stato calcato da artisti e band del calibro di Slash, The Horrors ed Arctic Monkeys….
Ma i veri protagonisti della serata degli NME Awards 2010, assegnati ieri sera alla O2 Academy di Brixton, a Londra , sono stati i Muse e i Kasabian. Le band hanno vinto due premi a testa. I Muse come miglior band britannica e per il miglior sito Web “muse.mub “.

I Kasabian con il miglior album “West Ryder Lunatic Pauper Asylum” e la grafica di copertina. Agli Arctic Monkeys è andato il premio per la migliore live band. Il migliore evento live è stato proclamato quello dei Blur ad Hyde Park. I premi della rivista New Musical Express sono stati il risultato di un referendum popolare che ha sommato 3.600.000 voti del pubblico. Il premio per il miglior gruppo internazionale è andato agli americani Paramore. Il premio speciale Godlike Genius è andato a Paul Weller, mentre quello per il contributo al mondo musicale è andato agli Specials. Miglior solista è Jamie T. Miglior gruppo esordiente i Bombay Bicycle Club. Tra i premi più curiosi quello per il personaggio positivo dell’anno, andato ai Rage Against The Machine mentre i personaggio più cCattivo dell’anno è stato proclamato Kanye West.
Lady Gaga è riuscita ad aggiudicarsi contemporaneamente i premi di meglio e peggio vestita. I Jonas Brothers hanno vinto, si fa per dire, come peggior band e per il peggior album. A Matt Bellamy dei Muse e Karen O degli Yeah Yeah Yeahs, sono andati i riconoscimenti di personaggi più “hot”. Infine il premio speciale Giving It Back Fan Award, la migliore iniziativa per i fan, è andato a Lily Allen per la caccia al tesoro dei suoi biglietti su Twitte r.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.